• Alcuni operai della KPN stanno ultimando la realizzazione di una rete wireless per l’Internet delle Cose.
Cresce in Europa la rete per l’Internet delle Cose
Finora, i dispositivi connessi monitorano i container navali, gli idranti e le mucche nei pascoli. Cos’altro sta per arrivare?
di Russ Juskalian 01-08-16
Con grande stupore da parte dell’intera industria, la società di telecomunicazioni olandese KPN ha annunciato il mese scorso che aveva ultimato la copertura nazionale dei Paesi Bassi con una rete wireless per l’Internet delle Cose. Come per una tradizionale rete cellulare, ma con costi e requisiti energetici ben inferiori, la rete della KPN è in grado di connettere sensori che monitorano tutto, dagli scambi ferroviari presso la stazione centrale di Utrech ai sensori di profondità nel porto di Rotterdam o i nastri trasportatori nell’aeroporto di Schiphol.