> L'Agenzia per la Protezione dell'Ambiente (EPA) americana inizia a regolamentare le nanotecnologie
Il crescente utilizzo di nanotecnologie per applicazioni di larga diffusione solleva preoccupazioni sull'impatto dei nanomateriali sull' ambiente e sulla salute dell'uomo. L'Agenzia a tutela dell'ambiente americana emette le prime regole.
di 15-01-07
I prodotti per consumatori che utilizzano nanoparticelle di argento per uccidere i germi dovranno ottenere l'approvazione dell'EPA. Questa è la prima mossa del governo nel regolamentare la crescente industria delle nanotecnologie. Ora i fabbricanti dovranno dimostrare scientificamente che l'utilizzo di nanoargento non è pericoloso per la salute pubblica. Gli ambientalisti ed altri sono preoccupati che il materiale, gettato nei rifiuti ed accedendo all'ambiente, possa essere letale per batteri utili o organismi aquatici, o addirittura essere pericoloso per l'uomo. Il nanoargento è utilizzato per disinfettare contenitori per cibo, lavatrici, fodere di scarpe ed altri prodotti. L'argento è tra i più comuni dei circa 200 nanomateriali in commercio. L'obiettivo delle nanotecnologie in ambito commerciale è di sviluppare nuovi prodotti e materiali a livello atomico e molecolare, ma non si conosce molto sull'impatto ambientale e sulla salute di questi sviluppi. Anche la Food and Drug Administration (FDA) americana sta considerando di regolamentare le nanotecnologie.