• Steve Kirsch Ms Tech | Pexels (mani); Kirsch

Da promotore della scienza a diffusore di disinformazione

Dopo aver promosso farmaci per il covid non provati e aver fatto una campagna contro i vaccini, Steve Kirsch è stato abbandonato dal suo team di consulenti scientifici.

di Cat Ferguson 06-10-21
Nei primi giorni della pandemia, mentre miliardi di dollari si riversavano nella ricerca di nuove terapie e vaccini, Steve Kirsch, l’imprenditore veterano della Silicon Valley, ha continuato per la sua solita strada: portare avanti battaglie perse. Da quando ha fatto fortuna come fondatore di Infoseek, uno dei primi motori di ricerca che era il Google dei suoi tempi, Kirsch ha speso decine di milioni di dollari per combattere le più grandi minacce dell'umanità. 

In genere sceglie approcci iconoclasti, sia finanziando direttamente il rilevamento di asteroidi sia sostenendo l'energia nucleare per combattere il riscaldamento globale. 
A marzo del 2020, aveva optato per l'idea di cercare terapie anticovid nella farmacopea preesistente. La premessa aveva senso: la maggior parte degli esperti prevedeva che i vaccini avrebbero richiesto anni, mentre trovare farmaci utili con profili di sicurezza noti avrebbe potuto abbreviare il processo di approvazione.

Con pochi fondi governativi disponibili per tale lavoro, Kirsch ha fondato il Covid-19 Early Treatment Fund (CETF), investendo 1 milione di dollari dei propri soldi e raccogliendo donazioni da luminari della Silicon Valley, tra cui Marc Benioff ed Elon Musk. Negli ultimi 18 mesi, il fondo ha concesso almeno 4,5 milioni di dollari ai ricercatori che testano i poteri anticovid di farmaci già approvati dalla FDA per altre malattie. 

Questo lavoro ha prodotto un candidato promettente, l'antidepressivo fluvoxamina, mentre altri tentativi finanziati dal CETF hanno avuto meno successo. Ma non è una sorpresa, secondo i ricercatori che li hanno condotti: la stragrande maggioranza delle sperimentazioni per qualsiasi farmaco fallisce. 

Ciò che ha allarmato molti degli scienziati associati al CETF, tuttavia, sono le reazioni di Kirsch al lavoro che ha finanziato, sia successi che insuccessi. Per esempio, il suo rifiuto di accettare i risultati della ricerca sull’idrossiclorochina che ha mostrato come il farmaco non avesse alcun valore nella cura del covid, invece di prendersela con la cattiva progettazione studio e gli errori statistici. 

Il miliardario si è anche pubblicamente scagliato contro quella che sostiene essere una campagna contro farmaci come la fluvoxamina e l'ivermectina. Inoltre, secondo tre membri del comitato consultivo scientifico del CETF, ha fatto pressione su di loro per promuovere la fluvoxamina per uso clinico senza dati conclusivi sul fatto che funzionasse per il covid.

Più di recente, ha adottato posizioni estremiste sui vaccini contro il covid, che sostiene essere "tossici". Ha affermato che una persona su 1.000 che ha ricevuto vaccini mRNA è morta per le conseguenza e ha sostenuto, come riportato dal “Daily Beast”, che i vaccini "uccidono più persone di quante ne salvano" in un forum pubblico della FDA. 

Man mano che Kirsch si è spinto oltre nelle sue posizioni antivaccino, molti collaboratori professionali si sono sempre più allontanati da lui. A maggio, tutti i 12 membri del comitato consultivo scientifico del CETF si sono dimessi, citando le sue allarmanti affermazioni e il comportamento anomalo.

Durante l'estate, il conflitto ha coinvolto la sua più recente startup, M10. Il consiglio di amministrazione gli ha detto che se voleva continuare a far parte dell’azienda avrebbe dovuto smettere di fare dichiarazioni pubbliche contro i vaccini. A settembre si è dimesso da amministratore delegato e ha rinunciato al suo posto nel consiglio di amministrazione.

Ma come ha fatto un uomo una volta intento a promuovere la scienza a diventare una fonte di disinformazione che mina la stessa ricerca che ha finanziato?

