Il barometro delle tecnologie blu

MIT Technology Review classifica il grado in cui le economie di 66 paesi proteggono la salute di mari e oceani attraverso attività marine sostenibili, innovazione blu e politiche efficaci.

di MIT Technology Review 26-11-21
Il Blue Technology Barometer è una classifica sui progressi e sull'impegno di 66 paesi e territori costieri in difesa della sostenibilità degli oceani. Misura il grado in cui le economie dando priorità alla protezione della salute degli oceani, attraverso l'attività marina sostenibile, l'innovazione blu e l'attuazione delle politiche.

Il rapporto finale è stato elaborato attraverso l'analisi di set di dati selezionati e interviste di ricerca primaria con innovatori globali della tecnologia blu, responsabili politici e organizzazioni internazionali per la sostenibilità degli oceani.

Le tecnologie di raccolta e analisi dei dati stanno emergendo come una delle maggiori aree di innovazione dell'economia blu. Nel settore della pesca, le tecnologie elettroniche di cattura, documentazione e tracciabilità sono sempre più diffuse e la resistenza al loro utilizzo sta diminuendo man mano che crescono le preoccupazioni dei consumatori sulla provenienza sostenibile dei prodotti ittici.

La mappa della classifica generale mostra le prestazioni delle economie esaminate l'una rispetto all'altra e aggrega i punteggi generati attraverso i seguenti quattro pilastri: ambiente oceanico, attività marina, innovazione tecnologica e politica e regolamentazione.

Ambiente oceanico

Questo pilastro classifica ogni paese in base ai suoi livelli di contaminazione dell'acqua marina, ai suoi sforzi di riciclaggio della plastica, alle emissioni di CO2 delle sue attività marine (rispetto alle dimensioni della sua economia) e al recente cambiamento delle emissioni totali.

Attività marittime

Questo pilastro classifica ogni paese sulla sostenibilità delle sue attività marittime, comprese spedizioni, pesca e aree protette.

Innovazione tecnologica

Questo pilastro classifica ogni paese in base al suo contributo alla ricerca e allo sviluppo di tecnologie oceaniche sostenibili, comprese spese, brevetti e startup.

Politiche e regolamentazione

Questo pilastro classifica ogni paese in base alla sua posizione sulla politica e la regolamentazione relative alla sostenibilità degli oceani, comprese le politiche a livello nazionale, le tasse, le tasse e i sussidi e l'attuazione del diritto marittimo internazionale.

All'interno di ciascun pilastro, sono stati quindi selezionati e popolati una serie di indicatori, un elenco di fattori qualitativi e quantitativi. Attraverso l'analisi delle tendenze, la ricerca e un processo consultivo di revisione paritaria con molti degli esperti in materia intervistati per questo rapporto, sono state assegnate ipotesi di ponderazione per determinare l'importanza relativa con cui ciascun indicatore e pilastro ha influenzato la leadership della tecnologia blu di un paese.

È importante combinare l'innovazione tecnologica blu con gli sforzi "verdi" a terra, ma la nozione deve essere notevolmente ampliata per integrare gli sforzi orientati all'oceano con quelli del mondo in generale.

Ecosistemi per aiutare l'ecosistema

Il "pensiero di sistema" costringerà i governi a guardare a cose come gli sforzi di ringiovanimento del letto di mangrovie e alghe non solo per i loro benefici immediati per gli ecosistemi marittimi (migliorando la conservazione della costa e la decarbonizzazione delle aree marine protette), ma anche i benefici estesi che portano a un clima più ampio cambiare azione oltre l'oceano.

Tra questi benefici potremmo vedere emergere un'acquacoltura potenziata, con il potenziale di ridurre la dipendenza delle società umane dalla produzione di proteine ad alta intensità di carbonio a terra. Si potrebbero integrare gli sforzi per la transizione energetica espandendo gli impianti eolici e solari offshore, utilizzando l'oceano come piattaforma per generare energia pulita con una scala operativa e una consistenza spesso superiori a quelle dei progetti a terra.

Il contributo dell'oceano all'energia pulita è una parte fondamentale degli sforzi del mondo per raggiungere gli obiettivi collettivi di emissione di carbonio ai sensi dell'Accordo di Parigi, in particolare poiché la realizzazione prevede che per farlo, i livelli di investimento nelle energie rinnovabili nel prossimo decennio devono più che raddoppiare rispetto agli attuali livelli.

Al numero 21 tra i 66 paesi e territori analizzati, l'Italia viene raggruppata tra i paesi che stanno facendo progressi ed hanno dichiarato l'intenzione di difendere la sostenibilità delle acque. ENEA (Agenzia nazionale italiana per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile) e CNR (Consiglio nazionale delle ricerche) hanno istituito un laboratorio vivente utilizzando gli invertebrati acquatici come sensori vivi per monitorare le temperature oceaniche e altre condizioni. Buona parte delle prime 20 posizioni è coperta da paesi dell'Unione Europea.



Visualizza QUI i dati raccolti per comporre The Blue Technology Barometer.

(lo)