• Flickr / Backbone Campaign
I governi usano la pandemia per limitare la libertà su Internet
Un rapporto del think tank Freedom House ha messo in luce che la posizione degli Stati Uniti come leader globale del diritto di espressione in rete è sempre più in discussione.
di Charlotte Jee 15-10-20
La libertà globale su Internet è diminuita per il decimo anno consecutivo poiché i governi usano la pandemia di coronavirus come copertura per limitare i diritti delle persone. I ricercatori di Freedom House hanno valutato 65 paesi, in rappresentanza dell'87 per cento degli utenti Internet in tutto il mondo. Il rapporto copre il periodo da giugno 2019 a maggio 2020, ma alcuni cambiamenti chiave hanno avuto luogo da quando è scoppiata il contagio del covid-19.