Inizi di buon auspicio

Kirsch ha fatto molte cose nel modo giusto quando ha fondato il CETF. Per esaminare le proposte, ha reclutato un comitato consultivo di eminenti biologi, sviluppatori di farmaci e ricercatori clinici, guidato dal ricercatore di fama mondiale Robert Siliciano della Johns Hopkins (sempre secondo il “Daily Beast”, il fondo prende in prestito il suo status di non-profit dal 501 (c) (3) Rockefeller Philanthropy Advisors, che ha gestito i finanziamenti fino alla sua dimissione; nessuna delle due organizzazioni è correlata alla Rockefeller Foundation, che supporta gli articoli di “Technology Review” sul covid).

"Ho accettato di fare parte del gruppo per la stima che ho nei confronti di Bob Siliciano e anche perchè pensavo che il progetto fosse eccellente", ha detto l'ex membro del consiglio Doug Richman, un importante ricercatore di farmaci per l'HIV dell'Università della California a San Diego ed ex membro del comitato consultivo scientifico del fondo. "Penso che abbiamo portato avanti revisioni rigorose delle proposte di ricerca".

Una delle prime mosse del CETF è stata quella di indagare sull'idrossiclorochina antimalarica. David Boulware, ricercatore dell'Università del Minnesota, ha ricevuto 125.000 dollari per testare il farmaco contro il covid. I risultati, alla fine, avrebbero messo Kirsch in rotta di collisione con l'establishment scientifico.  "Steve Kirsch è stato estremamente utile nella fase iniziale della pandemia, finanziando studi per il trattamento precoce della malattia quando il governo degli Stati Uniti non lo avrebbe mai fatto", mi ha detto Boulware in una e-mail.

Il farmaco è stato ampiamente prescritto come trattamento per il covid per gran parte del 2020, sulla base di aneddoti e studi errati. Lo studio di Boulware faceva parte di un movimento più ampio per aumentare la affidabilità base delle terapie standard per il covid e uno dei numerosi studi che non hanno riscontrato alcun beneficio nell'uso dell'idrossiclorochina. Ma la confusione ha fornito un terreno fertile per gli scettici. In effetti, alcune delle persone più importanti che oggi diffondono disinformazione sull'ivermectina e sui vaccini hanno iniziato promuovendo l'idrossiclorochina, magari affermando di ”sfatare" l’analisi dei dati di Boulware.

Kirsch, nonostante avesse accesso diretto ai dati, alla fine si è convinto che l'idrossiclorochina funzionava. Boulware lo ha contestato e ha affermato che sebbene il finanziamento di Kirsch giocasse un ruolo importante, le sue dichiarazioni su farmaci e vaccini hanno creato problemi. "Non sono d'accordo con la sua interpretazione dei dati relativi a diversi farmaci e sono fortemente in disaccordo con le sue 'sparate' anti-vaccino", mi ha scritto Boulware, che è stato recentemente oggetto di un articolo apparso su Mother Jones relativo alle molestie che ha ricevuto per la sua ricerca su idrossiclorochina e ivermectina.

Alcuni mesi fa, Kirsch ha improvvisamente smesso di promuovere l'idrossiclorochina, cancellandola persino dall'elenco ufficiale delle sperimentazioni del CETF che aveva finanziato. Ha scritto sul suo sito web personale che gli era stato detto che l’associazione del suo nome al farmaco avrebbe distrutto la sua credibilità.

Un candidato più promettente

Un altro progetto del CETF, tuttavia, ha prodotto risultati molto più entusiasmanti. I ricercatori della Washington University di St. Louis hanno contattato Kirsch alla ricerca di 67.000 dollari per completare uno studio molto piccolo, ma controllato con placebo. Stavano somministrando ai pazienti covid l'antidepressivo fluvoxamina il prima possibile dopo la diagnosi, sulla base di aneddoti sul farmaco che limita la risposta immunitaria incontrollata che causa molti sintomi gravi. A ottobre, il gruppo ha riferito che, mentre alcuni pazienti del gruppo placebo sono finiti in ospedale, nessuno dei pazienti trattati con fluvoxamina si è ammalato al punto da essere ricoverato.

