• Ms Tech / Pexels

In India, la risposta al covid è il crowdsourcing

Da Tinder alle app dei social media a Google Docs, le persone si stanno mobilitando alla ricerca di ossigeno, farmaci e attrezzature mediche con poco aiuto da parte del governo.

di Varsha Bansal 29-04-21
Sohini Chattopadhyay 30 anni, aveva quasi rinunciato alla sua ricerca medica prima di decidere di provare un'ultima bizzarra idea: cercare un donatore di plasma per un’amica d'infanzia che stava combattendo contro il covid-19 nella città indiana orientale di Calcutta. I livelli di ossigeno della donna stavano precipitando e i medici avevano detto che "il plasma donato da un sopravvissuto al covid, avrebbe potuto fornire gli anticorpi di cui aveva bisogno per migliorare.

Alle 11 di sera, dopo aver pubblicato post sui social media e non essere riuscita a trovare contatti promettenti, Chattopadhyay ha finalmente provato un approccio diverso: Tinder. Lei e un suo amico hanno creato un account gratuito ciascuno sull'app di appuntamenti e sono passati direttamente ai profili "mi piace" di chiunque avesse un aspetto sano e vicino alla loro età. Il suo profilo diceva: "Un premio a chi dona il plasma per la mia migliore amica". Chattopadhyay ha raggiunto il limite di Tinder sui "Mi piace", ma il suo amico è riuscito a ottenere una risposta da qualcuno che aveva il gruppo sanguigno giusto e, con loro sorpresa, era disponibile. 

Sebbene sia una storia isolata, rappresenta perfettamente i diversi modi in cui i cittadini indiani si stanno muovendo online per aiutare i loro cari mentre il paese si trova ad affrontare circa 350.000 nuovi casi di covid al giorno, un picco drammatico che risale ai primi di aprile. E senza sufficienti azioni o informazioni da parte del governo, i cittadini comuni si rivolgono ai social media per raccogliere tutto, dall'aiuto finanziario alle attrezzature mediche. 

Stanno inondando Twitter e Instagram con richieste di letti ospedalieri, forniture di ossigeno, farmaci antivirali e plasma di donatori convalescenti; stanno creando documenti Google, siti e app web per far incontrare domanda e offerta. 

Questa settimana, diversi paesi si sono mobilitati per aiutare: il Regno Unito sta inviando ventilatori e concentratori di ossigeno, mentre la Russia prevede di inviare generatori e farmaci. Dopo alcune pressioni, l'amministrazione Biden ha accettato di inviare le materie prime per altri vaccini e altre forme di aiuto, inclusi ventilatori e dispositivi di protezione individuale. 

Ma non è chiaro se gli aiuti internazionali possano aiutare a superare le carenze di approvvigionamento in una situazione senza precedenti. Solo un mese dopo che il ministro della salute ha dichiarato che il paese era nella "fase finale" della pandemia di covid-19, l'India si trova a fronteggiare un numero di casi più alto di qualsiasi altro paese e alcuni sostengono che le morti, già ufficialmente intorno alle 200.000 secondo i dati ufficiali, siano sottostimate

Uno stato disperato

Aanchal Agrawal è un volontario che lavora per mettere in contatto le persone con le risorse disponibili tramite Twitter. Il novanta per cento della fornitura d’ossigeno in India - 7.500 tonnellate metriche al giorno – è destinata ai pazienti con covid. Tuttavia, la domanda è stata così schiacciante che qualsiasi possibilità di forniture extra, indipendentemente dal prezzo, è scomparsa rapidamente. 

Agrawal, un giovane creatore di contenuti web, ha trascorso le ultime due settimane a mettere in contatto i suoi 42.000 follower per verificare dove trovare l’ossigeno. "Molte persone non sanno a chi rivolgersi, e anche quando raggiungono qualcuno, le medicine si esauriscono rapidamente perché la domanda è alta", egli afferma.

Agrawal è anche in contatto con almeno 200 volontari che stanno aiutando a trovare fonti verificate di ossigeno, letti e farmaci antivirali, ma i numeri di contatto imprecisi o obsoleti sono un grave problema. La disinformazione volontaria, tuttavia, è più un'eccezione che la norma.

