• Pablo Blazquez Dominguez / Getty
I robot in aiuto dei piccoli negozi
Un numero crescente di attività commerciali si sta rivolgendo all’automazione per la ripartenza dopo il lungo blocco delle attività, in quanto i robot mantengono bassi i costi e permettono di evadere gli ordini più rapidamente e accuratamente.
di Will Douglas Heaven 26-05-20

In un magazzino a Secaucus, nel New Jersey, alcune persone si spostano rapidamente alla base di un container bianco grande quanto una casa. Ogni pochi secondi un contenitore di plastica emerge da un'apertura tra le sue eleganti pareti. Qualcuno si avvicina e prende un capo di lingerie o un costume da bagno, e poi il cestino sparisce di nuovo dentro il container per essere rifornito come altri 33.000 disposti su pile verticali dal pavimento al soffitto.

 

In cima al container, 73 robot si spostano attraverso la griglia come api giganti intente alla costruzione del loro nido. Lavorando insieme, spostano i contenitori ininterrottamente, accedendo a oggetti specifici e consegnandoli alle persone all'esterno. In una giornata intensa, questi robot eseguono 20.000 ordini online, l'80 per cento dei quali viene effettuato tramite smartphone.

 

Sempre più rivenditori si stanno rivolgendo a questo tipo di automazione per superare la concorrenza. I robot abbassano i costi e migliorano la qualità del lavoro, per cui in presenza di futuri nuovi blocchi questo tipo di automazione su piccola scala potrebbe essere la chiave per sopravvivere economicamente. Ciò è vero non solo per le piccole imprese, ma anche per le grandi aziende affermate, che vedono cambiare il loro modello di business di settimana in settimana. Il modo in cui facciamo acquisti sta cambiando: il futuro dell'automazione della vendita al dettaglio è più piccolo, più vicino a casa e più flessibile. 

 

L'anno scorso, Adore Me ha costruito il suo primo centro logistico automatizzato. Questa azienda, un rivenditore online di medie dimensioni fondata nel 2011 per competere con marchi affermati come Victoria's Secret, in precedenza si era affidata ad aziende di logistica di terze parti per gestire la raccolta e le consegne. Ma, grazie alla tecnologia di impilamento sviluppata da AutoStore, una delle nuove aziende nate per sostenere l'automazione di quelle più piccole, ora gestisce il proprio magazzino.

  

La tecnologia che Adore Me sta utilizzando non è nuova. I centri di distribuzione automatizzati, introdotti da colossi come Amazon e Ocado Technology, sono luoghi estesi, con migliaia di robot che spostano milioni di contenitori in spazi delle dimensioni di diversi campi da calcio. Ma negli ultimi anni la tecnologia si è diffusa con lo sviluppo del mercato dello shopping online. Man mano che i sistemi logistici robotizzati diventano più compatti e modulari, un numero crescente di rivenditori sceglie di installare i propri, personalizzati in base alle esigenze aziendali e allo spazio disponibile. Invece di occupare diversi edifici, i nuovi centri si possono collocare in un luogo grande come un magazzino di supermercati.

 

Questo passaggio verso un'automazione su scala ridotta distribuita su più sedi si sta imponendo poiché il settore della vendita al dettaglio rischia il collasso. Secondo il Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti, le vendite al dettaglio negli Stati Uniti sono diminuite del 16,4 per cento il mese scorso, il peggior calo da quando, nel 1992, si sono iniziati a pubblicare i dati. Il record precedente, un calo dell'8,3 per cento, era stato stabilito a marzo. Con gli acquirenti bloccati a casa, i rivenditori soffrono su tutta la linea. Molti negozi fisici sono stati chiusi.

 

I produttori di robot vendono più di prima

 

Non ci sono solo brutte notizie, comunque. C’è chi sta vedendo esplodere il suo business online e trova difficoltà a soddisfare la domanda. Negli Stati Uniti, l'e-commerce è aumentato di oltre il 21 per cento rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso. Il cambiamento più grande riguarda il modo di fare la spesa. In una lettera ai clienti del settore alimentare il 19 marzo, i consulenti di McKinsey hanno notato che alcuni registravano picchi fino al 700 per cento. Invece di andare settimanalmente al supermercato, molti consumatori stanno acquistando cibo online. Le aziende con modalità rapide ed efficienti per evadere gli ordini online si stanno imponendo.

 

Per tenere il passo, alcuni rivenditori si stanno mettendo in moto per cambiare il modo in cui vengono utilizzati i loro negozi ormai vuoti. Invece di mostrare la merce per clienti di passaggio, gli spazi vengono trasformati in magazzini e depositi di consegna per le aziende che si sono spostate interamente online. "È come se l'e-commerce avesse fatto un salto in avanti di cinque anni", afferma Vince Martinelli, CEO di Right Hand Robotics, un’azienda americana che ha installato bracci robotici per la raccolta di articoli dai contenitori in una dozzina di magazzini al dettaglio negli Stati Uniti, in Europa e in Giappone.