A novembre, il CETF ha concesso al gruppo altri 500.000 dollari per uno studio clinico di fase 3 che avrebbe potuto mostrare prove conclusive di efficacia. Quel processo è stato ora completato e i ricercatori stanno analizzando i loro dati. Anche diverse altre sperimentazioni in tutto il mondo sono nelle fasi finali. Ma l'intero processo è stato troppo lento per Kirsch. Immediatamente dopo che i risultati del primo studio sulla fluvoxamina sono stati pubblicati, ma prima che fossero pubblicati in una rivista peer-reviewed, ha scritto un post su Medium.com intitolato La soluzione rapida, facile, sicura, semplice e a basso costo per il covid che funziona il 100 per cento delle volte e di cui nessuno vuole parlare

Medium ha bandito il post perché disinformava. “Medium ha revocato il mio account a vita. Il mio crimine? Dire la verità", ha twittato Kirsch. Da allora, ha continuato a promuovere la fluvoxamina, insieme all'ivermectina e all'idrossiclorochina. Quando gli ho chiesto perché così tanti esperti del settore non erano d'accordo con lui, ha affermato che ci sono state una serie di iniziative, dolosi o negligenti, per sopprimere le prove di terapie anticovid economiche ed efficaci.

La NIH non vuole nessuna di queste terapie. Ecco perché non hanno nemmeno finanziato le sperimentazioni sulla fluvoxamina", mi ha detto. Invece, il governo preferisce dare soldi e promuovere nuovi farmaci e vaccini proprietari, spiega. Raggiunti via e-mail, i due ricercatori impegnati nello studio della fluvoxamina hanno negato che ci fosse alcuno tentativo di sopprimere la loro ricerca ed erano cautamente ottimisti sul proseguimento dello studio. Uno di loro, Eric Lenze, ha tenuto una presentazione sulla fluvoxamina al National Institutes of Health il giorno successivo. Entrambi si sono dichiarati favorevoli alla vaccinazione immediata.

"Sebbene ci siano prove che la fluvoxamina possa prevenire il peggioramento clinico e la necessità di ricoveri in pazienti ambulatoriali con covid-19 precoce, non ho riscontrato alcuna buona prova che la fluvoxamina sia utile come sostituto dei vaccini", mi ha scritto l’altra ricercatrice Angela Reiersen. 

Le pressioni hanno superato un limite accettabile

Kirsch è un imprenditore seriale che ha passato decenni a lanciare la prossima grande novità, che si tratti di mouse ottici (Mouse Systems), elaborazione di documenti (FrameMaker), motori di ricerca (Infoseek), sicurezza digitale (OneID) o e-commerce (Propel Software). La sua ultima startup, M10, è uno spinoff aziendale che lavora nel settore bancario. 

Con l'arrivo dei risultati dello studio, la discrepanza ha iniziato a mettere a dura prova il rapporto di Kirsch con il comitato consultivo del fondo. Diversi ex membri mi hanno detto che ha iniziato a fare pressioni incessantemente su di loro per promuovere il farmaco, con conversazioni estenuanti e tortuose. "Steve voleva dire che medici ed esperti di malattie infettive che lavoravano per lui gli suggerivano di dare una possibilità alla fluvoxamina", mi ha raccontato Judith Feinberg, una degli ex membri del comitato consultivo del CETF e vicepresidente della ricerca alla West Virginia University School of Medicine. Feinberg conosce bene le pandemie in quanto è stata uno dei primi medici a specializzarsi in HIV/AIDS e ha fatto parte del comitato consultivo della FDA che ha approvato il primo farmaco antiretrovirale. 

Per gli scienziati, dare una possibilità alla fluvoxamina significa condurre un ampio studio, non darlo a singoli pazienti in clinica, off-label e al di fuori del contesto della raccolta e dell'analisi dei dati attivi. I membri del consiglio con cui ho parlato hanno detto che si sono rifiutati di promuovere pubblicamente qualsiasi farmaco per uso non autorizzato e hanno cercato di spiegare a Kirsch che è incredibilmente comune che i risultati entusiasmanti di piccoli studi siano meno significativi all’interno di studi più grandi. 

Peter Meinke, un altro ex membro del consiglio, ha trascorso quasi tre decenni a scoprire farmaci alla Merck.“È davvero molto comune che un piccolo effetto, qualcosa che sembra eccitante, sia un caso statistico quando si guarda a una popolazione più ampia. È triste, ma è vero», mi ha detto. Oltre ai problemi con la fluvoxamina, i consulenti si sono trovati sempre più a disagio con i post di Kirsch sull'ivermectina, nei quali ha ripetutamente affermato che il farmaco può essere somministrato insieme alla fluvoxamina per prevenire il 100 per cento dei decessi per covid-19. 

