• Yui Mok / Press Association via AP Images

Il pingdemic del Regno Unito divide

La nuova ondata di covid doveva essere il momento in cui le app di tracciamento dei contatti digitali avrebbero svolto un ruolo di contrasto decisivo. Allora perché così tanti britannici sono critici verso la tecnologia?

Oscar Maung-Haley, 24 anni, stava lavorando part-time in un bar di Manchester, in Inghilterra, quando il suo telefono ha suonato. Era l'app NHS Test and Trace del Regno Unito a fargli sapere che era stato potenzialmente esposto al covid-19 e aveva bisogno di autoisolarsi. La notizia ha creato subito problemi. "È stata una corsa pazza per il locale per dire al mio manager che dovevo smettere di lavorare", dice.

 

L'avvertimento che ha ricevuto è stato uno delle centinaia di migliaia inviati ogni settimana mentre il Regno Unito combatte l'ultima ondata di covid, il che significa che sempre più persone affrontano le stesse sfide logistiche, emotive e finanziarie. Si stima che uno su cinque abbia eliminato l'app per evitare di ricevere notifiche. Questo fenomeno è stato soprannominato "pingdemic", una crasi di to ping e pandemic, e viene accusato di tutto, dalla carenza di gas agli scaffali vuoti dei negozi.

 

La variante delta si è diffusa in tutto il Regno Unito. Allo stesso tempo, un numero record di britannici ha scaricato l'app NHS. Nel frattempo, il Regno Unito ha eliminato molte delle sue restrizioni di blocco, quindi più persone entrano in contatto più frequentemente rispetto a prima. Più infezioni, più utenti, più contatti: più ping. 

 

Ma è esattamente così che dovrebbe funzionare, afferma Imogen Parker, direttore delle politiche dell'Ada Lovelace Institute, che studia l'intelligenza artificiale e le politiche sui dati. In effetti, anche con così tante notifiche inviate, ci sono ancora molte infezioni che il sistema non sta rilevando. "A più di 600.000 persone è stato detto di isolarsi dall'app covid-19 del SSN durante la settimana dell'8 luglio in Inghilterra e Galles", afferma, "ma questo è solo poco più del doppio del numero di nuovi casi positivi nello stesso periodo. Criticare l’app di tracciamento dei contatti per il "pingdemic" è fuori luogo: l'app funziona essenzialmente come sempre".

 

Christophe Fraser, epidemiologo del Big Data Institute dell'Università di Oxford che ha condotto gli studi più importanti sull’efficacia dell’app, afferma che mentre funziona come previsto, c'è un altro problema: una significativa rottura del contratto sociale. “La gente può vedere, in TV, che ci sono rave e si balla in discoteca. Perché mi dicono di restare a casa? Che, a essere onesti, è un’obiezione giusta", dice.

 

È questa mancanza di regole chiare ed eque, dice, che sta portando a una diffusa frustrazione quando alle persone viene detto di autoisolarsi. Come abbiamo visto durante la pandemia, la tecnologia della sanità pubblica è profondamente intrecciata con tutto ciò che la circonda: il modo in cui viene commercializzata, il modo in cui se ne parla nei media, il modo in cui è supportata (o meno) dai legislatori. 

 

Come siamo arrivati qui?

 

Le app di notifica dell'esposizione sono uno strumento digitale per la salute pubblica introdotta durante la pandemia e hanno già resistito a molte critiche da parte di coloro che le hanno criticato per un uso parziale e sbagliato nei tempi. Decine di paesi hanno creato app per avvisare gli utenti dell'esposizione al covid, condividendo il codice e utilizzando un framework sviluppato congiuntamente da Google ed Apple. Ma tra le critiche per le preoccupazioni sulla privacy e i problemi tecnici, i detrattori hanno accusato le app di essere state lanciate troppo tardi durante la pandemia, in un momento in cui i numeri dei casi erano troppo alti perché la tecnologia potesse invertire la tendenza.

 

Ora che i problemi tecnici sono stati risolti, l'adozione è alta e si assiste a una nuova ondata del virus,quale momento migliore per le app per fare davvero la differenza? Non è così, se le persone non seguono volontariamente le istruzioni per isolarsi, afferma Jenny Wanger, che guida le iniziative tecnologiche relative al covid per la Linux Foundation Public Health. A suo parere, la parte più difficile è convincere le persone a fare qualcosa.

 

Per la persona media, dice Fraser di Oxford, mancano gli incentivi per aderire alle regole del tracciamento dei contatti, digitali o meno. Se il risultato dell'utilizzo dell'app è che "si finisce per stare in quarantena mentre il vicino che non ha installato l'app gira liberamente", spiega, "il meccanismo non appare giusto".

