• Andrea Daquino

L’acqua è una risorsa limitata

In un periodo di siccità record, gli agricoltori americani hanno prosciugato le risorse idriche, utilizzando senza alcuna forma di regolamentazione le falde acquifere sotterranee per la produzione di cibo e abbigliamento.

di Alok Jha 25-12-21

La Sulphur Springs Valley è un deserto battuto dal vento nel sud-est dell'Arizona, delimitato su tre lati da catene montuose ricoperte da foreste conosciute come le isole del cielo. Può volerci un'ora o più per spostarsi tra i centri abitati della valle, ma la comunità è affiatata in quanto molti contadini frequentavano la stessa scuola (come facevano i nonni) e oggi pascolano il bestiame sul pianure e coltivano mais, soia e uva. 

 

Tutto questo è possibile grazie a una falda acquifera sotto la valle. Questo strato di roccia e suolo ha accumulato la sua umidità per decine di migliaia di anni, catturata durante la stagione dei monsoni o quando la neve sulla vicina cima della montagna si scioglieva. Per generazioni, gli agricoltori - e molti altri che sono emigrati in tutto il paese per fare di questo paesaggio epico la loro casa - hanno inverdito il loro deserto, scavando pozzi a poche centinaia di metri nel terreno e attingendo alle falde acquifere sottostanti. 

 

Nell'ultimo decennio, tuttavia, questi pozzi hanno iniziato a esaurirsi. Muovendosi tra le fattorie a conduzione familiare si possono vedere migliaia di acri di alberi ordinati con noci pecan e pistacchi, vasti campi di erba medica e mais, enormi mandrie da latte e file di serre da pomodori che coprono il deserto un tempo arido. Questo enorme tappeto di agricoltura industriale, con cibo coltivato per l'esportazione in tutto il mondo, richiede pozzi profondi per essere sostenuto. Per ogni 100 acri circa, il proprietario di una fattoria aziendale scaverà un pozzo profondo 600 metri e tirerà su acqua dall'antica falda acquifera fino a 7.500 litri al secondo, spesso 24 ore al giorno. Gli impianti di perforazione spesso ricordano quelli usati per il petrolio.

 

Non ci sono quasi regolamenti che disciplinano l'estrazione delle acque sotterranee in Arizona. Finché le fattorie pagano una tassa di autorizzazione, possono pompare quanto vogliono. In aggiunta all'eccessiva estrazione di acqua dalla falda acquifera, l'Arizona (insieme al sud-ovest americano in generale) sta ora vivendo una delle peggiori siccità della sua storia, probabilmente causata dal riscaldamento globale. Man mano che la regione diventa più calda e più secca, richiedendo una maggiore estrazione dalla falda acquifera, meno acqua arriva dai monsoni o dallo scioglimento della neve per ricostituirla.

 

Quello che non sappiamo sul ciclo dell'acqua

 

A scuola insegniamo ai bambini il ciclo dell'acqua: dagli oceani al cielo, alla terraferma, ai bacini d'acqua dolce e infine di nuovo agli oceani. Questo tipo di spiegazione sorvola su un elemento decisivo, ossia che il ciclo dell'acqua può richiedere decenni o centinaia di anni per completarsi. Gran parte dell'acqua dolce che usiamo ogni giorno proviene dalle acque sotterranee, che possono impiegare centinaia o migliaia di anni per accumularsi. Se usiamo l'acqua più velocemente di quanto possa essere reintegrata, o la inquiniamo e la scarichiamo nei mari più velocemente di quanto il ciclo naturale dell'acqua possa pulirla, alla fine la risorsa si esaurirà.

 

Se invece si pensa all'acqua come a un materiale finito che viene consumato più o meno allo stesso modo del petrolio o del gas, si prende in considerazione come viene impiegata nei diversi comparti economici. Più del 70 per cento dell'acqua finisce nel sistema di produzione alimentare, per esempio. Ma l'acqua è un elemento importante per tanti altri prodotti, dalle magliette alle automobili ai chip dei computer.

 

Allo stesso modo di quella del carbonio, l'impronta idrica può essere una scorciatoia utile per comprendere l'impatto ambientale di un prodotto o delle proprie azioni. L'impronta idrica di una tazza di caffè, per esempio, è di circa 140 litri. Ci vogliono circa 15.000 litri per far crescere un chilo di carne bovina. Un paio di fette di pane possono consumarne 100 litri. Un chilogrammo di cotone (un paio di jeans e una maglietta, diciamo) può avere un'impronta da 10.000 litri a più di 22.000 litri, a seconda di dove è stato coltivato.

 

Ciò significa che paesi e aziende, ogni volta che commerciano merci, spostano in effetti enormi quantità di acqua attraverso i confini. Ma poiché l'impronta idrica di cibi o vestiti o qualsiasi altra cosa non viene mai riconosciuta in questo commercio, il movimento dell'acqua stesso non può essere regolato adeguatamente.

