• Credito immagine: Openzone
È online il nuovo sito di Openzone!
Il nuovo sito rientra a pieno titolo nelle attività intraprese per trasformare il network che gravita intorno a OpenZone in una vera e propria community.
di Openzone 29-04-19
Una veste grafica completamente rinnovata e un concept improntato sullo storytelling per dare risalto a tutto quello che avviene in OpenZone, alle sinergie che si creano, ai casi di successo, agli ospiti internazionali che periodicamente passano nel campus, a tutti i luoghi e alle occasioni di dialogo offerte.

Sono tre le sezioni sulle quali www.openzone.it si basa: Know, Live e Act, tre anime che nel loro insieme dicono tutto ciò che OpenZone è e vuole diventare nei prossimi anni.

Know è la sezione in cui sia il campus sia gli Zoner, cioè le imprese che lo popolano, si presentano. Ad oggi gli zoner che hanno la propria sede nel campus sono 23, tra cui alcune delle più importanti aziende biotecnologiche, farmaceutiche e di terapie geniche avanzate riconosciute a livello internazionale. Know è anche la sezione in cui trovano le spazio le inspiring story, cioè tutte le storie di successo di cui il campus è ricco.

Live, invece, è la sezione ideale per chi cerca contenuti relativi alle strutture e ai servizi a disposizione nel campus, compresi quelli offerti dal Benvivere, la filosofia aziendale che mira a migliorare la qualità della vita di tutti i collaboratori. Qui, inoltre, viene data evidenza al piano di sviluppo che porterà OpenZone a ricoprire una superficie di 37.000 mq entro il 2021 con l’obiettivo di ospitare fino a 1.200 persone grazie a un investimento complessivo per i lavori pari a 60 milioni di euro.

In Act, infine, viene dato spazio alle news più rilevanti e agli eventi di richiamo sia per la community interna al campus sia per gli ospiti esterni, come gli OpenZone Talk, incontri periodici con i protagonisti dell'innovazione e autorevoli esperti del mondo scientifico, economico e istituzionale. Gli ultimi talk hanno visto protagonisti Issi Rozen (CBO Broad Institute MIT e Harvard), Carlo Ratti (architetto di fama internazionale e professore al MIT di Boston dove dirige il Senseable City Lab), Luca De Biase (Innovation Editor del Sole 24 Ore e fondatore di Nova24) e Roberto Ascione (esperto internazionale di digital health e fondatore e CEO di Healthware International).

Il nuovo sito rientra a pieno titolo nelle attività intraprese per trasformare il network che gravita intorno a OpenZone in una vera e propria community. In OpenZone nascono storie di successo ed è proprio a queste che si vuole riservare un ruolo di primo piano, affinché altri possano esserne ispirati.

News, video, storie e approfondimenti sempre aggiornati renderanno il sito un vero e proprio luogo virtuale dedicato a tutta la community del Life Science.
OpenZone è attiva anche su Twitter @openzonecampus e Facebook e su Youtube dove si possono trovare tutti i video di presentazione degli Zoner.