• George Wylesol

In futuro, ci saranno posti di lavoro buoni?

Il cambiamento tecnologico ha trasformato la natura dell’occupazione, con effetti devastanti su molti appartenenti alla classe media, ma le opzioni per un intervento positivo della politica sono svariate.

La globalizzazione e le nuove tecnologie hanno approfondito il divario tra chi ha e chi non ha nelle economie avanzate. Così Olivier Blanchard, ex capo economista del Fondo monetario internazionale e professore emerito di economia Robert Solow al MIT, e Dani Rodrik, professore di economia politica alla John F. Kennedy School of Government di Harvard, hanno convocato un gruppo di importanti economisti, molti dei quali attuali o ex politici, per una conferenza sulla disuguaglianza nell'ottobre 2019. Quando hanno pubblicato i documenti della conferenza nel libro Combating Inequality: Rethinking Government's Role, hanno concluso che, in effetti, ci sono gli strumenti per invertire l'aumento della disuguaglianza.

Laura D'Andrea Tyson, professore all'Università della California, a Berkeley, Haas School of Business, era uno dei tanti docenti del MIT alla conferenza. Il seguente estratto è tratto dal suo capitolo sui cambiamenti tecnologici, la disparità di reddito e i buoni posti di lavoro.

Quasi quotidianamente ci sono esempi di come le nuove tecnologie stanno trasformando il lavoro, innescando cambiamenti nella quantità e qualità dei posti di lavoro. I sondaggi rivelano una profonda preoccupazione tra i lavoratori per le implicazioni di questi cambiamenti per l'occupazione, i salari e gli standard di vita. Dietro questa preoccupazione c'è una domanda fondamentale: ci saranno abbastanza posti di lavoro in futuro?

La storia delle rivoluzioni tecnologiche indica che la risposta probabile è sì. Il cambiamento tecnologico guida la crescita della produttività e questo alimenta la domanda di lavoro. Non ci sono prove di un trade-off di lungo periodo tra crescita della produttività e crescita dell'occupazione. Molti posti di lavoro esistenti vengono modificati o distrutti dai cambiamenti tecnologici, ma ne vengono creati molti di nuovi. A lungo termine, non c'è "disoccupazione tecnologica". 

I vantaggi in termini di produttività del cambiamento tecnologico, tuttavia, possono richiedere decenni per arrivare e vi è una notevole dislocazione dei lavoratori durante la transizione dai vecchi lavori a quelli nuovi, con una significativa disoccupazione lungo il percorso. Per molti, la distruzione di posti di lavoro, industrie e persino comunità ha conseguenze che possono durare tutta la vita.

La storia rivela anche che il cambiamento tecnologico tende ad aumentare la disuguaglianza di reddito, ampliando il divario tra coloro i cui posti di lavoro vengono spostati in un altro luogo e coloro che ne assumono di nuovi. Durante l'ultimo mezzo secolo, il cambiamento tecnologico è stato sia mirato al risparmio di manodopera sia a quello delle competenze, il che significa che ha avuto la tendenza a produrre posti di lavoro che richiedono lavoratori più qualificati. Le tecnologie digitali hanno ridotto la domanda di lavoratori con competenze medie che svolgono compiti di routine (la maggior parte dei lavori di "medie competenze" richiedono almeno un diploma di scuola superiore o equivalente).

Hanno anche aumentato la domanda di lavoratori con competenze più elevate che svolgono compiti tecnici e creativi. Di conseguenza, i mercati del lavoro sono diventati polarizzati e "svuotati" nelle economie avanzate: i posti di lavoro con competenze medie sono diminuiti come quota dell'occupazione totale, mentre i posti di lavoro altamente qualificati e, in misura minore, i lavori poco qualificati sono aumentati come quote di occupazione totale (si veda il grafico). 

Il cambiamento tecnologico orientato alle competenze è stato un fattore alla base dell'aumento della disparità di reddito e della diminuzione della quota del reddito da lavoro nel reddito nazionale totale. Data l'attuale traiettoria del progresso tecnologico, è probabile che queste tendenze persistano.

Una domanda importante non è se ci saranno abbastanza posti di lavoro, ma se saranno di livellotale da fornire guadagni alla classe media, condizioni di lavoro sicure, tutele legali, protezioni sociali e benefici (per esempio, sussidi di disoccupazione e invalidità, benefici per la salute, assegni familiari, pensioni). 