 

In parte per questo motivo, paesi più ricchi come l'Arabia Saudita e la Cina hanno iniziato ad acquistare terreni in altri paesi per compensare la propria mancanza di acqua dolce. Se non riescono a trovare abbastanza acqua all'interno dei propri confini, perché non importarla semplicemente (incorporata nel cibo) da qualche altra parte? Il problema è che i posti in cui hanno fatto acquisti sono essi stessi a corto di acqua, compresi i paesi dell'Africa subsahariana e la Sulphur Springs Valley nel sud-ovest dell'Arizona.

 

Perché l'Arizona? Perché il terreno è a basso costo e ben collegato agli aeroporti, e perché la normativa sull'uso dell'acqua é pressoché inesistente. Gli Stati Uniti sono, infatti, il più grande esportatore di acqua sulla terra, secondo Robert Glennon, professore di diritto all'Università dell'Arizona e uno dei massimi esperti di politica idrica del Paese. Glennon ha calcolato che durante una recente grave siccità, gli agricoltori nell'ovest americano hanno utilizzato più di 370 miliardi di litri d'acqua per coltivare erba medica che è stata poi spedita principalmente in Cina.

 

Negli Stati Uniti, le acque sotterranee sono regolate dalla dottrina dell'"uso ragionevole", che Glennon liquida a tutti gli effetti come "un ossimoro". Questa politica consente "l'uso illimitato dell'acqua fintanto che è per uno scopo ragionevole", dice, "e tutto è ragionevole. È solo un lasciapassare per lo sfruttamento delle risorse". 

 

Più veloce di quanto si pensi

 

Ci si potrebbe aspettare che questa venga considerata una delle principali priorità internazionali, ma non è così.  Maggie White, senior manager della politica internazionale dello Stockholm International Water Institute (SIWI) afferma che anche se l'acqua è ovunque ed è necessaria per tutto, non è mai stata considerata prioritaria nei regolamenti perché non ha una lobby ufficiale. Le esigenze idriche di industrie potenti come l'agricoltura e l'energia hanno la priorità rispetto alla gestione delle forniture idriche globali. 

 

White mi ha raccontato delle difficoltà che ha dovuto affrontare mentre cercava di far menzionare la crisi idrica nei testi ufficiali dell'accordo sul clima di Parigi nel 2015. Il punto critico per molti negoziatori era che le risorse idriche erano viste come una questione locale o nazionale. Non appena si è cercato un accordo multilaterale, sono stati sollevati problemi di sovranità. L'acqua è sempre stata una fonte di contesa tra i paesi, quindi alcuni potrebbero ritenere che ci sia una buona ragione per tenerla fuori da qualsiasi trattativa, ma la realtà è che il problema dell’acqua non è mai stato affrontato seriamente.

 

Per vedere quanto sia globale la crisi imminente, può essere utile guardare allo spazio. Da quando è stata lanciata nel 2002, la missione Gravity Recovery and Climate Experiment (GRACE) della NASA ha misurato i movimenti dell'acqua nel mondo con due satelliti, ciascuno delle dimensioni di un'auto, che spaziano sulla superficie del pianeta e rispondono ai rimorchiatori gravitazionali delle masse sottostanti. 


Durante una tempesta di neve o un’inondazione, l'attrazione gravitazionale della maggiore quantità di acqua attira i satelliti più vicino alla superficie. Nelle zone aride i satelliti rimangono più lontani. Tenendo traccia degli spostamenti dei satelliti, gli scienziati possono mappare le regioni del mondo che stanno guadagnando o perdendo acqua nel tempo. 

 

Gli scienziati sapevano già che le calotte glaciali in Groenlandia e in Antartide si stavano sciogliendo, ma GRACE ha mostrato quanto. Dal 2002, la Groenlandia ha perso circa 280 miliardi di tonnellate di ghiaccio all'anno, causando un aumento del livello del mare globale di 0,8 millimetri all'anno. L'Antartico ha visto scomparire circa 150 miliardi di tonnellate di ghiaccio all'anno nello stesso periodo. Anche i ghiacciai dell'altopiano tibetano e dell'Alaska e del Canada occidentale si sono ritirati. GRACE ha anche rivelato che più della metà delle principali falde acquifere del mondo si stavano esaurendo, comprese quelle nella Central Valley della California, nel Sahara nordoccidentale, nella penisola arabica, in India, Pakistan e nella pianura della Cina settentrionale.

 

Le due cause principali sono l'uso eccessivo da parte dell'uomo delle risorse idriche sotterranee e la siccità estrema causata dal cambiamento climatico. La crisi climatica e la crisi idrica sono quindi interconnesse. GRACE ha mostrato che le impronte digitali umane sul paesaggio d'acqua dolce sono la forza dominante che cambia i modelli di disponibilità di acqua in tutto il mondo e che le minacce alla sicurezza dell'acqua stanno arrivando più velocemente di quanto si pensi.

 

Chi vive nella Sulphur Springs Valley dell'Arizona da generazioni lo ha capito da tempo. Con le fonti d'acqua superficiali che si stanno prosciugando e con l'esaurimento della falda acquifera, molti di loro non hanno avuto altra scelta che lasciare le loro case e fattorie.

 

Alok Jha è corrispondente scientifico di "The Economist" e autore di The Water Book (Headline, 2015).

(rp)