Le cose si sono complicate perché il governo indiano ha chiesto a Twitter e Facebook di eliminare alcuni post critici su come è stata gestita la pandemia. Finora ne sono stati rimossi circa 100. Il governo ha affermato che "diffondono informazioni false o fuorvianti" e che hanno creato "panico per la situazione del covid-19 in India utilizzando immagini vecchie e decontestualizzate". 

I critici dicono che questo è un passo verso la censura e che i post negativi non dovrebbero essere rimossi sotto l'egida della protezione degli utenti dalla disinformazione. Nel frattempo, i volontari stanno lavorando duramente per mantenere aggiornate le informazioni. Prachi Salve, un program manager della fondazione di ricerca senza scopo di lucro IndiaSpend, ha ora un team di cinque persone che smascherano lead imprecisi, in particolare numeri di telefono sbagliati per fornitori o risorse, e effettuano 350 chiamate al giorno. A suo parere, solo il 5-10 per cento arriva al loro elenco "verificato", che è disponibile pubblicamente per essere utilizzato dalle persone. Un problema, afferma, è che "i lead scaduti dell'anno scorso vengono riciclati".  

È stato solo dopo molte false partenze che Isha Bansal, 23 anni, ha finalmente trovato fornitori per un kit per bombole di ossigeno e iniezioni di antivirali per suo cugino di 31 anni, che è in ospedale con covid. Bansal vive con altri 14 membri della famiglia a Delhi e due settimane fa ha iniziato a manifestare sintomi della malattia. Anche se si è messa in isolamento, tutti i membri della sua famiglia hanno iniziato presto a mostrare segni di infezione. Con il peggiorare della situazione, sapeva di dover iniziare a cercare bombole di ossigeno e altre risorse, ma non sapeva a chi rivolgersi. Tutto ciò che ha trovato su Google o tramite WhatsApp era un numero sbagliato o un messaggio di scorte esaurite.

Gli amici di Bansal le sono venuti in aiuto. Hanno setacciato Twitter e Instagram, hanno trovato fornitori e hanno iniziato a chiamarli uno dopo l'altro. Dopo un centinaio di telefonate, si è materializzata una pista e Bansal, che si stava riprendendo dal covid, è andata a prendere il kit dell'ossigeno. Ha pagato 12 volte il prezzo originale. Successivamente, ha pagato quasi 1.200 dollari per farmaci antivirali sul mercato nero.

"È disumano che le persone ne facciano un business", ella dice e aggiunge che avere un gruppo di familiari e amici per la ricerca è stato essenziale: "Se mi fossi dovuta muovere da sola, non ce l’avrei fatta. E’ troppo dispendioso in termini di tempo ed è scoraggiante sentirsi dare continue risposte negative".

I limiti del crowdsourcing

Mentre i volontari fanno circolare le informazioni sui social media, altri hanno contribuito ad aggregarle. Umang Galaiya, un ingegnere informatico di 25 anni, ha creato il sito web covid19-twitter.in, in cui le persone inseriscono parole chiave come letti, ossigeno, remdesivir, FabiFlu. Oltre 200.000 persone hanno visitato questo sito in meno di una settimana. 

Twitter, da parte sua, sta creando un elenco di risorse condivise da utenti verificati. Ma il crowdsourcing online non aiuta tutti coloro che ne hanno bisogno. L'India ha poco più di 2 milioni di utenti Twitter e circa 28 milioni di utenti Instagram, che rappresentano una frazione dei quasi 700 milioni di utenti Internet nel paese, e che di per sé è solo circa la metà della popolazione di 1,36 miliardi. 

Ci sono molte persone che non sanno cosa sia Twitter o come usarlo. Mentre il covid travolge le zone rurali del paese - quasi la metà di un villaggio nel sud dell'India è risultata positiva, secondo i rapporti - le persone stanno escogitando modi diversi per superare il divario digitale. Padmini Ray Murray, fondatore della azienda di design tecnologico Design Beku, afferma: "Siti web come Instagram e Twitter hanno contribuito a creare una rete che ha consentito a molte persone di trovare informazioni e condividerle, ma sono esclusivi ed elitari e lasciano la maggioranza della popolazione indiana in balia degli eventi". 