La lenta crescita dei redditi al lordo delle imposte per il 50 per cento più povero dei percettori è stato il principale motore dell'aumento della disparità di reddito nell'ultimo mezzo secolo. L'accesso a buoni posti di lavoro, nonché all'istruzione e all'assistenza sanitaria, in modo che le persone abbiano le conoscenze e la buona salute necessarie per lavorare, è la chiave per aumentare questi redditi e rendere inclusiva la crescita supportata dalla tecnologia.

Diversi tipi di politiche potrebbero aumentare la probabilità di creare nuovi posti di lavoro negli Stati Uniti. Questi includono: tasse sul lavoro e sul capitale per influenzare le decisioni di investimento delle imprese; politiche di R&S che possono indirizzare il cambiamento tecnologico e influenzare sia il ritmo che la portata dell'adozione delle nuove tecnologie da parte delle imprese; politiche di formazione che consentano ai lavoratori di acquisire nuove competenze; interventi diretti sul mercato del lavoro che erogano benefici ai lavoratori interinali e a contratto; infine misure che rafforzano il peso dei lavoratori nelle decisioni aziendali.

Ripensare le politiche fiscali

Le politiche fiscali influenzano le decisioni delle imprese di investire in nuove tecnologie di produzione. Negli Stati Uniti e in altre economie avanzate, il lavoro è tassato con un'aliquota molto più elevata rispetto al capitale fisico e al capitale della conoscenza necessari per produrre beni, incoraggiando investimenti che utilizzano capitale e risparmiano lavoro. Una riduzione delle tasse sui salari e sugli stipendi e di altre tasse legate all'occupazione modererebbe questa distorsione. Nella stessa direzione si muoverebbe un aumento delle tasse sul capitale, compreso il reddito d'impresa. 

Di recente, l'aliquota dell'imposta sulle società negli Stati Uniti è stata drasticamente ridotta. I sostenitori hanno argomentato che il taglio aumenterebbe gli investimenti delle imprese con ricadute positive sull’occupazione e i salari. Man mano che la tecnologia consente di risparmiare più lavoro, tuttavia, gli investimenti delle imprese nel capitale fisico e nella conoscenza hanno meno probabilità di creare buoni posti di lavoro e la nuova legge fiscale statunitense non fa nulla per compensare tale effetto.

Un altro problema è che poiché il capitale è diventato più mobile attraverso i confini nazionali, molte aziende multinazionali sono state in grado di rendere i loro profitti "apolidi" a fini fiscali spostandoli in luoghi in cui hanno poca o nessuna attività economica reale e pagano poche o nessuna tassa. Il reddito delle aziende apolidi erode la base imponibile e riduce la capacità dei singoli paesi di aumentare le entrate per le infrastrutture e i programmi di protezione sociale. Inoltre aggrava lo svantaggio fiscale del lavoro, che è molto meno mobile del capitale. 

Nel loro recente libro  Il trionfo dell'ingiustizia: come i ricchi evitano le tasse e come farli pagare, Emmanuel Saez e Gabriel Zucman discutono le conseguenze del reddito da capitale apolide sulla disuguaglianza di reddito e suggeriscono rimedi nazionali come misure provvisorie in assenza di un accordo internazionale per tassare tale reddito. A lungo termine, data l'entità dei flussi di capitali transfrontalieri, un tale accordo è essenziale.

Negli Stati Uniti, anche le tasse sui redditi da capitale dovrebbero essere aumentate aumentando l'aliquota sulle plusvalenze (che ora sono tassate a un'aliquota inferiore rispetto al reddito personale) ed eliminando la scappatoia degli interessi riportati. Sia l'aliquota preferenziale sulle plusvalenze che la caratteristica degli interessi riportati dell'attuale normativa fiscale hanno incoraggiato gli investimenti tecnologici a favore del capitale e dei profitti rispetto a lavoro e salari. Hanno anche alimentato la "finanziarizzazione" dell'economia statunitense e l'aumento della disparità di reddito.

Riduzioni delle tasse sui salari e di altre imposte dirette sul lavoro, anche se compensate in parte da tasse più alte sul capitale, lascerebbero meno entrate pubbliche disponibili per finanziare l'assistenza sanitaria, l'istruzione e i benefici per i lavoratori, tutte componenti chiave di un buon lavoro. Una tassa nazionale sul carbonio dovrebbe essere utilizzata per compensare questa perdita di entrate. Tasse più basse sul lavoro per promuovere l'occupazione e tasse più alte sul carbonio per scoraggiare l'uso del carbonio sono una ricetta saggia per un futuro di buoni posti di lavoro e un ambiente sostenibile.

