• Andrew Neel / Unsplash
Come vengono certificati i risultati delle elezioni
Il presidente Donald Trump continua a contestare la validità delle elezioni e ha promosso oltre una decina di denunce per dimostrare la frode, contestare i conteggi e ritardare la certificazione, ma finora ogni sua iniziativa legale è fallita. 
Anche se il vincitore di un'elezione americana di solito viene annunciato subito dopo il voto, il risultato non è mai effettivamente ufficiale il giorno delle elezioni. Non è nemmeno ufficiale una volta che i media fanno le proiezioni dei risultati, come è successo la scorsa settimana. Invece, i risultati delle elezioni diventano effettivamente reali quando le autorità elettorali statali e locali si assicurano che ogni voto valido sia stato conteggiato e lo certificano formalmente.

I funzionari elettorali nominati dall'amministrazione Trump affermano che le affermazioni del presidente sono pericolose e mancano di credibilità. Ogni stato afferma che non ci sono prove di frode e funzionari elettorali federali e locali di entrambe le parti hanno rilasciato una dichiarazione congiunta per dire esattamente questo. Come è già successo anni fa, le affermazioni del presidente sulla frode elettorale cadono nel vuoto

Cosa significa veramente certificare i risultati? Il processo è lo stesso ogni volta. I funzionari elettorali esaminano i risultati tabulando e verificando il risultato nei loro stati. Controllano le schede provvisorie e quelle che sono state contestate secondo le leggi statali e talvolta anche di contea. Dopo questa prima fase, i risultati vengono certificati nel senso del processo formale in cui viene ufficializzato il risultato. Il metodo esatto varia da stato a stato, ma generalmente un segretario di stato o un consiglio di stato si riunirà dopo che il conteggio sarà concluso e firmerà una certificazione dei risultati.

Il conteggio potrebbe aver richiesto più tempo quest'anno perché la pandemia ha aumentato drasticamente il numero di schede elettorali per corrispondenza, ma l'unica differenza significativa è che il presidente in carica sta portando avanti un attacco senza precedenti alla validità dei risultati. Le sfide legali di Trump e le richieste di riconteggio potrebbero teoricamente alterare la tempistica della certificazione, ma i tribunali hanno finora respinto questi tentativi a causa della mancanza di prove.

Ciò significa che le prossime due settimane verranno presentate una serie di certificazioni e, al momento, non ci sono segnali che i funzionari statali e locali le blocchino. In Georgia, ciò ha portato Trump a scagliarsi contro i funzionari repubblicani eletti che non gli hanno offerto alcuna sponda. In Ohio, il governatore repubblicano che ha co-presieduto la campagna di rielezione di Trump ha riconosciuto la vittoria dell'ex vice presidente Joe Biden e Trump lo ha immediatamente attaccato su Twitter. 

La seguente è la lista delle date di scadenza della certificazione negli stati che hanno svolto un ruolo chiave nelle elezioni presidenziali:

* La Georgia il 20 novembre. 
* Le contee della Pennsylvania il 23 novembre. 
* Il Michigan il 23 novembre.
* Il Nevada il 24 novembre. 
* L'Arizona il 30 novembre.
* Il Wisconsin il 1 dicembre.

Biden è avanti in tutti questi stati.

Il 14 dicembre il Collegio Elettorale vota e poi gli Stati hanno finito il loro compito e l’elezione passa finalmente in mani federali. Due mesi dopo il giorno delle elezioni, il Congresso elegge formalmente il prossimo presidente il 6 gennaio con il conto dei voti elettorali in una sessione congiunta.

(rp)