La situazione ha preso una svolta definitiva e drammatica quando Kirsch ha iniziato a sostenere che il governo stava coprendo le morti per vaccino. Alla fine di maggio di quest'anno, Siliciano ha inviato un'e-mail agli altri consiglieri per dire che Kirsch era andato fuori di testa e stava tagliando i ponti con tutti. Il resto del consiglio lo ha ben presto seguito su questa strada.

Una discussione estenuante

Parlare con Kirsch è un'esperienza logorante. È spesso invadente e lancia temibili avvertimenti sui vaccini con velate diffamazioni nei confronti di Anthony Fauci e vaghi riferimenti a persone influenti che sono d'accordo con lui in privato, ma non possono parlare pubblicamente. In tre conversazioni telefoniche, oltre a dozzine di e-mail, le sue risposte alle domande sulle affermazioni in questa storia sono risultate imprecise o in continua evoluzione. 

Mi ha detto che lui e la sua famiglia si sarebbero vaccinati non appena fosse arrivato il loro turno, ma di aver capito che i vaccini sono pericolosi da un uomo che aveva assunto per pulire i suoi tappeti, che si è ammalato gravemente dopo la somministrazione del vaccino. Altrove ha affermato di aver iniziato a mettere in discussione la sicurezza del vaccino dopo che un anonimo seguace di Twitter gli ha detto che diversi membri della famiglia erano morti dopo aver ricevuto le dosi. Di recente, ha aumentato il numero di americani che sostiene siano stati uccisi dal vaccino da 25.0000 a 150.000, o addirittura "fino a 250.000".

Jeffrey Morris, direttore di biostatistica presso la Perelman School of Medicine dell'Università della Pennsylvania, ha fatto del ridimensionamento delle affermazioni di Kirsch una specie di hobby. Sul suo blog, Covid-19 Data Science, ha ampiamente messo a nudo la fallacia delle "prove" di Kirsch relative alle morti per vaccino. 

In un recente post, discutendo le affermazioni fatte da Kirsch durante un commento di tre minuti in un forum pubblico della FDA, Morris ha scritto :"Nonostante molte pagine di scritti e affermazioni di oltre una dozzina di 'analisi indipendenti' che verificano i risultati, le loro prove sono ben lungi dal corroborare le conclusioni a cui arrivano, inclusa l'affermazione che i vaccini hanno causato più di 250.000 morti negli Stati Uniti".

Da una parte Morris ritiene che tutte le affermazioni sulla sicurezza dei vaccini dovrebbero essere adeguatamente controllate in quanto è possibile che ci sia un qualche raro effetto collaterale dei vaccini che non si è ancora capito, ma dall’altra dice di aver visto regolarmente Kirsch manipolare le prove in modo che sembrino supportare affermazioni che sono, in realtà, prive di fondamento. A settembre, Kirsch ha inviato un'e-mail a Morris chiedendogli di stimare il numero massimo di decessi causati dai vaccini. "Chi lo sa", ha risposto Morris. “Ma né 150.000 mila, nè zero».

Kirsch ha immediatamente inoltrato lo scambio a me e, credo, ad altri giornalisti. "BOMBSHELL: il miglior professore americano di biostatistica ammette che non abbiamo indizi sul numero di persone uccise dai vaccini per il covid", ha scritto. Chi conosce Kirsch dice che questa è una tattica tipica. "Non sarà un grande scienziato, ma è intelligente", afferma Feinberg della WVU. “È molto convincente. Potrebbe essere un buon venditore di olio di serpente".

L'ho sperimentato io stesso quando, in una telefonata, abbiamo discusso diversi studi. Kirsch mi ha detto che "le meta-analisi raggiungono un livello di evidenza più elevato rispetto agli studi randomizzati controllati". Quando ho risposto che le meta-analisi sono valide solo quanto i dati su cui si basano, ha obiettato: "Vorrei capire la tua fonte a questo proposito, perché non riesco a trovarne una che dica che uno studio di fase 3 è una prova superiore a una meta-analisi”. 

Mentre la combinazione dei risultati di diversi studi ben progettati può rafforzare un'argomentazione o portare alla luce modelli invisibili in campioni più piccoli, una meta-analisi è solo la somma delle sue parti; ogni singolo esperimento ben fatto è più utile che combinare i risultati di molti altri mal fatti. Tuttavia, in quel momento, la sua domanda mi ha preso di sorpresa e ho balbettato. 