Rivedere la politica di ricerca e sviluppo

Il cambiamento tecnologico e l'adozione di nuove tecnologie dipendono in gran parte dagli incentivi di chi finanzia la R&S e di coloro che investono e utilizzano le tecnologie risultanti. Le aziende, in particolare quelle con un notevole potere di mercato, hanno forti incentivi di mercato per investire in innovazioni che generano rendimenti privati per il capitale piuttosto che benefici sociali sotto forma di buoni posti di lavoro. Il risultato è un pregiudizio contro gli investimenti in innovazioni tecnologiche che creano posti di lavoro.

Negli Stati Uniti e in altri paesi industriali avanzati, la R&S riceve un sostanziale sostegno pubblico attraverso finanziamenti governativi diretti e politiche fiscali. Sebbene il governo (principalmente federale) sia il principale finanziatore della ricerca e sviluppo di base negli Stati Uniti, il settore delle imprese è sia il più grande finanziatore (67 per cento) sia il più grande esecutore (72 per cento) della ricerca e sviluppo complessiva. La maggior parte delle attività di ricerca e sviluppo si concentra sullo sviluppo del prodotto per i ritorni privati piuttosto che sulla scienza di base per i ritorni sociali. 

Poiché gli orizzonti temporali delle aziende statunitensi si sono accorciati, la R&S aziendale si è concentrata maggiormente su uno sviluppo a breve termine e a basso rischio. Mentre il credito d'imposta per la R&S, introdotto nel 1981, è stato efficace nell'incoraggiare le aziende a investire in ricerca e sviluppo, la maggior parte di tale credito va alle grandi aziende, molte delle quali hanno anche grandi quantità di reddito da apolidi al riparo in tutto il mondo. La R&S aziendale è fortemente concentrata in cinque settori, che rappresentano l'83 per cento della R&S totale, ma meno dell'11 per cento dell'occupazione.

I finanziamenti federali per la ricerca e lo sviluppo per la difesa sono stati un fattore importante nello sviluppo delle industrie dell'aviazione, dei computer e di Internet, e i finanziamenti federali per l'assistenza sanitaria sono stati un fattore importante nello sviluppo delle industrie farmaceutiche/biotecnologiche e della tecnologia medica. Anche i finanziamenti federali per la ricerca e lo sviluppo e i relativi incentivi fiscali hanno svolto un ruolo importante nell'incoraggiare le imprese a investire in nuove tecnologie verdi. Quindi è chiaro che i finanziamenti governativi e gli incentivi fiscali possono influenzare e “dirigere” le traiettorie tecnologiche.

Dovrebbero essere introdotti nuovi programmi governativi e crediti d'imposta per spingere la ricerca e lo sviluppo verso innovazioni che integrino le competenze umane in settori con una domanda crescente, come l'assistenza sanitaria, l'istruzione e la tecnologia stessa. L'assegnazione di una quota dei fondi federali di ricerca e sviluppo per promuovere innovazioni che aumentino il lavoro nel sistema sanitario è un'opzione che vale la pena considerare. 

Un'altra opzione è un nuovo programma federale di ricerca e sviluppo per promuovere gli investimenti in "infrastrutture intelligenti" per adattarsi ai cambiamenti climatici. Tale investimento genererebbe buoni posti di lavoro e finanzierebbe gli adeguamenti necessari (per esempio, ricostruzione di porti, prevenzione delle inondazioni e prevenzione degli incendi attraverso l'installazione di reti elettriche sotterranee). 

A livello macro, dovremmo aumentare significativamente i finanziamenti federali per R&S e infrastrutture, due fondamenti pubblici della crescita economica a lungo termine. I ritorni sociali su questi investimenti superano di gran lunga i costi di finanziamento a lungo termine del governo. La spesa pubblica in queste aree dovrebbe essere trattata non come spesa operativa, ma piuttosto come investimento e dovrebbe essere inclusa in un budget di capitale separato. Senza un cambiamento nelle regole di bilancio, la spesa pubblica in queste aree continuerà a diminuire rispetto alle crescenti esigenze dell'economia.