 

Una risposta al picco della domanda è assumere decine di migliaia di lavoratori a tempo determinato, come ha fatto Amazon. Ma i costi sono alti. "Abbiamo avuto un vero terremoto e non è possibile risolvere il problema semplicemente assumendo persone", afferma Martinelli. Un’altra risposta è accelerare l’utilizzo delle tecnologie. 

 

I negozi valutano da anni i pro e i contro dell'investimento nell’automazione. "Non si tratta più di scegliere. Ormai se ne ha bisogno per sopravvivere", afferma Scott Gravelle, CEO di Attabotics, un’azienda canadese che produce sistemi robotizzati di evasione degli ordini  abbastanza piccoli da adattarsi a un negozio di medie dimensioni. 

 

Un utilizzo esteso della robotica è una parte di questa strategia di sopravvivenza. Non sorprende che le aziende che costruiscono robot o sensori stiano registrando un picco di interesse. Brain Corp, che produce software di controllo per robot per la pulizia dei pavimenti e per la movimentazione delle scorte, afferma di aver visto un incremento della sua tecnologia del 24 per cento ad aprile rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso. 

  

I suoi robot ora lavorano per un totale di 8.000 ore al giorno, l'equivalente di 1.000 dipendenti. I robot per la pulizia vengono di solito utilizzati durante la notte, ma i due terzi dell'aumento si sono verificati durante le ore di lavoro giornaliere, a causa delle misure di igienizzazione durante la pandemia.

 

Inertial Sense, che costruisce sensori intelligenti che consentono ai robot di spostarsi, afferma che ha già ricevuto due ordini importanti e molte richieste per il suo kit demo. Il risultato è che i piccoli rivenditori stanno beneficiando del modo in cui i grandi player hanno introdotto cambiamenti negli ultimi anni. Molti grandi rivenditori si affidano ad aziende come Ocado Technology, che costruisce e gestisce vasti centri logistici fuori città per diversi grandi supermercati del Regno Unito. Quelli che hanno abbracciato a lungo l'automazione in questo modo sembrano essersi adattati bene alla crisi. 

 

I circa 3.000 robot nei grandi magazzini di Ocado Technology sono gestiti da un'intelligenza artificiale centrale, che modifica continuamente migliaia di parametri per garantire che l'intero sistema funzioni nel modo più fluido possibile. "Un sistema così complicato è davvero al di là del controllo umano", afferma Alex Harvey, responsabile dell'IA. "Dobbiamo usare l'intelligenza artificiale per gestire le situazioni in modo ottimale".

 

Per le attività del magazzino, l'IA sintonizza le sue prestazioni con una simulazione virtuale dello spazio fisico che rispecchia ogni suo movimento. Quando i gemelli fisici e digitali non sono sincronizzati, la simulazione avvisa l'IA e i suoi operatori umani di un potenziale problema, come un oggetto caduto o una ruota traballante su uno dei robot. Questa simulazione ha aiutato l'IA a proporre alcune modifiche quando la domanda online ha raggiunto il picco nelle prime settimane di blocco. 

 

Man mano che le abitudini di acquisto cambiano, il layout della griglia delle pile di contenitori può essere aggiornato dall'oggi al domani, collocando i prodotti acquistati più frequentemente in alto, dove possono essere raggiunti più rapidamente. Di recente, Ocado Technology ha iniziato a distribuire la sua tecnologia tra i rivenditori al di fuori del Regno Unito. Ha rapporti con Kroger negli Stati Uniti, Sobeys in Canada, Casino in Francia, Aeon in Giappone e altri. "Abbiamo fatto un copia-e-incolla per loro", afferma Harvey. Ocado Technology sostiene l'alto costo dell'installazione stessa in cambio di una riduzione delle entrate del rivenditore.

 

La vicinanza a casa è un vantaggio

 

Tutte queste aziende, grandi e piccole, stanno ora osservando attentamente le nostre nuove abitudini di acquisto. Quando i picchi di domanda e i clienti online desiderano che gli acquisti vengano consegnati il ​​prima possibile, il sistema centralizzato smette di essere così conveniente. La selezione efficiente delle scorte e i percorsi di consegna più brevi sono fondamentali, il che offre un vantaggio ai piccoli negozi locali rispetto ai grandi magazzini fuori città. 

 

Per esempio, l'anno scorso, Ocado ha lanciato Ocado Zoom, un servizio di consegna entro un'ora per la città di Londra, da un magazzino più piccolo appena fuori città. Con sede negli impianti più grandi, il sistema di impilamento di Zoom è modulare e può essere personalizzato a seconda del luogo. Insieme ai costi iniziali più bassi, in questo modo si rende più semplice l'adozione dell'automazione per i negozi più piccoli,  che possono aggiungere capacità man mano che crescono.

 

Negli Stati Uniti, Walmart è un altro gigante della vendita al dettaglio che sta rapidamente adattando il suo modello al modo in cui procedono gli acquisti online. All’inizio della pandemia, Walmart offriva un servizio espresso, consegnando gli articoli ordinati online a casa del cliente entro due ore. Gli aggiornamenti al software che calcolava i percorsi e prelevava gli articoli dal magazzino sono stati portati avanti rapidamente. Alla fine di marzo l’azienda ha testato il servizio in un negozio a Phoenix, in Arizona. Il 16 aprile è stato distribuito in cento negozi negli Stati Uniti e si prevede di estenderlo ad almeno duemila.

