• Ms Tech / Getty

Il vaccino J&J è tornato

La breve sospensione mostra che i controlli di sicurezza stanno funzionando, ma spetta a medici e funzionari spiegarlo alle persone che mostrano diffidenza nei confronti della vaccinazione.

di Mia Sato 01-05-21
La scorsa settimana gli enti regolatori statunitensi hanno autorizzato la ripresa della diffusione del vaccino di J&J, dopo aver deciso che un effetto collaterale relativo ai coaguli di sangue era troppo raro per giustificare la continuazione della breve sospensione che avevano imposto: 15 casi segnalati su 8 milioni di dosi. Ma anche se la pausa è durata solo 11 giorni, ha sollevato nuove preoccupazioni sulla fiducia degli americani nei confronti delle vaccinazioni. Recenti sondaggi mostrano che la fiducia in J&J in particolare è molto bassa, con il 73 per cento delle persone non vaccinate che non accetterebbe di farsi somministrare una dose, anche se offerta.

Ciò potrebbe rappresentare nuove sfide per gli operatori sanitari, i dipartimenti di sanità pubblica e altri funzionari governativi che lavorano per far vaccinare tutti. Ben Weston, direttore dei servizi medici presso l'Ufficio per la gestione delle emergenze della contea di Milwaukee nel Wisconsin, afferma che ci vorranno tempo e impegno per ripristinare un clima di fiducia. "Stiamo ancora cercando di capire il modo migliore per comunicare che in realtà è un vaccino molto sicuro", dice Weston. 

Tuttavia, non tutti pensano che la pausa abbia necessariamente rallentato queste iniziative. Holly Fernandez Lynch, ricercatore di etica medica dell'Università della Pennsylvania, afferma che sospendere il vaccino anche per un effetto collaterale così raro potrebbe effettivamente far sentire le persone più tranquille, se i funzionari governativi sanno comunicare il messaggio in modo efficace.

“Gli enti regolatori esistono per teneri i cittadini al sicuro. Intervengono quando vedono un problema di sicurezza. Ci si può fidare di loro se danno il via libera", afferma Fernandez Lynch, un esperto delle politiche della Food and Drug Administration. "Il sistema di regolamentazione funziona esattamente come previsto".

Seema Shah, un bioetico del Lurie Children's Hospital di Chicago, afferma che sebbene la pausa non fosse l'ideale, andare avanti con la distribuzione del vaccino di J&J senza fermarsi a indagare sui coaguli sarebbe stato ancora peggio. "Continuo a pensare a cosa sarebbe successo", dice, "se la FDA non si fosse fermata: che tipo di segnale avrebbe inviato?"

Più opzioni aumentano la fiducia

Molti operatori sanitari e funzionari governativi hanno visto il vaccino di J&J che utilizza la tecnologia convenzionale basata su virus per fornire le istruzioni genetiche necessarie, come un'utile alternativa ai vaccini a mRNA di Pfizer e Moderna. Poiché richiede solo una dose, è adatto a persone che potrebbero non rimanere in un posto abbastanza a lungo da programmare una seconda dose, come studenti universitari e chi non ha casa. 

Molte altre persone preferiscono semplicemente l'opzione one-shot, sia per comodità sia perché non amano gli aghi. Chi lavora e fa lunghi turni può avere finestre ristrette di tempo per prendere appuntamenti per il vaccino, rendendo J&J l’opzione migliore. Questo vaccino è anche più facile da distribuire e somministrare perché non necessita delle temperature particolarmente fredde richieste dai vaccini a mRNA. Ciò lo rende conveniente per la vaccinazione di pazienti costretti a casa, persone nelle comunità rurali e pazienti in cliniche mobili che potrebbero non avere congelatori speciali. 

Ma nonostante questi benefici, il vaccino ha generato sfiducia dopo alcuni problemi nella produzione e una serie di studi che hanno dimostrato la minora efficacia nel prevenire le infezioni: i vaccini Pfizer e Moderna erano efficaci rispettivamente al 95 e al 94 per cento contro le infezioni sintomatiche, quello di J&J al 72 per cento contro i casi da moderati a gravi. Sebbene il confronto non sia perfetto, chi lavora per costruire la fiducia intorno a J&J deve tenerne conto. 

"Ci vorranno alcuni messaggi importanti per aiutare le persone a capire che non si sta imponendo un cattivo vaccino", dice Fernandez Lynch. A suo parere, sono soprattutto i medici che possono spiegare il rischio relativamente basso di effetti collaterali o offrire alternative a coloro che sono interessati. Costruire la fiducia è un gioco lungo, dice: “Non si tratta solo di oggi, non si tratta solo del vaccino J&J, non si tratta solo di vaccini per il covid, ma stiamo parlando della fiducia nella scienza, nel governo e nella salute pubblica".

(rp)