• Astro. Amazon

Il robot di Amazon di cui ci si innamora

Da Jibo ad Aibo, gli umani hanno sempre avuto un debole per i loro robot, ma in questo caso i dubbi nascono dal fatto che Astro, il nuovo assistente robotico, è venduto da Amazon.

di Tanya Basu 05-10-21
Il 28 settembre, Amazon ha presentato Astro, un "robot domestico". Il video di lancio dell’azienda promette che il robot da 999 dollari, una macchina tozza con due ruote e uno schermo rettangolare con due sfere al posto degli occhi, sarà in grado di fare cose come controllare casa o partecipare a feste da ballo improvvisate.

Quando si parla di Amazon, ci sono buone ragioni per essere scettici, soprattutto perché Astro è essenzialmente una gigantesca telecamera su ruote che osserverà tutto ciò quello che una persona fa. Allora perché qualcuno dovrebbe essere felice di averlo in casa? La ragione sta nel modo in cui i nostri cervelli sono organizzati. Anni di ricerca sulla robotica e precedenti iterazioni con assistenti robotici e animali domestici (o "robopet") hanno dimostrato che le persone non possono fare a meno di innamorarsi di loro. 

I proprietari possono affezionarsi ferocemente ai loro robot. In un rapporto del 2019, gli scienziati hanno scoperto che, proprio come i veri animali domestici, i robotpet - che includevano Paro (foca robotica), Justocat (gatto robotico), Aibo (cane robot) e Cuddler (orso robot) - riducevano la depressione e sostenevano psicologicamente le persone anziane che si affezionavano, pur essendo pienamente consapevoli che non erano animali reali. Come ha detto una donna: "So che è un oggetto inanimato, ma non posso fare a meno di amarlo".

E non succedeva solo con i robot. Studi e aneddoti hanno riportato che Roomba, l'aspirapolvere semovente a forma di disco, è spesso considerato "parte della famiglia" e viene chiamato con nomignoli affettuosi. Quando sono stati disattivati i server che alimentavano Jibo, uno dei primi "robot sociali", le persone hanno pianto. Il cane robot Aibo di Sony era completamente inutile, ma la gente ha celebrato dei funerali in loro onore dopo che l’azienda aveva interrotto il servizio.

Perché lo facciamo? Tutto parte dal rapporto di fiducia che si crea, afferma Mark Edmonds dell'UCLA, che ha studiato perchè gli umani si fidano dei robot. A suo parere, tendiamo a dare fiducia alle macchine perché fanno ciò per cui sono state programmate. Ciò significa che le macchine devono mantenere la fiducia invece di costruirla. 
 
Con Astro, la fiducia fronteggia due problemi differenti. A un primo livello, c'è la verifica delle prestazioni del robot. A un livello più profondo ci si confronta con la storia altalenante dell'azienda in termini di sorveglianza e privacy, soprattutto perché Astro è utilizzato principalmente per la sorveglianza domestica. Ma Edmonds afferma che alcuni utenti potrebbero essere disposti a essere meno critici sul secondo aspetto, se il robot fa solo ciò che gli viene detto. "Astro deve trovare un suo spazio funzionale, prima dell'intimità", afferma Edmonds. 

Far sì che gli umani si fidino di Astro può sembrare difficile, ma Amazon ha integrato alcuni elementi chiave del design per andare in questa direzione, a cominciare dai suoi "occhi". È difficile definire Astro “carino” in quanto il suo volto è in realtà solo uno schermo con due cerchi all’interno, ma questi cerchi rievocano gli occhi. Inoltre, le sue dimensioni sono simili a quelle di un bambino o di un cucciolo di animale. 

I robot sono stati a lungo progettati con occhi giganti e caratteristiche imbronciate per renderli immediatamente adorabili. All'inizio degli anni 2000, la ricercatrice del MIT Sherry Turkle ha iniziato a studiare i bambini che interagivano con Furbies. Ha scoperto che mentre i bambini sapevano che erano solo giocattoli, sviluppavano comunque un profondo attaccamento a loro, grazie in gran parte al loro aspetto fisico. 

In un follow-up del 2020, Turkle scrive che gli occhi del robot terapeutico Paro fanno sentire le persone capite e "ispirano una relazione non basata sulla sua intelligenza o coscienza, ma sulla capacità di attivare molle "darwiniane" nelle persone, per esempio con il contatto visivo, che suggeriscono l’idea di una relazione”.

I bambini potrebbero essere particolarmente inclini a ritenere che Astro mantenga un rapporto stretto con loro. Judith Danovitch, un ricercatore dell'Università di Louisville che studia come i bambini interagiscono con Alexa, dice che l'altezza, gli occhi e l'aspetto accattivante di Astro sono definiti "indizi della personalità", che colpiscono i bambini, in particolare quelli più piccoli che sono cercando di capire come interagire con altre persone.

Come afferma Danovitch: “Nel mondo naturale, solo gli esseri umani e gli animali si muovono. Le rocce e gli altri oggetti inanimati non lo fanno. I bambini sono coinvolti e cercano di capirli”. Astro potrebbe avere una freccia segreta per farci innamorare: non è ancora così avanzato. “Vice” è entrato in possesso di alcuni documenti in cui si dice che il robot non è così abile come suggerisce il video di lancio (Amazon lo contesta). Al momento, può pattugliare la casa con la sua fotocamera integrata, riprodurre musica o effettuare videochiamate. Può riconoscere in quale stanza si trova e distinguere le persone utilizzando il riconoscimento facciale.

Ma questa limitatezza non è necessariamente negativa. Il set di funzioni relativamente povero di Astro potrebbe essere la chiave per aiutarlo a integrarsi nelle nostre famiglie. La ricerca ha dimostrato che le persone perdono facilmente la fiducia nei robot che faticano a svolgere le loro funzioni di base. “La fiducia viene meno quando le macchine sono irrazionali o fanno ciò che non ci aspettiamo che facciano”, afferma Edmonds. Il fatto che Astro non possa effettivamente fare molto potrebbe limitare le sue possibilità di spaventarci. 

"La facilità d'uso è spesso un predittore più grande dell'accettazione del robot domestico rispetto all'utilità esplicita", afferma Heather Knight, ricercatore di informatica della Oregon State University, la cui ricerca si concentra sull'interazione uomo-robot. Ciò che rende gli assistenti vocali come Alexa così potenti è che per usarli, basta collegarli e chiamarli per nome.

Amazon vede sicuramente Astro come un futuro membro della famiglia (si veda link). “Pensiamo che Astro sarà ottimo per le famiglie. Come abbiamo detto nel nostro  post sul blog per presentare Astro: ‘Nei test, siamo rimasti impressionati dal numero di persone che hanno affermato di sentire Astro una parte della loro famiglia e che non avrebbero voluto farne a meno’”, ha detto Kristy Schmidt, una portavoce di Amazon, in una e-mail. E convincere i bambini ad apprezzare Astro è parte integrante del design: Schmidt ha affermato che Amazon Kids, il servizio di Alexa che consente ai bambini di interagire e giocare sugli altoparlanti intelligenti dell'azienda, è utilizzabile con Astro.

Man mano che i robot diventano più radicati nelle nostre vite, il coinvolgimento emotivo potrebbe creare situazioni complesse. Avendo una relazione con il robot, come comportarsi quando cerca di vendere qualcosa del suo produttore? La situazione potrebbe essere particolarmente problematica per i bambini, che non hanno la capacità di distinguere questa forma di pubblicità. Eppure, nonostante i possibili conflitti etici, è probabile che accoglieremo una versione futura di Astro nelle nostre case e ci cascheremo, perché siamo umani.

(rp)