• Pixabay
Gli algoritmi possono prevedere la recidività
Un nuovo studio ha scoperto che gli algoritmi di valutazione del rischio sono talvolta migliori delle persone nel prevedere se un criminale verrà arrestato nuovamente entro due anni dall'uscita dal carcere.
di Charlotte Jee 19-02-20
I ricercatori dell'Università di Stanford e dell'Università della California, a Berkeley, hanno riproposto un esperimento del 2018 in cui persone senza formazione erano valide quanto un programma software di valutazione del rischio ampiamente utilizzato chiamato COMPAS. Gli algoritmi di valutazione del rischio sono addestrati sui dati storici di chi ha commesso un reato e dovrebbero aiutare i giudici a determinare se un imputato debba essere tenuto in prigione o essere autorizzato a uscire in attesa del processo.