• Ms. Tech
I giovani cinesi si oppongono alla censura del coronavirus
Di fronte alla soppressione delle informazioni e alle notizie inaffidabili, i cittadini in Cina e Hong Kong fanno del loro meglio per raccontare l'epidemia di coronavirus e separare i fatti dalla finzione.
di Angela Chen 03-02-20
Quando, la scorsa settimana, Linda ha effettuato l'accesso al social network cinese Weibo, ha visto un curioso post sul “Quotidiano del Popolo”, una pubblicazione controllata dallo stato: la provincia di Hubei stava aggiungendo 100.000 posti letto nella speranza di gestire il coronavirus che ha causato il panico in tutto il paese.