 

Ma la consegna espressa funziona solo se gli articoli ordinati vengono spediti da un luogo vicino al cliente. Fortunatamente, Walmart aveva già deciso di muoversi su piccola scala, spedendo gli articoli direttamente dai negozi piuttosto che dai suoi enormi magazzini fuori città. Alla fine del 2019, aveva implementato la tecnologia in 130 negozi. 

 

Il software, che tracciava ogni acquisto attraverso le migliaia di negozi Walmart e registrava gli  stock millisecondo per millisecondo, analizzava milioni di variabili (tra cui disponibilità, velocità di consegna e costi per Walmart) per identificare quale dei negozi era la scelta migliore per evadere un ordine online locale. Inizialmente Walmart non vedeva molta domanda per il servizio, ma tutto è cambiato velocemente. I suoi centri logistici hanno inviato spedizioni a 2.400 negozi in sole due settimane.

 

Aziende come Attabotics stanno aiutando quelle più piccole a imitare le grandi. Il suo sistema di micro evasione degli ordini consente ai piccoli rivenditori di trasformare un magazzino nel retro del loro negozio, o lo stesso negozio se è chiuso ai clienti, in una macchina per l'elaborazione degli ordini in stile AutoStore. “È un uso ottimale degli immobili”, afferma Gravelle.

 

Laddove AutoStore utilizza robot delle dimensioni di lavatrici che si muovono nella parte superiore di pile di contenitori, Attabotics crea un sistema in cui robot più piccoli si fanno largo tra le merci. Tutto sommato lo spazio occupato arriva a una percentuale tra il 6 e l'8 per cento di quanto un negozio occuperebbe con gli articoli esposti, afferma Gravelle. Attabotics utilizza l'apprendimento automatico per determinare i criteri in base ai quali vengono disposti le merci; in genere si fa riferimento agli ordini dei clienti e il sistema viene adattato in tempo reale al variare dei comportamenti di acquisto.

 

Le diverse parti possono essere riunite in varie configurazioni per adattarsi alla forma e alle dimensioni dei locali. Attabotics afferma di gestire, negli Stati Uniti, centri logistici robotizzati di dimensioni che vanno da 33 metri quadrati a oltre 5.000, compresi i magazzini per la catena di grande distribuzione Nordstrom. "Si può scegliere tra tanti contenitori e un robot, o pochi contenitori e molti robot", afferma Gravelle.

 

Anche quando i negozi riapriranno e le persone torneranno al lavoro, la vendita al dettaglio non tornerà alla normalità. Negozi e magazzini dovranno imporre il distanziamento sociale. Martinelli di Right Hand Robotics ritiene che ciò potrebbe portare a un'automazione ancora maggiore. "Se in un edificio è consentito un numero inferiore di persone, gli esseri umani assumono un valore più elevato", egli spiega. "Non si impiega un lavoratore in un compito banale, se il compito si può  automatizzare".

 

Per esempio, nella maggior parte dei centri logistici automatizzati, i lavoratori raccolgono ancora oggetti dai contenitori che i robot mettono davanti a loro. Non sorprende che Martinelli pensi che questo sia un compito più adatto al tipo di robot che la sua azienda produce. Ocado Technology ha anche testato un braccio di raccolta robotico che potrebbe aiutare a rispettare il distanziamento sociale nella fabbrica post-covid-19.

 

Terapia al dettaglio

 

Naturalmente, nulla di tutto ciò era prevedibile quando Adore Me ha aperto il suo nuovo magazzino. L’azienda ha investito molto in automazione per supportare una strategia di crescita internazionale aggressiva. I suoi robot gli consentono di evadere almeno quattro volte in più il numero di ordini pre-covid. I robot la stanno aiutando a tenere il passo durante la pandemia e a fronteggiare richieste prima imprevedidibili, come quelle di pigiami di qualità.

 

I guadagni in termini di efficienze parlano da soli, afferma Steven Keith Platt, direttore del Platt Retail Institute di Boston, che studia i robot nel settore della vendita al dettaglio: "Si tratta di un grande impulso per le aziende a incrementare gli investimenti nell'automazione". Bennett, CEO di Inertial Sense, è d'accordo. "La vendita al dettaglio è il luogo in cui l'economia guiderà le tendenze a lungo termine", egli spiega. Ma avverte che l'automazione non è una soluzione plug-and-play per tutti. Le aziende che desiderano investire nell'automazione potrebbero dover aggirare i vincoli legati alla tecnologia interna.

 

Anche senza questi ostacoli, passare all'automazione richiede tempo, a meno che non si disponga già di una piattaforma a cui affidarsi. È necessario ordinare, fabbricare e testare macchinari per un valore di milioni di dollari. I risultati non saranno immediati, ma quando arriveranno saranno stabili, dice Martinelli: "Nel 2021 o nel 2022 si vedrà l'impatto di quanto si è avviato in questi due mesi".