• AP
Guerra fredda digitale
Gli Stati Uniti affermano di aver inserito malware offensivo nella rete elettrica della Russia, facendo leva sulla legge che autorizza condotte militari clandestine nel cyberspazio per difendere la nazione da attacchi informatici.
di Charlotte Jee 21-06-19
Secondo il “New York Times”, gli Stati Uniti hanno fatto ricorso a un malware potenzialmente paralizzante all’interno della rete elettrica della Russia con l’obiettivo di rispondere alle aggressive azioni di hacking e alla sistematica disinformazione portate avanti da Mosca.