I traguardi europei per le energie pulite sono minati dalla Brexit
L’uscita della seconda economia più grande dell’Unione Europea potrebbe avere conseguenze negative sugli accordi climatici di Parigi.
di Richard Martin 25-06-16
La decisione del Regno Unito di uscire dall’Unione Europea ha gettato il mondo nel panico, mandando le borse in crisi e coinvolgendo persino il settore energetico. È pensiero comune fra regolatori, sostenitori delle energie pulite ed analisti, che anche se la “Brexit” non deraglierà completamente gli sforzi dell’Unione Europea di ridurre le emissioni di anidride carbonica secondo gli accordi climatici di Parigi, di certo non agevolerà il raggiungimento del traguardo.