• Unsplash
Inutile l'appello finale dei repubblicani sui social per andare a votare
Il divieto di pubblicità di Facebook non ha impedito ai comitati elettorali di cercare di aumentare l'affluenza alle urne il giorno delle elezioni, con il gruppo repubblicano che ha speso oltre 1 milione di dollari solo il 3 novembre.
di Tate Tyan-Mosley 10-11-20
Alla mezzanotte del 26 ottobre, Facebook ha smesso di accettare tutte le nuove pubblicità su "questioni sociali, elezioni o politica negli Stati Uniti". L'intenzione era quella di evitare che la piattaforma fosse sopraffatta da una serie di annunci dell'ultimo minuto che avrebbero richiesto il controllo dei fatti e di limitare la capacità dei gruppi politici di seminare confusione o violenza. Tuttavia, agli inserzionisti non è stato impedito di pubblicare vecchi annunci: le regole di Facebook prevedevano che si potesse continuare a pubblicare annunci politici già approvati fino alla fine del giorno delle elezioni in cui sarebbero stati rimossi. 

Sappiamo già che l'affluenza è stata storicamente elevata sia tra gli elettori democratici che tra i repubblicani. Joe Biden avrà il maggior numero di voti mai ricevuti da qualsiasi candidato alla presidenza nella storia e Donald Trump è sulla buona strada per collocarsi al secondo posto. La competitività repubblicana di fronte a un'affluenza così alta è stata una sorpresa per molti, e non si è sempre riflessa nei sondaggi prima del voto stesso. Ci sono una serie di possibili spiegazioni, ma una delle cause principali è stato l’enorme investimento dell'ultimo minuto in pubblicità che ha incoraggiato l'affluenza dei repubblicani. 

Cosa dicono i dati

La spesa maggiore per il giorno delle elezioni è stata effettuata da "Register to Vote Republican", una pagina registrata dal Comitato Nazionale Repubblicano. 1,3 milioni in annunci solo il 3 novembre. Infatti, dalla sua creazione il 24 luglio ha investito circa 5,3 milioni di dollari per la campagna elettorale, di cui circa 3,3 milioni di dollari nei sette giorni prima della pausa elettorale. 

La strategia 

Gli annunci del tipo "Andate a votare" sono tipici della fine di una campagn elettoralea, ma la spinta dell'ultimo minuto per registrarsi al voto da parte dei repubblicani ha dominato gli annunci politici su Facebook negli ultimi giorni prima delle elezioni. Gli annunci creati da “Register to Vote Republican”, che contengono messaggi standard di mobilitazione, sono stati promossi su Facebook soprattutto a partire dal 25 al 26 ottobre. 

Una volta che tali annunci sono stati approvati e nel sistema di Facebook, il denaro ha continuato a pompare nelle campagne e gli annunci sono stati sottoposti a una serie costante di modifiche e modifiche reindirizzandoli verso alcuni stati contesi. 

Secondo la Ad Library di Facebook, nella settimana fino al giorno delle elezioni si sono verificati più di 50 modifiche agli annunci, con la maggior parte dei cambiamenti avvenuti il 2 e il 3 novembre. È difficile analizzare esattamente quanti soldi e quante attenzioni siano state indirizzate a ciascuno stato, ma è chiaro che gli annunci dell'ultimo minuto volti a incrementare l'affluenza alle urne erano fortemente concentrati in Florida, Georgia, North Carolina, Arizona, Wisconsin, Pennsylvania e Michigan. 

Questo è un grande cambiamento rispetto ai precedenti tentativi repubblicani di rafforzare l'affluenza alle urne attraverso la pubblicità digitale. Nel 2016, il partito ha speso poco meno di 3 milioni di dollari in pubblicità digitali mirate a favorire l'affluenza alle urne, rispetto a un totale di 60 milioni di dollari nel 2020.

Secondo i dati dell'Ad Observatory, un progetto di monitoraggio della New York University, dal 12 ottobre Donald Trump ha speso più di un milione di dollari rispetto a Joe Biden su Facebook per annunci che menzionavano "voto" o "scrutinio". 

La campagna Biden ha speso complessivamente più soldi per gli annunci di Facebook destinati a invitare gli elettori ad andare a votare, ma l’investimento si è concentrato all'inizio della campagna elettorale. Biden ha anche investito molto negli annunci su Facebook durante l'ultima settimana delle elezioni, spendendo più della campagna di Trump durante lo stesso periodo di tempo. 

Ma la maggior parte degli aggiustamenti effettuati nella settimana prima del 3 novembre si sono concentrati sulla pubblicità persuasiva negli stati contesi, come i messaggi su questioni economiche, e non sugli annunci per aumentare l'affluenza alle urne. 

I democratici si erano concentrati sui voti per corrispondenza e sul voto anticipato a causa della pandemia, e potrebbero aver investito meno in annunci sull'affluenza alle urne verso la fine a causa della consapevolezza che gli elettori avevano già votato prima del giorno delle elezioni.

Non è ancora chiaro quanto durerà il divieto di Facebook di nuovi messaggi politici. Inoltre, i dati sugli annunci fino al giorno delle elezioni sono tutt'altro che definitivi ed è difficile trarre conclusioni dirette da ciò che si sa. In effetti, la reale efficacia degli annunci di Facebook è stata messa in discussione molte volte. 

Ma ciò che è chiaro è che l'affluenza storica ha rafforzato le prestazioni repubblicane e democratiche nelle elezioni del 2020, e che il mail-in e il voto anticipato hanno favorito i democratici mentre il voto nella giornata elettorale ha premiato i repubblicani. La forte partecipazione potrebbe aver influito anche sui risultati delle elezioni per la Camera dei Rappresentanti - dove i Democratici hanno perso alcuni seggi - e il Senato, dove i Repubblicani e i Democratici sono attualmente in fase di stallo in attesa di due ballottaggi che saranno decisivi per stabilire chi avrà la maggioranza.

(rp)