• Getty

Con il covid la Cina ha inasprito lo stato di sorveglianza

Le telecamere termosensibili e i sistemi di riconoscimento facciale possono aiutare a combattere il covid-19, ma contribuiscono al sofisticato sistema oppressivo che viene esercitata sugli uiguri.

di Darren Byler 12-10-21
A metà del 2019, un appaltatore della polizia nella città cinese di Kuitun ha dato un colpetto sulla spalla a una giovane studentessa universitaria dell'Università di Washington mentre attraversava un affollato incrocio di un mercato. La studentessa, Vera Zhou, all'inizio non si è accorta del tocco perché stava ascoltando la musica attraverso gli auricolari. Quando si è voltata e ha visto l'uniforme nera, si è sentita gelare il sangue. Parlando in cinese, la lingua madre di Vera, l'ufficiale di polizia le ha fatto cenno di entrare in una vicina stazione di polizia convenience, una degli oltre 7.700 centri di sorveglianza che ora punteggiano la regione.  
     
Su un monitor nell'edificio grigio squadrato, ha potuto vedere il suo viso circondato da un quadrato giallo. Su altri schermi si notavano pedoni che camminavano per il mercato, i loro volti circondati da quadrati verdi. Accanto al video ad alta definizione del suo viso, i suoi dati personali apparivano in una casella di testo nera. Vi era scritto che Hui apparteneva a un gruppo musulmano cinese a cui appartiene circa 1 milione della popolazione di 15 milioni di musulmani nella Cina nordoccidentale. 

L'allarme era scattato perché aveva oltrepassato i parametri della griglia di polizia del suo confinamento di quartiere. In quanto ex detenuta in un campo di rieducazione, non aveva ufficialmente il permesso di recarsi in altre zone della città senza il via libera sia della sua unità di sorveglianza del quartiere che dell'Ufficio di pubblica sicurezza. Il quadrato giallo intorno al suo viso sullo schermo indicava che era stata ancora una volta considerata una "pre-criminale" dal sistema di controllo digitale. Vera ricorda che in quel momento le sembrava di respirare a malapena.

Kuitun è una piccola città di circa 285.000 abitanti nella prefettura di Tacheng nello Xinjiang, lungo il confine cinese con il Kazakistan. Vera era rimasta intrappolata lì dal 2017 quando, a metà del suo primo anno come studentessa di geografia all'Università di Washington (dove ero insegnante), aveva fatto un viaggio di ritorno a casa per vederla. Dopo una serata al cinema con il suo fidanzato nella capitale regionale Ürümchi, il ragazzo aveva ricevuto una telefonata che gli chiedeva di recarsi in una stazione di polizia locale. 

Lì, gli agenti gli avevano detto di avere bisogno di interrogare la sua ragazza in quanto avevano scoperto alcune attività sospette nell'utilizzo di Internet di Vera. Aveva usato una rete privata virtuale, o VPN, per accedere a "siti web illegali", come il suo account Gmail dell'università. Questo, le dissero in seguito, era un "segno di estremismo religioso".   

Ci è voluto un po' di tempo prima che Vera si rendesse conto di ciò che stava accadendo. Forse dal momento che il suo ragazzo era un non musulmano del gruppo maggioritario Han e non volevano che facesse una scenata, all'inizio la polizia non aveva fatto cenno a cosa sarebbe successo dopo. Le hanno solo detto che doveva aspettare in stazione. Quando ha chiesto se fosse in arresto, si sono rifiutati di rispondere. 

"Siediti e basta", le hanno detto. A quel punto era piuttosto spaventata, quindi ha chiamato suo padre nella sua città natale e gli ha raccontato cosa stava succedendo. Alla fine, un furgone della polizia si è fermato alla stazione: è stata messa sul retro, e una volta che il suo ragazzo era ormai lontano, la polizia le ha incatenato le mani dietro la schiena e l'ha spinta brutalmente sul sedile posteriore.  
   
Pre-criminali

Vera Zhou non pensava che la guerra al terrore avesse qualcosa a che fare con lei. Si considerava una appassionata di moda che amava orecchini grossi e vestirsi di nero. Aveva frequentato il liceo vicino a Portland, nell'Oregon, e stava per diventare urbanista in una prestigiosa università americana. Aveva programmato di riunirsi con il suo ragazzo dopo la laurea e di intraprendere una carriera in Cina, dove pensava che l'economia fosse in forte espansione. 

Non aveva idea che una nuova legge sulla sicurezza di Internet fosse stata implementata nella sua città natale e in tutto lo Xinjiang all'inizio del 2017 e che questo fosse il modo in cui i "pre-criminali" estremisti, come li chiamavano le autorità statali, venivano identificati per la detenzione. Ora, nel retro del furgone, si sentiva soffocare da un'ondata di paura. Con le lacrime che le rigavano il viso, ha cominciato a urlare: "Perché lo state facendo? Il nostro paese non protegge gli innocenti?" Le sembrava che fosse uno scherzo crudele, come se le fosse stato assegnato un ruolo in un film dell'orrore, e che se avesse detto le cose giuste avrebbero potuto uscirne fuori e rendersi conto che era tutto un equivoco.