Politiche per lo sviluppo delle competenze dei lavoratori

Sebbene le tecnologie per il risparmio di manodopera e per le competenze stiano distruggendo i lavori e le occupazioni con competenze medie, stanno aumentando quelli con competenze più elevate a un ritmo uguale o più veloce. Tuttavia, esistono notevoli divari tra le competenze richieste per i lavori che scompaiono e quelle necessarie per i nuovi. In risposta, i governi stanno introducendo nuovi programmi di istruzione e formazione con un focus su luoghi di istruzione post-secondaria "non d'élite" come i college comunitari. 

Negli Stati Uniti, i community college sono il più importante fornitore di competenze su larga scala e sono particolarmente importanti per l'istruzione e la formazione professionale per studenti di prima generazione, a basso reddito e appartenenti a minoranze. Ci sono notevoli benefici salariali e occupazionali per il completamento di un diploma di college comunitario e rendimenti minori, ma comunque positivi, dai programmi di certificazione.

Ampliare i finanziamenti per l'istruzione universitaria e renderla più accessibile per gli studenti a basso reddito dovrebbe essere priorità chiave per gli stati che cercano di creare buone opportunità di lavoro per i propri cittadini. A partire dal 2020, 17 stati, controllati da repubblicani e democratici, hanno implementato una qualche forma di programma di college comunitario senza tasse scolastiche e molti altri stati stanno lavorando a una legislazione simile.

Gli apprendistati che combinano l'apprendimento in aula e sul lavoro sono un altro modello prezioso per lo sviluppo delle competenze. I lavoratori ricevono un'istruzione basata sulle competenze che spesso li colloca direttamente in posti di lavoro ben retribuiti e i datori di lavoro traggono vantaggio dall'assunzione e dal mantenimento di una forza lavoro qualificata. 

La Germania e la Svizzera sono ben note per i loro programmi di apprendistato di successo e l'idea sta guadagnando attenzione negli Stati Uniti. Il Dipartimento del Lavoro degli Stati Uniti ha recentemente introdotto un sito web e programmi per incoraggiare l'apprendistato attraverso la condivisione di informazioni, il supporto tecnico e piccole sovvenzioni a datori di lavoro ed educatori. 

Diversi stati stanno anche introducendo iniziative di apprendistato. Il Colorado ha avviato programmi di apprendistato basati sul modello svizzero in diversi settori. Ora 28 stati si sono uniti al Colorado nella rete Skillful per sviluppare approcci di formazione che combinano l'apprendimento in classe con l'esperienza sul posto di lavoro. I programmi assumono una varietà di forme: apprendistati, programmi di certificazione mirati, "campi di addestramento" tecnologici.

Altri paesi stanno sperimentando approcci diversi all'apprendimento permanente. Singapore ha messo a disposizione delle persone di età superiore ai 25 anni un credito SkillsFuture di 500 dollari locali per la formazione continua. Il Ministero federale del lavoro e degli affari sociali in Germania sta studiando "conti di apprendimento individuale" modellati sull'approccio di Singapore.

Un'opzione per gli Stati Uniti sarebbero i "conti per l'apprendimento permanente e la formazione" agevolati dalle tasse, finanziati da contributi individuali compensati in parte da fondi governativi. I finanziamenti governativi per i conti di apprendimento individuali dovrebbero essere limitati a programmi certificati per la qualità e progettati con il contributo del datore di lavoro e dovrebbero fornire credenziali riconosciute e fornire competenze trasferibili.

Tutela dei lavoratori “precari”

Le protezioni sociali associate all'occupazione standard a tempo pieno sono caratteristiche essenziali dei "buoni lavori". Molte di queste tutele sono assenti per i lavoratori nelle varie tipologie di lavoro cosiddetto “precario”, compreso il lavoro autonomo e il lavoro part time, a tempo determinato, su chiamata e/o svolto per più clienti o aziende e tramite piattaforme. Anche in Europa, dove i lavoratori con un impiego a tempo pieno standard hanno l'obbligo legale di accedere a generose protezioni sociali che non sono richieste per i lavoratori a tempo pieno negli Stati Uniti, molti lavoratori precari e lavori saltuari hanno poca o nessuna copertura. Lo stesso vale per il numero crescente (circa 57 milioni) di gig worker negli Stati Uniti.

