• Emmanuelle Charpentier and Jennifer A. Doudna, vincitrici del Premio Nobel per la Chimica 2020. Nobel

L’accademia di Stoccolma premia le due scienziate delle “forbici genetiche”

La biochimica statunitense Jennifer Doudna, dell'Università della California, a Berkeley, e la microbiologa francese Emmanuelle Charpentier, del Max Planck Institute di Berlino, hanno vinto il Premio Nobel per la Chimica 2020, per aver scoperto e sviluppato il metodo di editing del genoma denominato Crispr/Cas9.

di Antonio Regalado 08-10-20
La tecnologia delle "forbici genetiche" ha rivoluzionato la ricerca di laboratorio ed è già stata testata sui pazienti come un modo per curare la cecità e l'anemia falciforme. È stata anche utilizzata per creare mais, maiali e cani modificati geneticamente e, aspetto che ha suscitato grandi controversie, esseri umani. La tecnica è così potente perché è semplice da usare, coinvolge solo una proteina specializzata per il taglio del DNA e una molecola "guida" che può dirigerla ovunque in un genoma.