• Ms Tech / Unsplash

Il farmaco per il bestiame che fa discutere l’America

L'ivermectina è stata falsamente promossa come un trattamento per il covid, ma per coloro che usano il farmaco legittimamente, vederlo diventare un pezzo importante della disinformazione anti-vaccino è sconcertante.

di Abby Ohlheiser 09-09-21
Quando Joe Rogan ha menzionato l'ivermectina come ingrediente di un cocktail sperimentale che stava prendendo per curare la sua infezione da covid, il farmaco era un meme. Nei giorni e nelle settimane precedenti alla rivelazione del popolarissimo podcaster, il farmaco era già diventato un argomento centrale nelle guerre culturali sul covid. L'ivermectina non è un farmaco nuovo o sperimentale: oltre al suo uso come trattamento antiparassitario per il bestiame, è comunemente impiegato nell'uomo per la cura di una forma di rosacea, tra le altre cose. Quindi per chi lo usa da anni, la sua improvvisa condanna è stata inaspettata e sgradita.

Le prescrizioni per la forma orale di ivermectina sono aumentate ad agosto poiché il farmaco è stato ampiamente promosso nel panorama dei media conservatori e sostenuto da un gruppo di medici pro-Trump che sono popolari nei circoli anti-vaccini. Phil Valentine, un conduttore radiofonico anti-vaccino e anti-mascherina, ha pubblicato su Facebook a luglio che le persone che rifiutano il vaccino dovrebbero "avere un medico personale che interviene rapidamente e prescrive l'ivermectina". (In seguito ha preso il virus ed è morto).

Le persone senza ricetta hanno iniziato a comprarlo sotto forma di cosiddetta pasta di cavallo da Amazon, dai fornitori di bestiame, ovunque potessero trovarlo. Il CDC ha confermato che il crescente interesse per l'ivermectina come "trattamento" per il covid ha coinciso con un aumento delle chiamate ai centri antiveleni per gli effetti negativi del consumo del farmaco. Coloro che chiamavano includevano persone che ingerivano una crema topica e coloro che consumavano formulazioni veterinarie destinate ad animali di grossa taglia. 

Questa ondata di interesse per l'ivermectina ha suscitato un allarme sostanziale e giustificato. Un titolo dopo l'altro parlava del "farmaco per il bestiame" su cui facevano affidamento gli anti-vaccinisti. Persino la Food and Drug Administration statunitense è intervenuta twittando: "Non sei un cavallo. Non sei una mucca. E’ una questione serie. Non prenderlo!". 

I post e i meme virali sono stati una sorpresa per chi soffre di rosacea, una condizione della pelle comune che è meglio conosciuta per causare arrossamento sul viso. Io sono una di loro: in realtà ci sono quattro varietà di rosacea e diversi anni fa un dermatologo me ne ha diagnosticate tre. Di tanto in tanto negli ultimi cinque anni, ho usato una crema topica contenente ivermectina per curarla.

Vedere l’"ivermectina" diventare una parola chiave per la disinformazione sui vaccini è stato piuttosto strano e esasperante per me. Quindi, mentre i meme si diffondevano, volevo sapere come tutto questo avrebbe influenzato quelli di noi che usano il farmaco legittimamente. È diventato incredibilmente complicato anche solo parlarne perché la conversazione è ormai polarizzata: quando ho twittato alla fine di agosto che faceva impressione vedere il trattamento che si usa per una condizione della pelle diventare virale come "farmaco per il bestiame ", sono stata citata da qualcuno che promuoveva l'ivermectina come trattamento per il covid. 

L'argomento era che, poiché alcune persone prendono legittimamente il farmaco per condizioni completamente non correlate al virus, deve essere sicuro anche per il covid (non lo è: la FDA afferma che "prendere grandi dosi di ivermectina è pericoloso"). Ho visto questo gioco più e più volte online: la disinformazione si evolve e si adatta mentre cerca di attirare l’attenzione. 