Forse la tattica più efficace di Kirsch, però, è semplicemente la sua volontà di avere la meglio sugli altri. Durante la nostra prima conversazione, che si è trasformata in una sessione Zoom di più ore, Kirsch ha camminato per le stanze della sua casa cavernosa con il telefono tenuto all'altezza del petto, guardando raramente la telecamera. Trenta minuti dopo la fine del nostro orario programmato, ha continuato a parlare mentre faceva una commissione. "Steve Kirsch non si accoda alla maggioranza sull'interpretazione dei dati", mi ha detto quando gli ho chiesto delle sue opinioni sull'ivermectina, che a suo parere è una pallottola d'argento contro il covid. 

Una rete di influenze

Niente di tutto questo avrebbe davvero importanza se le opinioni di Kirsch sulle vaccinazioni fossero private o condivise con un pubblico limitato. Ma non è così. La sua apparizione in un episodio del podcast DarkHorse di Bret Weinstein, esperto di vaccini e pro ivermectina, insieme a Robert Malone, una fonte importante di disinformazione sui vaccini, ha presentato Kirsch ai seguaci del "dark web intellettuale", che da allora lo hanno abbracciato come un vate. Ha anche realizzato diversi video e podcast con Vladimir Zelenko, il medico teorico della cospirazione che ha convinto Trump a prendere l'idrossiclorochina.  

Anche se YouTube ha ripetutamente rimosso il video completo dell'episodio di DarkHorse, varie clip sono state guardate oltre 4 milioni di volte e l'audio completo rimane disponibile su Spotify. A giugno, dopo le dimissioni del comitato consultivo del CETF, Kirsch ha realizzato un video in diretta su Facebook con Zelenko e Dr. Drew, una celebrità dei media americani. In esso, ha affermato che i vaccini mRNA uccidono uno su 5.000 riceventi e aumentano drasticamente il tasso di aborti spontanei. 

Non ci sono assolutamente prove che una di queste affermazioni sia vera, come Morris ha accuratamente documentato. Kirsch, tuttavia, si affida spesso agli aspetti emotivi per appianare la mancanza di dati. Parlando al talk radiofonico di Dr. Drew, ha raccontato una storia su "una figlia di un amico" che ha dovuto abortire a causa dei danni causati dal vaccino. “Il cervello del bambino era diviso a metà ed era solo coperto di sangue. Non si riusciva nemmeno a vedere il corpo del bambino attraverso tutto il sangue", ha detto Kirsch. "Hanno immediatamente escluso il vaccino, perché il vaccino, come dicono loro, è 'sicuro'". 

Poco dopo la sua apparizione sul podcast DarkHorse, diversi partner della sua più recente startup, M10, hanno espresso preoccupazione per il crescente estremismo delle opinioni sui vaccini di Kirsch. “Abbiamo chiesto a Steve di abbassare i toni. Non era compatibile con la sua posizione di CEO continuare a prendere una posizione così radicale sui vaccini", mi ha detto Richard Char, consigliere generale di M10. La risposta di Kirsch è stata quella di togliere il suo nome dagli articoli che aveva scritto sulle morti per vaccino, cambiando la paternità in "VaccineTruth".

Il 1 luglio, ha twittato dal suo account personale: "Le mie preoccupazioni pubblicamente condivise sulla sicurezza dei vaccini per il covid-19 potrebbero aver avuto un impatto negativo sulla mia azienda, M10. Per proteggerla dalle mie opinioni sulla vaccinazione, non pubblicherò più a mio nome le mie preoccupazioni su questo argomento”.

Ha quindi aperto un nuovo account pseudonimo, @VaccineTruth2, per continuare a trasmettere messaggi. Ma anche questo non è durato a lungo. All'inizio di settembre non era più l'amministratore delegato dell'azienda, sostituito dal suo co-fondatore, Marten Nelson. Ha immediatamente twittato un'offerta per offrire 1 milione di dollari a chiunque avesse avuto la meglio con lui in un dibattito sulle morti per vaccino. "Si sentiva come se in coscienza avesse dovuto parlare del covid, e così ha preso la decisione di separarsi da M10", dice Char, che conosce Kirsch dagli anni 1980.

Salvare il mondo è stato per anni un tema della vita di Kirsch. "Ci sono due modi in cui ho scoperto che potrei essere in grado di salvare il mondo", ha detto a un giornalista dell’IEEE Spectrum nel 2000. "Uno è ridurre la minaccia di una guerra nucleare. Un altro è identificare un asteroide che potrebbe colpire il pianeta”. 

