• Crop2X

Il Pakistan nella morsa della carenza d’acqua

Nei campi intorni a Karachi, una startup utilizza i dati su temperatura, umidità e condizioni atmosferiche per aiutare gli agricoltori a valorizzare le scarse risorse d’acqua per migliorare i raccolti.

di Maryia Karimjee 02-01-22
Quando Ahsan Rehman si è laureato in una delle migliori università di ingegneria del Pakistan nel 2016, sapeva di volere un lavoro per aiutare gli altri. Intorno a lui non mancavano di certo le possibilità. Nella sua casa di Karachi, la sua famiglia passava spesso giorni senza acqua. Inizialmente avevano scavato un pozzo, per raggiungere la falda acquifera che scorre sotto la città. Quando ha iniziato a prosciugarsi, si sono rivolti al sistema cittadino di camion per la consegna dell'acqua per integrare la loro fornitura. 

Alla fine, la sua famiglia ha scelto di scavare un pozzo ancora più profondo, sapendo che se tutti intorno a loro avessero fatto la stessa cosa, l'approvvigionamento idrico della città sarebbe stato ulteriormente messo a rischio. "E’ una gara in cui alla fine tutti perdono", dice Rehman. "Personalmente mi sento davvero male nel doverlo fare, ma non ho alternative".

Il Pakistan è costantemente elencato come uno dei paesi più a rischio di una crisi idrica. La pioggia cade con maggiore intensità di quanto facesse una volta, ma non con frequenza, rendendo difficile ricostituire le riserve di acque sotterranee. Le temperature più calde stanno aumentando l'evaporazione e diffondendo l’aridità. Inoltre, lo scioglimento delle nevi e dei ghiacciai, due importanti fonti d'acqua per il paese, si sta riducendo a un filo. 

Ma il Pakistan non sta affrontando un problema idrico solo a causa del cambiamento climatico. Gli ambientalisti affermano che un mix di cattiva gestione delle risorse, esaurimento delle acque sotterranee e stoccaggio inadeguato dell'acqua ha spinto il sistema a un punto precario. In nessun luogo è più evidente che a Karachi, la città più popolosa del Pakistan, che ha una carenza d'acqua giornaliera di centinaia di milioni di litri. Nonostante ciò, il problema dell'acqua viene costantemente sottovalutato: il consumo non viene monitorato e molte sorgenti non sono regolamentate. 

Preoccupato per il futuro delle risorse d’acqua in città, Rehman ha iniziato a lavorare per AquaAgro, una startup tecnologica costituita nel 2016. La premessa dell'azienda era semplice: utilizzare i dati per aiutare gli agricoltori a fare scelte migliori sui programmi di irrigazione. Il loro dispositivo, che includeva un box a energia solare e un misuratore del suolo delle dimensioni di un pollice, poteva monitorare le condizioni meteorologiche come temperatura, umidità e pressione e valutare il contenuto di umidità del suolo. I dati venivano tutti caricati su un portale e gli agricoltori ricevevano avvisi che li informavano su quando innaffiare i loro raccolti. 

Negli allevamenti pilota di AquaAgro, i raccolti sono aumentati del 35 per cento e il consumo di acqua ridotto del 50 per cento. Ma quando Rehman e i suoi colleghi hanno contattato gli agricoltori per il loro prodotto, hanno scoperto che pochi erano interessati. "Non era un modello che avesse senso dal punto di vista dei costi", afferma Rehman. "Poiché il prezzo dell'acqua era così basso, gli agricoltori non erano interessati a ridurre il consumo di acqua".

Una gara senza vincitori

Ma l'acqua non è più la risorsa abbondante di una volta. Le fattorie nell'area di Karachi che facevano affidamento sulle acque sotterranee per coltivare i loro raccolti ora utilizzano di tutto, dai flussi di acque reflue ai camion dell'acqua, all'acqua di superficie rubata. La principale azienda di servizi idrici di Karachi lamenta che una grande quantità di acqua della città venga sottratta grazie a un sistema di canali di 3.200 chilometri che distribuisce l'acqua da un lago a circa due ore fuori città. 

"L’impressione generale è che ci sia un uso non autorizzato dell'acqua da parte di fattorie, parchi a tema e cittadini negli insediamenti informali, tra gli altri", afferma Farhan Anwar, un urbanista di Karachi. Ma, aggiunge, "la documentazione è difficile da trovare". Rehman sperava che AquaAgro potesse aiutare a fronteggiare la crisi idrica di Karachi. Se le fattorie della città usassero meno acqua, forse ne rimarrebbe di più per gli altri abitanti. Alla fine del 2019, tuttavia, il team di AquaAgro è arrivato alla conclusione che il loro prodotto non avrebbe mai portato profitti. I loro flussi di finanziamento si erano prosciugati e poco dopo si sono sciolti. 

Le loro idee, però, non sono state dimenticate. Crop2X, una startup che è cresciuta nello stesso incubatore di AquaAgro, sta a sua volta cercando di modernizzare il lavoro degli agricoltori. L'azienda utilizza sensori e immagini satellitari per aiutarli a identificare quali appezzamenti di terreno non stanno dando il massimo rendimento. "Siamo in grado di utilizzare le immagini satellitari per identificare i parassiti e ridurre la quantità di fertilizzante utilizzata", afferma Laeeq Uz Zaman, fondatore e CEO. "Sono aiuti preziosi per gli agricoltori".

Crop2X spera che convincendo gli agricoltori a comprare un prodotto per ridurre la spesa per i fertilizzanti, forse alla fine questi ultimi accetteranno anche di adottare strategie di riduzione del consumo dell'acqua. Nei suoi rapporti settimanali ai clienti, l’azienda include le prescrizioni idriche, in parte basandosi sul programma basato sui dati sviluppato da AquaAgro. Questa politica sembra funzionare.

Attualmente, Crop2X ha più di 1.500 acri di terreni agricoli che utilizzano i suoi servizi e punta ad arrivare a 4.000 acri entro il 2025. La startup ha iniziato a lanciare programmi pilota in grandi aziende agricole, sperando che i proprietari si convertano ai suoi metodi. Come dice Uz Zaman, rimane ancora un grande ostacolo: l'agricoltore medio, scettico sul fatto che meno acqua possa mai portare a più raccolti.

Mariya Karimjee è una scrittrice freelance che vive e lavora a Karachi, in Pakistan.

(rp)