• Alexander Pohl / SIPA USA via AP Images

Cosa significa la nuova ondata di covid in Europa

Nuove restrizioni stanno entrando in vigore in buona parte del continente europeo mentre i casi di covid aumentano di nuovo. Ma la situazione è determinata da una serie di motivi.

di Bobbie Johnson 16-11-21
I casi di coronavirus in Germania hanno raggiunto i livelli più alti dai primi giorni della pandemia, con avvisi che il covid si sta "diffondendo drammaticamente" e richiede una "risposta rapida e unificata". Allo stesso tempo, i Paesi Bassi stanno imponendo restrizioni parziali per controllare i casi in aumento, tra cui un coprifuoco alle 20:00 su negozi e ristoranti e stadi vuoti per gli sport professionistici. L'Austria, nel frattempo, ha appena predisposto un nuovo e rigoroso lockdown, ma solo per le persone non vaccinate.

È un quadro simile in gran parte dell'Europa, che secondo “Reuters” è ora responsabile di oltre la metà di tutti i casi di covid in tutto il mondo, la percentuale più alta dall'aprile del 2020. In Croazia, che ha 4 milioni di residenti, i casi e i decessi sono ora superiori a quelli dell'ondata primaverile. La media di 55 decessi giornalieri questa volta supera i livelli di un anno fa, esattamente sulla stessa linea di quanto si sta osservando in gran parte del continente. Allora cosa sta succedendo? (Si veda link)

"I due fattori principali sono la stagione fredda e la bassa copertura vaccinale", afferma Marcel Salathé, professore associato ed epidemiologo digitale dell'EPFL in Svizzera. "Solo uno di loro è inevitabile". Gli esperti indicano i diversi fattori che alimentano questo aumento dei casi. Uno è il virus stesso e la continua diffusione della variante delta più infettiva e a più rapida diffusione di SARS-CoV-2. È apparsa per la prima volta in India alla fine del 2020, il che significa che per molti paesi questo è il primo inverno in cui sarà il ceppo dominante.

Allo stesso tempo, molte strategie di mitigazione sono state allentate e molte persone hanno abbondonato le regole del distanziamento sociale e dall'uso della mascherina per tornare a qualcosa che assomiglia un po' più alla vita pre-pandemia. L'Austria aveva recentemente vietato alle persone non vaccinate di entrare in ristoranti, caffè e impianti di risalita, ma il suo nuovo lockdown è molto più severo.

In un briefing alla Royal Society of Medicine la scorsa settimana, l'epidemiologo britannico Tim Spector ha affermato che ci stiamo rendendo conto che "i vaccini da soli, anche nei paesi che hanno tassi di vaccinazione più alti dei nostri, non sono il tipo di soluzione definitiva a questa emergenza".

"Abbiamo bisogno di una combinazione di misure", ha affermato Spector, che è il responsabile dello studio ZOE Covid al King's College di Londra. "Quanto in alto vogliamo che siano questi tassi è determinato dal rispetto ad alcune delle regole che avevamo in vigore che l'anno scorso, che probabilmente qualche mese fa erano esagerate, ma ora sono insufficienti". Nonostante ciò, i tassi di vaccinazione sono il fattore più importante che spiega i dati differenti tra paesi come la Croazia e l'Italia.

Molti paesi dell'Europa orientale hanno tassi di vaccinazione inferiori rispetto ad alcuni dei loro vicini: la Croazia ha il 46 per cento della popolazione completamente vaccinata, per esempio, mentre la Slovacchia è al 43 per cento (la media europea è di circa il 56 per cento). Le persone non vaccinate stanno guidando l'aumento del numero di casi, ha affermato il cancelliere austriaco Alexander Schallenberg quando ha annunciato il nuovo lockdown del suo paese: “L’incremento di infezione giornaliera per i non vaccinati è di oltre 1.700, mentre per i vaccinati è a 383”.
 
Laddove i tassi di vaccinazione sono più alti, il risultato è una malattia meno grave, anche se il livello di trasmissione è elevato. Nel Regno Unito, per esempio, l'80 per cento delle persone con più di 12 anni ha ricevuto due dosi di vaccino contro il covid (si veda link). "I paesi che stanno andando meglio sono quelli con un'elevata copertura vaccinale e misure efficaci", afferma Salathé. “I paesi peggiori sono quelli che non hanno né l'uno né l'altro. La maggior parte sta nel mezzo".

Ma anche quando i tassi di vaccinazione sono alti e la pressione dei casi è relativamente bassa, potrebbe non essere sufficiente per una protezione a lungo termine, soprattutto data la diminuzione dell'efficacia dei vaccini nel tempo. "Il Regno Unito ha lanciato un programma di vaccinazione prima della maggior parte dei paesi e quindi ha sperimentato l'impatto della diminuzione dell'immunità prima", afferma Michael Head, ricercatore di salute globale dell'Università di Southampton. "I booster qui nel Regno Unito stanno chiaramente avendo un impatto sui ricoveri ospedalieri e sui nuovi casi nelle popolazioni più anziane".

Ciò significa che continuare a vaccinare le persone e aumentare la risposta immunitaria delle persone che sono state vaccinate all'inizio del ciclo rimane di vitale importanza. "Con la diffusione incontrollata del contagio, vediamo anche l'emergere di nuove varianti preoccupanti che potrebbero minacciare l'efficacia dei nostri vaccini", afferma. “In definitiva, non ci si potrà rilassare completamente finché la stragrande maggioranza del mondo non sarà vaccinata. La combinazione di esitazione vaccinale e mancanza di accesso ai vaccini è un problema di tutti”.

(rp)