Il suo impegno si è concentrato maggiormente sulla ricerca medica quando, nel 2007, gli è stato diagnosticato un raro cancro del sangue. La sua fondazione ha spostato l'attenzione su un obiettivo, la cura per Steve Kirsch, offrendo sostegno a uno dei pochi scienziati che si occupa della malattia. Dopo diversi tentativi falliti di fermare la progressione del cancro, ha progettato il suo protocollo per la chemioterapia e ha trovato un oncologo per portarlo avanti. Ora è sopravvissuto alla sua prognosi iniziale di diversi anni.  

“E' davvero una brava persona. Voglio dire, ha davvero un cuore d'oro", mi ha detto Char. “Sta spendendo i suoi soldi per fare ciò che pensa sia giusto. Vuole garantire la sicurezza delle persone e far progredire l'assistenza sanitaria". Ma Kirsch è anche motivato da una volontà competitiva insoddisfatta. In quella stessa storia di IEEE Spectrum sulla sua allora nuova startup, Propel Software, ha detto che si sentiva un imprenditore di successo, ma non famoso.

"Mouse Systems non è una parola familiare", ha detto al giornalista. “Non abbiamo creato una tecnologia per il mouse migliore di quella di Microsoft. Infoseek ha perso contro Yahoo; aveva la possibilità di diventare più grande, ma non c’è riuscita. E FrameMaker è ancora un prodotto di nicchia. Sì, sono stati dei successi, ma non quanto avremmo potuto averne se avessimo prestato davvero attenzione al marketing. Non rifarò lo stesso errore".

Eroi di carta

Non è insolito diffidare dello sviluppo della scienza, o sbagliato essere scettici nei confronti delle aziende farmaceutiche. Queste enormi aziende spesso danno la priorità ai profitti rispetto alla salute umana: nel 2009, Pfizer ha pagato un risarcimento di 2,3 miliardi di dollari per tangenti e marketing fraudolento, inclusa una multa di 1,3 miliardi di dollari. 

Nel 2013, Johnson & Johnson ha pagato 2,2 miliardi di dollari per uno scandalo per tangenti e frodi, inclusa una multa specifica di 400 milioni di dollari per la sua controllata Janssen, che produce il vaccino contro il covid. Il governo degli Stati Uniti ha accusato Janssen di promuovere in modo improprio il farmaco antipsicotico Risperdal a pazienti affetti da demenza, nonostante il farmaco abbia aumentato i decessi negli anziani. L'uomo che gestiva le vendite di Risperdal, Alex Gorsky, è ora CEO di Johnson & Johnson. 

Come giornalista che si occupa di sanità, ho una conoscenza approfondita dei vaccini mRNA. Grazie ai volumi di dati e informazioni forniti dalle aziende farmaceutiche e dalle autorità di regolamentazione, nonché a un gran numero di studi da gruppi di ricerca finanziati in modo indipendente in tutto il mondo, ora confido che siano sicuri per la stragrande maggioranza degli adulti.  Penso anche che abbia molto senso cercare farmaci preesistenti che possano aiutare a curare i sintomi del covid. 

Nei prossimi anni, milioni di persone non vaccinate si ammaleranno di covid; è fondamentale cercare di mitigare la loro sofferenza, così come diminuire la pressione sul sistema sanitario. Ma il modo migliore per aiutare le persone è attraverso prove rigorose che mostrano quali farmaci le aiutano e con quali dosi e tempi, non basando interi protocolli su prove incredibilmente limitate.

Sfortunatamente, come sottolinea Jeffrey Morris di UPenn, i funzionari e gli scienziati della sanità pubblica hanno fatto molto per minare la propria autorità, come affermare che le mascherine non funzionano, minimizzare l'immunità naturale trasmessa dalle precedenti infezioni da covid e non fare abbastanza comunicazione pubblica sui sistemi di sicurezza del vaccino. 

Queste incertezze hanno permesso a Kirsch, e a persone come lui, di diventare così influenti. È un ciclo che alimenta la sfiducia e potenzia i profili degli influencer che si presentano in opposizione alle autorità ufficiali. “Il danno collaterale è che, ora, molte persone non si fidano dei leader scientifici o della comunità scientifica. Stanno trovando leader alternativi da seguire”, ha concluso Morris. 

(rp)