I ricercatori Microsoft e IBM sviluppano una macchina della verità per il Cloud
Un modo per verificare se i calcoli sono stati manomessi potrebbe rendere il Cloud computing più affidabile e aumentare la privacy.
di Tom Simonite 21-06-13
Oggi è normale che ogni genere di dati, dalle foto personali ai documenti societari, venga archiviato in server esterni. Ma nonostante l'aumento nell'utilizzo di prodotti esterni come il "Cloud", la fiducia su servizi affidati a sistemi esterni che usano i propri dati è ancora basata più sulla fiducia verso cose sorpassate che non sulla tecnologia. Come le irruzioni recenti su Twitter e LinkedIn dimostrano, anche i più grandi servizi non sono immuni da attacchi, e questa è una grande sfida per le compagnie che stanno cercando di esternalizzare i calcoli relativi a dati sensibili.