Il fatto è che le prove che l'ivermectina possa curare il covid sono scarse, basate in gran parte su uno studio prestampato (cioè non sottoposto a revisione paritaria) che è stato pubblicato all'inizio della pandemia, ma in seguito ritirato dopo alcune richieste di chiarimento sui suoi dati. Ma online, il fatto che l'ivermectina abbia una storia di vero farmaco è diventato parte del copione per coloro che cercano di promuovere il suo uso dubbio e potenzialmente pericoloso come terapia per il covid. E poiché l'abuso di ivermectina ha preso piede, si è creato il problema della risposta agli influencer anti-vaccini.

La disinformazione colpisce chi ha necessità del farmaco

Prima dell'ivermectina c’è stata l'idrossiclorochina, un immunosoppressore che viene spesso prescritto per prevenire la malaria e per trattare alcune condizioni della pelle, ed è stato anche falsamente promosso come trattamento per il covid-19. La sua conseguente popolarità ha portato a carenze del farmaco, mettendo in difficoltà le persone che ne avevano effettivamente necessità e ne ha reso più difficile la prescrizione per usi legittimi, afferma Adam Friedman, medico e professore di dermatologia della George Washington University.

È un promemoria che quando i farmaci vengono coinvolti nella disinformazione sulla salute virale, non vengono colpite solo le persone che ignorano esperti affidabili e optano per trattamenti inefficaci, smentiti o pericolosi di cui leggono online. Friedman dice che è stato costretto a cambiare il modo in cui parla ai pazienti quando deve prescrivere idrossiclorochina e ricordare loro che in dermatologia viene usata da decenni.  Per capire fino a che punto questa confusione potrebbe essere anche il futuro dell'ivermectina, sono andata su r/Rosacea, il subreddit con consigli su come affrontare la condizione cronica. 

Categoricamente diverso

Le persone con rosacea conoscono l'ivermectina come un trattamento provato ed efficace che aiuta alcune persone con un tipo di rosacea che provoca protuberanze sulla pelle. Sul subreddit, un utente è rimasto confuso dall'improvviso afflusso di attenzione e ha chiesto: "Perché i meme sull' ivermectina stanno spuntando ovunque in questo momento? E come fa il mainstream a sapere di cosa si tratta?".

Per chi partecipa al subreddit, l'ivermectina è un argomento di discussione vitale. C'è una costosa crema topica chiamata Soolantra che contiene il farmaco e questa estate ne è stata rilasciata una versione generica. Ma un sottogruppo di quegli utenti sapeva anche che lo stesso farmaco era nella pasta di cavallo, perché alcune persone con diagnosi di rosacea hanno acquistato il modulo veterinario, di solito perché non possono altrimenti accedere alle creme o non possono permettersi una prescrizione. 

Questa pratica è controversa tra le persone con rosacea e i dermatologi hanno sollevato preoccupazioni sulla sperimentazione di un prodotto che contiene un dosaggio inappropriato o ingredienti non testati con potenziali effetti negativi. Tuttavia, afferma Friedman, una persona con la rosacea che si rivolge alla pasta di cavallo per motivi di costo si trova in un universo medico ed etico categoricamente diverso da quello in cui le persone mangiano pasta di cavallo per "curare" il covid. Per i pazienti con rosacea diagnosticata che hanno bisogno di ivermectina per il loro disturbo, dice Friedman, "purtroppo, è il miglior farmaco che i pazienti possono ottenere". 

Le persone che usano Soolantra o la versione generica di ivermectina per via topica, al momento, è improbabile che incontrino carenze del farmaco, afferma Friedman. Tuttavia, ci sono segnalazioni di negozi di forniture agricole a corto di pasta di cavallo. Oltre ad alcuni problemi pratici di accesso— mentre scrivevo questa storia, ho parlato con una persona che ha dovuto acquistare pasta di cavallo dal Regno Unito per curare gli acari dei suoi topi domestici —
c'è ora un ulteriore livello di controllo e stigma. Come si spiega che si utilizza pasta di cavallo per la rosacea e non per il covid ?