Nei mesi successivi, Vera è stata trattenuta con altre 11 donne della minoranza musulmana in una cella al secondo piano di un'ex stazione di polizia alla periferia di Kuitun. Come Vera, anche altri nella stanza erano colpevoli di "pre-crimini" informatici. Una donna kazaka aveva installato WhatsApp sul suo telefono per contattare i partner commerciali in Kazakistan. Una donna uigura che vendeva smartphone in un bazar aveva permesso a più clienti di registrare le proprie carte SIM usando la sua carta d'identità.

Intorno all'aprile del 2018, senza preavviso, Vera e molti altri detenuti sono stati rilasciati con la condizione di riferire regolarmente agli operatori locali per la stabilità sociale e di non cercare di lasciare i loro quartieri di origine. Ogni lunedì, il suo addetto alla libertà vigilata richiedeva che Vera andasse a una cerimonia dell'alzabandiera del quartiere e partecipasse cantando ad alta voce l'inno nazionale cinese e rilasciando dichiarazioni in cui prometteva la sua lealtà al governo cinese. 

Sapendo che il suo comportamento online poteva essere rilevato dai sistemi di sorveglianza Internet automatizzati di nuova installazione, Vera ha ricalibrato il suo modo d’agire online. Ogni volta che l'assistente sociale a lei assegnato condivideva qualcosa sui social media, Vera era sempre la prima persona a sostenerla mettendo "mi piace" e postando sul proprio account. Come tutti gli altri che conosceva, ha iniziato a "diffondere energia positiva" promuovendo attivamente l'ideologia di stato.

Dopo essere tornata nel suo quartiere, Vera ha sentito di essere cambiata. Pensava spesso alle centinaia di detenuti che aveva visto nel campo. Temeva che a molti di loro non sarebbe mai stato permesso di uscire poiché non conoscevano il cinese e avevano frequentato solo musulmani per tutta la vita. Ha detto che il suo tempo nel campo le ha anche fatto dubitare della sua sanità mentale. "A volte ho pensato che forse non amo abbastanza il mio paese e sono solo un’egoista", mi ha detto.

Ma sapeva anche che quello che le era successo non era colpa sua. Era il risultato dell'istituzionalizzazione dell'islamofobia. E sapeva con assoluta certezza che un'incommensurabile crudeltà veniva fatta agli uiguri e ai kazaki a causa delle loro differenze etno-razziali, linguistiche e religiose.

Una vita da reclusa volontaria

Come tutti i detenuti, Vera era stata sottoposta a una rigorosa raccolta di dati biometrici che rientrava nel processo di valutazione a livello di popolazione chiamato "phisycal for all”, prima di essere portata nei campi. La polizia aveva scansionato il viso e le iridi di Vera, registrato la sua firma vocale e raccolto il suo sangue, le impronte digitali e il DNA, aggiungendo questi dati precisi ad alta fedeltà a un immenso set di dati che veniva utilizzato per mappare il comportamento della popolazione della regione. 

Le avevano anche portato via il telefonino per farlo scansionare e i suoi account sui social media alla ricerca di immagini islamiche, connessioni con stranieri e altri segni di "estremismo". Alla fine lo hanno restituito, ma senza nessuna delle app prodotte negli Stati Uniti come Instagram. 

Vera ha cercato il modo di aggirare i numerosi centri di sorveglianza che erano stati costruiti ogni diverse centinaia di metri. Al di fuori delle aree ad alto traffico, molti di loro utilizzavano normali telecamere di sorveglianza ad alta definizione che non erano in grado di rilevare i volti in tempo reale. Dal momento che poteva passare per Han e parlava il mandarino standard, avrebbe semplicemente detto agli addetti alla sicurezza ai posti di blocco che aveva dimenticato la sua carta d'identità e avrebbe dichiarato un numero falso. A volte passava attraverso l'uscita del checkpoint, "la corsia verde", proprio come un cittadino Han, e ignorava la polizia. 

Una volta, però, andando a vedere un film con un'amica, si è dimenticata di fingere di essere Han. A un posto di blocco al teatro ha messo la sua carta d'identità sullo scanner e ha guardato nella telecamera. Immediatamente è suonato l'allarme e gli appaltatori della polizia del centro commerciale l'hanno tirata da parte. Mentre la sua amica scompariva tra la folla, Vera ha cercato freneticamente il telefono per cancellare il suo account sui social media ed eliminare i contatti delle persone che potevano essere arrestate a causa del loro rapporto con lei. “Ho capito allora che non era davvero sicuro avere amici. Ho iniziato a stare a casa tutto il tempo". 