In Europa, diversi paesi hanno creato nuove categorie intermedie di lavoro che estendono alcuni diritti di protezione sociale ai lavoratori a contratto. Nella legislazione del 2019, lo stato della California ha adottato un approccio diverso, rendendo difficile per le aziende classificare i lavoratori come appaltatori indipendenti piuttosto che come dipendenti. Questi ultimi sono coperti da protezioni e benefici imposti dalle leggi federali e statali (compresi i salari minimi), mentre i primi non lo sono. Fornire questi vantaggi ai lavoratori dipendenti precedentemente classificati come appaltatori indipendenti è probabile che aumenti i costi del lavoro tra il 20 e il 30 per cento.

I conti di sicurezza individuali (ISA, Individual security accounts) che si spostano con i lavoratori da un lavoro all'altro sono una politica promettente per estendere i benefici ai lavoratori con più rapporti di lavoro precari. Verrebbe stabilito un ISA per ciascun lavoratore e ogni azienda che assume quel lavoratore sarebbe tenuta a contribuire con un importo per i suoi benefici proporzionalmente al numero di ore lavorate. 

I lavoratori sarebbero in grado di maturare benefici anche quando si spostano tra più datori di lavoro e progetti. Avrebbero anche la possibilità di versare contributi agevolati sui propri conti. Diversi stati stanno ora progettando sistemi di benefit portatili e, per evitare altre normative, alcune società di piattaforme stanno supportando questo approccio.

La voce dei lavoratori

La quota di lavoratori iscritti a sindacati o comunque coperti da accordi di contrattazione collettiva è diminuita significativamente negli Stati Uniti e in altri paesi industriali avanzati. Allo stesso tempo, in molti settori, la concorrenza sul mercato dei prodotti è stata erosa, la concentrazione è aumentata e vi sono prove crescenti del potere del monopolio. In queste condizioni non competitive, le singole aziende possono dettare i salari e condizioni di lavoro. In tali casi, i sindacati possono fornire un importante contrappeso al potere dei datori di lavoro, con conseguente aumento dei salari e maggiore occupazione.

Il sistema statunitense di relazioni sindacali e di governo societario è sbilanciato, con troppo potere per i datori di lavoro e troppo poco potere per i lavoratori. Il diritto del lavoro degli Stati Uniti deve essere modificato in modo che i lavoratori siano più liberi di organizzarsi per azienda, settore e regione e in modo che le aziende possano sperimentare comitati aziendali e altre istituzioni per dare voce ai lavoratori nelle decisioni aziendali.

In una dichiarazione del 2019 della Business Roundtable, i CEO di molte delle principali aziende americane identificano esplicitamente i propri dipendenti come parti interessate e si impegnano a compensarli equamente in retribuzioni e benefici e offrendo loro formazione e istruzione per nuove competenze. La dichiarazione tace, invece, su sindacati e organizzazione anonoma dei lavoratori. Rafforzare entrambi è essenziale per un'economia in cui più americani possono trovare buoni posti di lavoro e un punto d'appoggio nella classe media.

Negli ultimi 50 anni, i sindacati si sono atrofizzati negli Stati Uniti per diverse ragioni. Gli Stati e le aziende hanno adottato molte misure per scoraggiare la sindacalizzazione, inclusa la classificazione errata dei dipendenti come appaltatori indipendenti. Secondo la legge federale degli Stati Uniti, gli appaltatori indipendenti non possono formare sindacati, una posizione recentemente affermata dal National Labor Relations Board. L'attuale legge statunitense impedisce anche la formazione di comitati aziendali o altre organizzazioni per rappresentare gli interessi dei lavoratori nelle imprese non sindacalizzate e ostacola nuove forme di difesa dei lavoratori a livello industriale e aziendale.

Tratto dal capitolo del libro di Laura D'Andrea Tyson "Technological Change, Income Inequality, and Good Jobs" in Combating Inequality: Rethinking Government’s Role, a cura di Olivier Blanchard e Dani Rodrik

(rp)
  • Polarizzazione del lavoro tra la metà degli anni 1990s e la metà del 2010. Variazione percentuale della quota di adulti che lavorano nei gruppi a bassa, media e alta competenza per paese. I dati dell'OCSE rappresentano 18 paesi dell'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico. Fonte: calcoli del personale da parte dell'OCSE basati su LIS, ECHP e EU-SILC.