Le semplificazioni creano danni

I moderatori del subreddit avevano già una certa familiarità con la disinformazione sull'ivermectina. Le persone usano il sito, come molte comunità online, per discutere e scambiare informazioni in base alla loro esperienza: per esempio, discutendo dei migliori detergenti per il viso, chiedendo come evitare di scatenare una riacutizzazione o condividendo come sta procedendo il loro trattamento nel tempo. Ma possono anche incubare e promuovere la disinformazione, che i moderatori devono monitorare e rimuovere.

Sebbene ci siano alcuni gruppi Facebook che promuovono la pasta di cavallo per chi soffre di rosacea, il subreddit r/Rosacea non incoraggia né vieta la discussione sul suo uso. Un moderatore mi ha detto che il rischio più grande è che le persone si autodiagnostichino la rosacea e decidano di curarsi con una versione fai-da-te di un farmaco che, anche in una forma destinata all'uso umano, dovrebbe essere usato solo con la guida di un medico. 

Tuttavia, non tutta la rosacea è uguale e le ragioni per cui l'ivermectina potrebbe funzionare per alcuni sono ancora oggetto di dibattito scientifico. Esiste una connessione tra la rosacea e gli acari demodex, che vivono nei follicoli piliferi più o meno sul viso di tutti. Nelle persone con qualsiasi forma di rosacea, quegli acari sono in eccesso. Ma la relazione esatta non è chiara. "La domanda è quella classica: prima l’uovo o la gallina?", dice Friedman. “Le persone con rosacea sono ambienti ideali in cui gli acari demodex vivono in eccesso, o è la crescita eccessiva che esacerba la rosacea?" 

Questa incertezza ha portato ad alcuni suggerimenti piuttosto pericolosi online, ha detto Ryan, un moderatore di Reddit che mi ha chiesto di non citare il suo cognome. "Le persone sono attratte e attaccate a questa idea troppo semplificata che se uccidono gli acari, la loro rosacea e i loro problemi scompariranno", ha detto. "Abbiamo persino visto cose piuttosto folli, come persone che consigliano di indossare collari antipulci o di usare pesticidi sul viso". 

Vuoti di dati e pozzi avvelenati

I venditori ambulanti online di disinformazione spesso sfruttano un vuoto di dati, dicendo alle persone di cercare termini specifici che sanno porteranno a risultati che promuovono le loro idee. Nel peggiore dei casi, come ha scritto in passato l’esperta di disinformazione Renee DiResta, il maggior numero di contatti viene raggiunto da persone che promuovono la disinformazione. 

E mentre le ricerche di "ivermectina" sono aumentate ad agosto, secondo Google Trends, i risultati della ricerca stessi sono stati più o meno completamente oscurati dalle discussioni sulle persone che usano l'ivermectina per curare il covid. Piattaforme e fornitori hanno iniziato a promettere di affrontare il problema: i risultati di Amazon per la pasta di cavallo, che erano stati pieni di recensioni che promuovevano il prodotto come trattamento per il covid, sono stati rimossi dopo che un giornalista del “Washington Post” ha sollevato la questione. 

Le ricerche di "ivermectina" su Amazon ora portano un avvertimento della FDA. Ma nei subreddit e nei gruppi privati di Facebook, nelle recensioni di Amazon e nei video di YouTube, la disinformazione permane. Il secondo risultato di una ricerca su Google per "ivermectina" eseguita il 7 settembre è stato uno studio sull'”American Journal of Therapeutics” che promuoveva l'uso del farmaco per curare il covid. 

Lo studio, una meta-analisi di altri studi sull'uso dell'ivermectina, è stato scritto da ricercatori che stanno cercando di ottenere l'approvazione del farmaco come trattamento per il covid, ha osservato Politifact. Esperti esterni hanno sostenuto che gli studi su cui si basava il documento non erano di qualità sufficientemente elevata da giustificare le conclusioni. Un risultato top per eccellenza? Una clip del podcast di Joe Rogan in cui scherza sulla copertura mediatica del suo uso di ivermectina.

(rp)