Alla fine, come molti ex detenuti, Vera si è ritrovata costretta a lavorare come manovale non pagata. Il comandante della polizia di stato locale nel suo quartiere ha appreso che aveva trascorso del tempo negli Stati Uniti come studentessa universitaria, quindi ha chiesto a Vera di fare da tutor ai suoi figli in inglese. "Ho pensato di chiedergli di pagarmi", ricorda Vera. “Ma mio padre ha detto che era meglio farlo gratis. Gli ha anche mandato del cibo per compiacerlo”. Il comandante non ha mai proposto alcuna forma di pagamento.

Nell'ottobre del 2019, l'ufficiale di sorveglianza di Vera le ha detto che era contento dei progressi e che le sarebbe stato permesso di continuare la sua istruzione a Seattle. È stata costretta a giurare che non avrebbe parlato di ciò che aveva vissuto. L'ufficiale le ha detto: “Tuo padre ha un buon lavoro e presto raggiungerà l'età della pensione. Ricorda questo".

Il ritorno a Seattle

Solo pochi mesi dopo, dall'altra parte della città, Amazon, l'azienda tecnologica più ricca del mondo, ha ricevuto una spedizione di 1.500 sistemi di termocamere a mappatura termica dalla azienda di sorveglianza cinese Dahua. Molti di questi sistemi, che complessivamente valevano circa 10 milioni di dollari, dovevano essere installati nei magazzini di Amazon per monitorare i dipendenti e avvisare i manager se i lavoratori mostravano sintomi di covid. Altre fotocamere incluse nella spedizione sono state distribuite a IBM e Chrysler, tra gli altri acquirenti.

Dahua è stata solo una delle aziende cinesi che è stata in grado di capitalizzare la pandemia. Quando il covid ha iniziato a muoversi oltre i confini della Cina all'inizio del 2020, un gruppo di aziende di ricerca medica di proprietà del Beijing Genomics Institute, o BGI, si è espanso radicalmente, istituendo 58 laboratori in 18 paesi e vendendo 35 milioni di test covid-19 a più di 180 paesi. 

Nel marzo del 2020, aziende come Russell Stover Chocolates e US Engineering, un'azienda appaltatrice meccanica con sede a Kansas City, Missouri, hanno acquistato test per un valore di 1,2 milioni di dollari e hanno installato apparecchiature di laboratorio BGI nelle strutture dell'Università del Kansas Medical System.

Mentre Dahua ha venduto le sue apparecchiature ad aziende come Amazon, Megvii, uno dei suoi principali rivali, ha implementato sistemi di mappatura termica in ospedali, supermercati, campus in Cina e negli aeroporti della Corea del Sud e degli Emirati Arabi Uniti. Tuttavia, mentre la velocità e l'intenzione di questa risposta per proteggere i lavoratori in assenza di un'efficace risposta statunitense a livello nazionale è stata ammirevole, queste aziende cinesi hanno mostrato una tendenza a forme eclatanti di violazioni dei diritti umani. 

Dahua è uno dei principali fornitori di sistemi di "smart camp" che Vera Zhou ha sperimentato nello Xinjiang (l’azienda afferma che le sue strutture sono supportate da tecnologie come "sistemi di visione artificiale, analisi dei big data e cloud computing"). Nell'ottobre del 2019, sia Dahua che Megvii erano tra le otto aziende tecnologiche cinesi inserite in un elenco che impedisce ai cittadini statunitensi di vendere loro beni e servizi (l'elenco, che ha lo scopo di impedire alle aziende statunitensi di rifornire aziende non statunitensi ritenute una minaccia per interessi nazionali, vieta ad Amazon di vendere a Dahua, ma non di acquistare da loro). Le filiali di BGI nello Xinjiang sono state inserite nell'elenco di no-trade degli Stati Uniti nel luglio del 2020.

L'acquisto da parte di Amazon delle termocamere Dahua per la mappatura del calore ricorda un passaggio storico nella diffusione del capitalismo globale che è stato catturato dal memorabile giro di parole dello storico Jason Moore: "Dietro Manchester c'è il Mississippi". Cosa voleva dire Moore con queste parole? Nella sua rilettura dell'analisi di Friedrich Engels sull'industria tessile che rese così redditizia Manchester, in Inghilterra, vide che molti aspetti della rivoluzione industriale britannica non sarebbero stati possibili senza il cotone a buon mercato prodotto dal lavoro degli schiavi negli Stati Uniti. 

