• Wiktor Szymanowicz / Nurphoto via AP

Gruppi di attivisti contro la nuova legge texana sull’aborto

Dopo che lo stato ha approvato la SB8, la legge che criminalizza l'aborto e in sostanza lo impedisce, le organizzazioni per la difesa dei diritti delle donne hanno messo in campo tutti gli strumenti possibili per difendere chi ne ha più bisogno.

di Tanya Basu 16-09-21
"Il tempo è essenziale", dicono. Pochi giorni dopo, il 1 settembre, l'SB8 è diventato legge in Texas. La nuova legge vieta l'aborto nello stato rendendo illegale la procedura nel caso sia già presente un battito cardiaco, di solito circa sei settimane dopo l'ultimo ciclo mestruale (è da notare che molte persone con il ciclo irregolare in quel periodo non sanno ancora di essere incinte). SB8 incoraggia anche a intraprendere azioni legali con una ricompensa di 10.000 dollari in caso di vittoria contro coloro che aiutano qualcuno ad abortire all'interno dello stato dopo le sei settimane. 

Un numero imprecisato di donne incinte in Texas sono ora in una situazione di stallo, incapaci di accedere a un’interruzione di gravidanza sicura all'interno dei confini dello stato. Ma gli attivisti che si oppongono a questa legge stanno raccogliendo con successo fondi per le donne che vogliono abortire fuori dallo stato e stanno inviando spam con falsi rapporti ai siti che pubblicizzano le ricompense in denaro.

Le organizzazioni non profit stanno intervenendo per sostenere le donne che devono interrompere una gravidanza. Per esempio, AID Access, che aiuta a fornire l'accesso alle pillole abortive online, ha visto un picco di richieste da quando la legge è stata approvata. Le pillole sono il mifepristone, che blocca il progesterone, un ormone necessario per portare avanti una gravidanza, e il misoprostolo, che induce un aborto spontaneo.

"Abbiamo sicuramente registrato un aumento di richieste dopo il primo settembre dal Texas", afferma Christie Pitney, un'ostetrica che fa volontariato con Aid Access. Alcune persone stanno persino facendo scorta di pillole abortive in Texas nel caso ne avessero bisogno in futuro. 

La procedura richiede solo una connessione a Internet: i pazienti si collegano online e rispondono ad alcune domande conformi all'HIPAA sulla loro gravidanza, per esempio quando è stato il primo giorno del loro ultimo ciclo. Se si tratta di un caso semplice, è approvato dal medico - ci sono sette medici americani che coprono 15 stati - e il farmaco arriva in pochi giorni. In posti come il Texas, dove Aid Access non ha medici nello stato, la fondatrice di Aid Access Rebecca Gomperts prescrive il farmaco dall'Europa, dove si trova la sede. Possono volerci circa tre settimane, dice Pitney. 

La possibilità di ottenere un aborto sicuro e discreto a casa con solo una connessione Internet potrebbe cambiare la vita dei texani e di altre donne americane. "Ha davvero cambiato il volto dell'accesso all'aborto", afferma Elisa Wells, cofondatrice di Plan C, che fornisce informazioni e istruzione su come accedere alle pillole.

In Texas, la necessità è particolarmente acuta perché lo stigma culturale e una storia esistente di leggi restrittive significa che sono disponibili pochissime cliniche. Prima della recente modifica della legge, i texani avevano tre volte più probabilità della media nazionale di usare pillole abortive, perché le cliniche in cui era permesso l'aborto erano lontane. 

I neri e gli ispanici hanno spesso meno accesso alle cure mediche, continua Wells, quindi la possibilità di accedere alle pillole abortive online è vitale per queste comunità. Il sistema è anche molto più economico degli aborti medici, con la maggior parte delle pillole che costano da 105 a 150 dollari, più un incontro online obbligatorio, a seconda dello stato in cui si vive. (Aid Access richiede solo una parte del pagamento, o a volta nulla, se necessario).
 
Ma mentre sono comunemente prescritti in altri paesi (sono usati in circa il 90 per cento dei casi di aborti in Francia e Scozia, per esempio), solo il 40 per cento delle americane usa le pillole. Infatti, abortire in autonomia con le pillole può portare ad accuse in almeno 20 stati, compreso il Texas, ed è stata la ragione per l’arresto di 21 persone dal 2000. L'aiuto di Gomperts previsto da Aid Access, per scrivere prescrizioni come medico straniero è stato oggetto di un’indagine federale da parte della FDA, contestata dal gruppo. La situazione è ancora irrisolta. 

Raggiungere le persone che hanno bisogno di un aiuto è un'altra sfida, quindi gli attivisti spesso si rivolgono a Instagram e Tik Tok per trasmettere informazioni sulle pillole. Usano le presentazioni di Instagram per mostrare come funzionano e gli hashtag che facilitano la ricerca delle informazioni. (Si veda link)

Ma non tutti sono contenti del lavoro che fanno questi gruppi. Solo la scorsa settimana, afferma Wells, la pagina Instagram di Plan C è stata chiusa più volte dopo alcune segnalazioni. "Abbiamo fatto appello", dice. “Il linguaggio era generico, parlava di violazione dei termini e delle condizioni. Pensano forse che stiamo vendendo farmaci? Ma non è così. Stiamo facendo qualcosa di illegale? Esprimiamo liberamente il nostro pensiero". Un portavoce di Instagram ha confermato che il plan C è stato messo offline, ma ha affermato che la pagina era stata "disabilitata per errore".

Un altro problema su Instagram sono gli hashtag non ricercabili, in particolare per #mifepristone e #misoprostol. Instagram ha rifiutato di rispondere alle domande su questo aspetto. I blocchi su Instagram hanno portato le organizzazioni abortiste a tornare a tattiche pre-internet, più difficili da censurare, per raggiungere coloro che non hanno accesso a Internet. Queste includono l'uso di poster giganti su camion, la gestione di hotline 24 ore su 24, la distribuzione di adesivi e fanzine  e altre "tecniche di marketing aggressivo". (Si veda link)

Volkova, che è al suo secondo aborto, è impegnata con Buckle Bunnies, un gruppo di base che raccoglie fondi per gli aborti in Texas. "Per molto tempo, mi sono vergognata di parlare del mio aborto", spiega. "Ma ho capito che c'è così tanto amore e sostegno nelle organizzazioni che fanno questo lavoro, e questo amore mi ha permesso di condividere la mia storia e continuare a lavorare per garantire il diritto all'aborto alle altre donne".

(rp)