 

A rendere le cose ancora più complicate, il Regno Unito ha annunciato che sta per cambiare le sue regole. A metà agosto, le persone che hanno ricevuto due dosi di vaccino non avranno più bisogno di autoisolarsi a causa dell'esposizione al covid; dovranno farlo solo se risultano positivi. Circa la metà della popolazione adulta del paese è completamente vaccinata.

 

Questo potrebbe essere un momento per introdurre incentivi più in linea con ciò che le persone sarebbero disposte a fare, continua Fraser. "Forse alle persone dovrebbero essere offerti dei test in modo che possano continuare a lavorare e andare avanti con la vita, piuttosto che essere isolate per un certo numero di giorni".

 

Nel frattempo, tuttavia, una manciata di dirigenti aziendali, per esempio il capo di una compagnia aerea a basso costo, ha incoraggiato i dipendenti a eliminare l'app per evitare i ping. Persino i due politici più potenti del paese, il primo ministro Boris Johnson e il cancelliere Rishi Sunak, hanno cercato di eludere l'obbligo di isolamento dopo essere stati sottoposti a ping (affermando che stavano prendendo parte a una sperimentazione di misure alternative) prima che le proteste pubbliche li costringessero alla quarantena.
 

Quando la protezione crea confusione

 

I messaggi misti sono aggravati dalle funzioni di protezione della privacy dell'app. Agli utenti non viene detto chi tra i loro contatti potrebbe averli infettati e non viene loro detto dove sono avvenute le interazioni. Ma non è un caso: le app sono state progettate in questo modo per salvaguardare le informazioni delle persone.

 

"In epidemiologia, la sorveglianza è una cosa nobile", afferma Fraser. “Nella tecnologia digitale, è una cosa più oscura. Penso che il protocollo di tutela della privacy abbia trovato il giusto equilibrio. Spetta alla scienza e all'epidemiologia fornire informazioni alle persone preservando quella privacy”.

 

Comunque sia, queste protezioni della privacy ora stanno creando ancora più confusione. Alistair Scott, 38 anni, vive con la sua fidanzata nel nord di Londra. La coppia ha fatto tutto insieme durante il blocco, eppure Scott ha recentemente ricevuto una notifica che gli diceva che doveva isolarsi, mentre il suo partner no. "È diventato immediatamente un mantra: 'Perché ho ricevuto un ping e tu no?'" dice. 

 

Gli esperti sostengono che ci sono alcuni modi per andare avanti. Uno potrebbe essere quello di modificare l'algoritmo: l'app potrebbe incorporare nuove misure sulla durata dell'esposizione al covid che potrebbero portare a un ping anche se si è vaccinati.  "Evidenze emergenti sembrano indicare che la vaccinazione completa dovrebbe ridurre di circa la metà il rischio che qualcuno trasmetta il virus", afferma Parker dell'Ada Lovelace Institute. "Ciò potrebbe avere un impatto considerevole sugli avvisi se fosse integrato nel modello". 

 

Ciò significa che gli avvisi potrebbero diventare meno frequenti per le persone vaccinate. D'altra parte, Wanger afferma che i leader del NHS potrebbero regolare le impostazioni per riflettere l'aumento del rischio di trasmissione di varianti come il delta. Non ci sono indicazioni che tali modifiche siano state ancora apportate. In ogni caso, dice, l'importante è che l'app continui a fare il suo lavoro.

 

"Come autorità di sanità pubblica, quando si vedono i casi in aumento drammatico all'interno del paese e si sta cercando di perseguire obiettivi economici revocando le restrizioni di blocco, è davvero una posizione difficile in cui trovarsi", afferma Wanger. “Si vogliono spingere le persone a cambiare i comportamenti, ma si devono affrontare le componenti psicologiche. Se le persone si stancano delle notifiche, non cambiano il loro comportamento".

 

Nel frattempo, le persone si sentono ancora confuse e continuano a sentire messaggi contrastanti. Charlotte Wilson, 39 anni, e suo marito hanno scaricato l'app sui loro telefoni non appena è stata disponibile. Ma c'è stata una spaccatura nella famiglia, soprattutto sul problema delle regole. Di fronte alla prospettiva che le venisse detto di autoisolarsi, Wilson ha detto che avrebbe seguito il consiglio, mentre il suo partner la pensava diversamente e ha cancellato completamente l'app. "Non so davvero quale sia la risposta giusta", ha concluso la moglie, “ma vedo che il covid incalza".


(rp)