In modo simile, la capacità di Seattle, Kansas City e Seoul di rispondere con la stessa rapidità con cui hanno fatto con la pandemia si basa in parte sul modo in cui i sistemi di oppressione nella Cina nordoccidentale hanno aperto uno spazio per addestrare algoritmi di sorveglianza biometrica. La protezione dei lavoratori durante la pandemia dipende dall’oppressione nei confronti di studenti universitari come Vera Zhou. Significa ignorare la disumanizzazione di migliaia e migliaia di detenuti e lavoratori non liberi.

Allo stesso tempo, Seattle si trova anche davanti allo Xinjiang. Amazon ha il suo ruolo nella sorveglianza indiretta che danneggia in modo sproporzionato le minoranze etno-razziali data la sua partnership con il controllo dell’immigrazione effettuato ai confini degli Stati Uniti per identificare gli immigrati privi di documenti e le sue iniziative di lobby a sostegno della debole regolamentazione della sorveglianza biometrica. Più direttamente, Microsoft Research Asia, la cosiddetta "culla dell'intelligenza artificiale cinese", ha svolto un ruolo determinante nella crescita e nello sviluppo sia di Dahua che di Megvii.

I finanziamenti statali cinesi, il discorso sul terrorismo globale e la formazione dell'industria statunitense sono tre dei motivi principali per cui una flotta di aziende cinesi ora guida l’universo del riconoscimento facciale e vocale. Questo processo è stato accelerato da una guerra al terrore che fa perno sulla collocazione di uiguri, kazaki e hui all'interno di un complesso recinto digitale e fisico, ma che ora si estende a tutto il settore tecnologico cinese, nel quale i sistemi infrastrutturali ad alta intensità di dati producono recinti digitali flessibili in tutta la nazione, anche se non sulla stessa scala dello Xinjiang.

La vasta e rapida risposta della Cina alla pandemia ha ulteriormente accelerato questo processo implementando rapidamente questi sistemi e rendendo chiaro che funzionano in quanto estendono il potere statale in modi così ampi e intimi tali da alterare efficacemente il comportamento umano. 

Approcci alternativi

Tuttavia, la politica cinese nei confronti della pandemia non è l'unico modo per fermarla. Anche Stati democratici come la Nuova Zelanda e il Canada, che hanno fornito test, mascherine e assistenza economica a coloro che sono stati costretti a rimanere a casa, sono stati efficaci. Queste nazioni chiariscono che la sorveglianza indiretta non è l'unico modo per proteggere il benessere della maggioranza, anche a livello nazionale.

In effetti, numerosi studi hanno dimostrato che i sistemi di sorveglianza supportano il razzismo sistemico e la disumanizzazione portando a discriminare le popolazioni sotto osservazione. L'uso passato e attuale dell'Entity List da parte delle amministrazioni statunitensi per fermare le vendite ad aziende come Dahua e Megvii, sebbene importante, sta anche producendo un doppio standard, punendo le aziende cinesi per aver automatizzato la razzializzazione e finanziando le aziende americane per fare cose simili. 

Un numero crescente di aziende con sede negli Stati Uniti sta tentando di sviluppare i propri algoritmi per rilevare i fenotipi razziali, anche se attraverso un approccio consumistico basato sul consenso. Rendendo la razzializzazione automatizzata una forma di convenienza nel marketing di prodotti come il rossetto, aziende come Revlon stanno rafforzando gli script tecnici a disposizione per intervenire sugli individui. 

Di conseguenza, per molti versi la “razza” continua a essere una componente centrale del modo in cui le persone interagiscono con il mondo. La polizia negli Stati Uniti e in Cina considera le tecnologie di valutazione automatizzata come strumenti per individuare potenziali criminali o terroristi. Gli algoritmi fanno sembrare normale che uomini di colore o uiguri vengano rilevati in modo sproporzionato da questi sistemi. Impediscono alla polizia, e a coloro che svolgono una funzione di protezione, di avere coscienza che la sorveglianza riguarda sempre il controllo e la disciplina delle persone che non si adattano alla visione di chi è al potere. Il mondo, non solo la Cina, ha un problema con la sorveglianza.

Per contrastare la crescente banalità, la quotidianità, della razzializzazione automatizzata, devono prima essere resi evidenti i danni della sorveglianza biometrica in tutto il mondo. Le vite dei detenuti devono essere rese visibili. Quindi deve essere chiarito il ruolo di ingegneri, investitori e società di pubbliche relazioni di livello mondiale nel ripensare l'esperienza umana, nella progettazione per la rieducazione umana. Le reti di interconnessione, il modo in cui lo Xinjiang sta dietro e prima di Seattle, devono essere rese pensabili.

Questa storia è un estratto modificato da In The Camp: China’s High-Tech Penal Colony, di Darren Byler (Columbia Global Reports, 2021). Darren Byler è professore associato di studi internazionali presso la Simon Fraser University.

(rp)
  • Questa storia è un estratto modificato da In the Camps: China's High-Tech Penal Colony di Darren Byler (Columbia Global Reports, 2021).