Murray ha deciso di progettare un sito web oxygenblr.in, per chi parla inglese e la lingua locale, Kannada, a Bangalore. Il sito contiene i numeri di telefono delle ambulanze e informazioni su ossigeno e disponibilità di posti letto, assistenza domiciliare, donazioni di sangue e altro ancora. "Ho sentito che era necessario salvare tutti questi contenuti da queste piattaforme di social media”, egli spiega, “e metterli in uno spazio a cui le persone potessero accedere".

Un ruolo per il governo

Con il decollo delle iniziative digitali su piccola scala, stanno iniziando a emergere collaborazioni più grandi. Aiuti sono in arrivo dal settore tecnologico indiano, mentre investitori e startup effettuano voli charter per rimediare bombole di ossigeno e concentratori. Sono stati raccolti circa 10 milioni di dollari per ossigeno, vaccini e assistenza domiciliare e si stanno conducendo campagne per ottenere fondi in criptovaluta

Ma mentre i cittadini lavorano per trovare le proprie soluzioni, gli esperti hanno criticato l'approccio del governo. Per esempio, si fa notare che il primo ministro Narendra Modi è andato in televisione mentre la situazione andava fuori controllo e, invece di commentare la vera portata della crisi, ha semplicemente chiesto agli indiani di stare più attenti. Il partito politico di Modi ha anche affermato su Twitter che i vaccini gratuiti in uno stato sarebbero subordinati a una vittoria elettorale. 

Ciò avviene dopo che il governo ha consentito raduni pubblici di vasta portata e ordinato solo una frazione dei vaccini necessari per raggiungere gli obiettivi previsti, anche se l'India è uno dei maggiori produttori di vaccini al mondo. A febbraio il paese ha distribuito oltre 3 milioni di dosi di vaccino agli stati vicini - Bangladesh, Nepal, Bhutan e Maldive - ma in seguito è stato criticato per non aver dato la priorità ai propri cittadini. 

Poiché la mancanza di rifornimenti appare sempre più grave, gli esperti di salute pubblica affermano che il governo indiano deve assumere un ruolo di leadership più forte. Giridhara Babu, epidemiologo della Public Health Foundation of India, ritiene che la trasparenza e la responsabilità siano i primi passi. L'amministrazione è stata colta alla sprovvista dalla velocità e dalla portata della seconda ondata, ma con l'aggravarsi della crisi, dice, "il governo deve riconoscerlo".

I segnali di un'azione più coordinata da parte dei funzionari stanno finalmente iniziando a emergere. Il governo di Modi ha recentemente lanciato una rete di treni che trasportano autobotti di ossigeno liquido e bombole in tutto il paese. Il primo è arrivato nel Maharashtra, uno degli stati più colpiti, il 23 aprile.

Allo stesso tempo, i governi locali hanno preso in mano la situazione imponendo blocchi in tutto lo stato e lanciando portali online. Lo stato del Karnataka, per esempio, ha riattivato il suo dashboard di dati online, lanciato lo scorso anno durante la prima ondata indiana, per condividere informazioni accurate sui letti ospedalieri disponibili e sul numero di casi in tutto lo stato. 

Anche se esistono risorse governative, alcune rimangono inutilizzate perché le persone potrebbero non essere a conoscenza della linea di assistenza della propria città o della presenza sui social media. E altri servizi vengono presi d’assalto. "I telefoni squillano costantemente e le linee sono sempre occupate", afferma Anas Tanwir, un avvocato con sede a Delhi che è a capo di un team che aiuta le persone a verificare il funzionamento dei contatti. "Anche quando rispondono, non hanno più letti da offrire".

Altri dicono che anche se il sito web del governo fornisce informazioni sulla disponibilità di posti letto, è più difficile trovare altre informazioni essenziali su ossigeno, farmaci antivirali o servizi di ristorazione per le persone che si stanno riprendendo a casa. Babu afferma che nessun approccio unico offre la risposta, ma il modo giusto per affrontare una crisi così grande può essere che il governo lavori in collaborazione con gruppi di cittadini e piattaforme online. "Se i cittadini sono in grado di generare questo tipo di solidarietà e garantire che tutti questi dettagli siano aggiornati e il governo agisce come facilitatore, allora la situazione può solo migliorare", conclude.

(rp)