• Abhishek Chinnappa / Getty Images

Emissioni zero in India nel 2070

L'impegno di entrare nel club dei paesi net-zero, annunciato dal primo ministro Narendra Modi il 1° novembre alla conferenza Onu sul clima COP26, presenta una tempistica ragionevole, anche se impegnativa, per il paese.

di Casey Crownhart 04-11-21
Sebbene la data target sia ancora lontana decenni e successiva all'obiettivo del 2050 fissato da molti altri paesi, gli esperti affermano che si tratta di un impegno ambizioso e significativo da parte di una delle nazioni in più rapido sviluppo al mondo. Ora è tempo che i paesi più ricchi che hanno inquinato molto di più in passato, come gli Stati Uniti, aumentino il loro sostegno agli sforzi dell'India e di altri paesi in via di sviluppo per raggiungere i loro obiettivi climatici.

L'India è attualmente il terzo paese al mondo con le emissioni più elevate. Tuttavia, ospita anche il 17 per cento della popolazione mondiale, quindi in emissioni pro capite è meno della metà della media globale, ben al di sotto degli altri principali responsabili delle emissioni. Decine di milioni di persone nel Paese non hanno ancora accesso all'elettricità.

Quando si tiene conto del record storico, l'India è responsabile di meno del 5 per cento delle emissioni cumulative di anidride carbonica (gli Stati Uniti rappresentano il 20 per cento, più di qualsiasi altro paese). "Se si volesse ripartire i bilanci del carbonio in modo equo, l'India sarebbe un paese da lodare", afferma Rahul Tongia, membro anziano del Centro per il progresso sociale ed economico di Nuova Delhi.

Indipendentemente da ciò, l'annuncio di Modi è stato una piacevole sorpresa per alcuni ricercatori, sostiene Ulka Kelkar, economista e direttore del clima del World Resources Institute India. Gli obiettivi sono "evidenti aggiornamenti" rispetto a quelli precedenti, afferma, e pochi si aspettavano un impegno a emissioni zero dall'India alla conferenza di quest'anno.

L'obiettivo era "diplomaticamente necessario", dice Navroz Dubash, professore del Center for Policy Research di Nuova Delhi, che lo considera comunque da tenere sotto costante controllo, dal momento che tutti i primi 10 emettitori a parte l'Iran e la maggior parte delle altre principali economie, si sono impegnate ad azzerare le loro emissioni.

Ciò che potrebbe essere ancora più significativo, sostiene, sono gli obiettivi intermedi delineati da Modi. Nel suo discorso, il Primo ministro indiano ha promesso che entro il 2030 il suo paese avrà 500 gigawatt di capacità elettrica da fonti prive di carbonio (incluso il nucleare) e riceverà il 50 per cento del suo "fabbisogno energetico" da fonti rinnovabili. Si è impegnato, inoltre, a ridurre le emissioni totali dell'India di 1 miliardo di tonnellate e la sua intensità di carbonio (che confronta le emissioni generate con l'elettricità prodotta) del 45 per cento, sempre entro il 2030.

Il governo indiano ha poi chiarito che l'obiettivo del 50 per cento è relativo alla capacità elettrica. Ciò significa che non includerà, per esempio, la maggior parte dell'energia utilizzata in settori difficili da decarbonizzare come i trasporti. Si sta parlando di capacità, non di generazione, per cui probabilmente ci saranno meno limitazioni sul carbone di quanto alcuni ricercatori avessero inizialmente pensato, spiega Dubash.

Alla fine sarà necessario allontanarsi dal carbone per azzerare le emissioni nette e ciò rappresenterà una vera sfida per l'economia del paese, poiché circa il 70 per cento della sua energia attualmente proviene da quella fonte. Anche ripulire altri settori oltre all'elettricità, come l'industria e i trasporti, che generano gran parte delle emissioni dell'India, potrebbe essere particolarmente difficile. "Non abbiamo nemmeno soluzioni efficaci nel mondo sviluppato, quindi non è chiaro come si tradurrà in un posto come l'India", afferma Arvind Ravikuman, professore di geosistemi dell'Università del Texas ad Austin.

Paesi come gli Stati Uniti potrebbero aiutare, aggiunge, finanziando la ricerca e lavorando con le nazioni in via di sviluppo per scoprire e finanziare nuove tecnologie. Nel suo discorso alla COP26, Modi ha chiesto ai paesi ricchi di fornire 1 trilione di dollari di finanziamenti per il clima per le nazioni in via di sviluppo. Ma tali promesse di finanziamento finora non sono state soddisfatte: un impegno del 2009 di 100 miliardi di dollari all'anno da parte dei paesi industrializzati, che avrebbe dovuto iniziare nel 2020, non si è concretizzato.

Il finanziamento e la tecnologia potrebbero determinare se l'India è in grado di mantenere le sue promesse di riduzione delle emissioni. In un recente rapporto dell'Agenzia internazionale per l'energia, i ricercatori hanno delineato uno scenario in base al quale il paese raggiungerà le emissioni nette a zero a metà degli anni 2060. Secondo la loro stima, raggiungere tale obiettivo richiederebbe 1,4 trilioni di dollari di capitale aggiuntivo per progetti di energia pulita entro il 2040.

"Il mondo si è agganciato alle emissioni zero come strumento per combattere il cambiamento climatico", afferma Tongia, ma una data per raggiungere questo obiettivo non racconta l'intera storia dell'azione per il clima di un paese. La quantità totale di emissioni nel tempo, così come il contesto in cui vengono prodotte, influirà sul loro impatto. E mentre alcuni potrebbero obiettare che il tempo è essenziale, aggiunge, per l'India un impegno per il 2070 è ancora "un enorme cambiamento che cerca di bilanciare l’equità con lo sviluppo interno del paese".

(rp)