• Ms Tech / Unsplash
Come si trasforma l’amore in tempo di pandemia
Quarantene e limitazioni della libertà di movimento ci stanno costringendo a trovare un nuovo modo di portare avanti la nostra vita e i rapporti affettivi.
di Tanya Basu 26-03-20
La scorsa settimana, quando le regole sul distanziamento sociale sono diventate sempre più stringenti, un misterioso Google Form ha iniziato a circolare tra gli studenti della Wharton School of Business dell'Università della Pennsylvania: "Love is blind, Bschool edition". Il nome si ispira alla famosa serie televisiva di Netflix, lo pseudo-reality sull’amore “al buio”.

Le regole sono semplici: si crea un indirizzo e-mail ad hoc e si comunica ai creatori della serie il titolo di studio e l’orientamento sessuale. I creatori randomizzano tali informazioni e mettono in contatto e-mail una coppia; dopo una settimana, è consentito inviare SMS o video.

Di fronte alla diffusione del contagio, le app di incontri hanno avuto difficoltà in quanto l’obiettivo finale è incontrare fisicamente qualcuno. Match – l’azienda dietro i giganti degli appuntamenti online Tinder e OkCupid - ha visto le azioni crollare del 25 per cento e ha dovuto operare diversi cambiamenti.

"Tinder comprende che gli iscritti si vogliono incontrare di persona, ma data la situazione, ricordiamo loro le precauzioni che devono prendere", ha dichiarato l’azienda in un comunicato stampa, citando l'Organizzazione mondiale della sanità. Tinder sta ora implementando una funzione che consente agli utenti di “abbinarsi” con persone al di fuori della loro area geografica d’appartenenza.

Whitney Wolfe Herd, il fondatore dell'app di incontri Bumble, è stato molto più esplicito in una lettera pubblica: “Per favore, incontratevi virtualmente, per ora”. Ma cosa significa incontrarsi virtualmente? (Si veda figura 1

Un modo per farlo è reinventare lo speed date, vale a dire le modalità di incontro. Dawoon Kang, cofondatore di Coffee Meets Bagel, afferma che l'app ha iniziato a ospitare incontri virtuali da 10 a 15 membri alla volta, grazie a una videochiamata moderata da un rappresentante dell'azienda. Un partecipante interessato ad un altro può inviare un'e-mail al rappresentante; se tra due persone nasce un interesse, il rappresentante li mette in collegamento.

Il coronavirus sta anche ribaltando quelle che pensavamo fossero le regole di base degli “incontri” nell'era digitale. Prima del coronavirus, mandare un sms a qualcuno per fissare un appuntamento era normale, ma chiamare una persona, e tanto meno chattare prima di un appuntamento, era vista come un’iniziativa fuori luogo. (Si veda figura 2)

Non è più così. Alla fine di febbraio, JWed, un'app di incontri ebraica, è stata una delle prime ad adottare la video chat in-app. Bumble ha promosso la sua chat video e le sue funzioni vocali, consentendo agli utenti di stabilire appuntamenti senza infrangere il regolamento. I rappresentanti di JWed e Bumble mi hanno detto che alcune di queste caratteristiche erano già state sviluppate, ma la crisi del coronavirus ne ha accelerato l'implementazione. (Si vedano figura 3 e 4)

Le videochiamate servono come quello che alcuni single definiscono una "controllo della compatibilità", consentendo alla coppia di valutare gli aspetti emotivi in un contesto visivo. Kang prevede che queste situazioni saranno la norma per molto tempo, anche dopo la fine del Covid-19, poiché le persone vogliono andare oltre uno scambio di foto

"All'inizio, le persone non hanno fiducia nel loro aspetto", dice Kang, ma "poi sono costrette a mettersi in gioco altrimenti non incontreranno persone per un lungo periodo. Una volta provato, probabilmente lo faranno di nuovo".

Jazz, una donna di Londra, frequenta le app di incontri dal 2014. Le videochiamate hanno reso gli appuntamenti meno casuali, ella dice. "Ora posso avere i primi incontri in video e costruire una connessione emotiva con un uomo basata anche sul piano fisico", ella continua. "Tre settimane senza contatto significa che una persona sarà in grado di eliminare chi non aveva un interesse reale e interagire con quelli che vogliono veramente avere un rapporto".

Sesso a distanza

Il coronavirus non sta solo cambiando le regole dei siti di incontro: la tecnologia legata alle app a sfondo sessuale sta vivendo un aumento della popolarità. Gran parte di ciò ha a che fare con gli effetti della quarantena, afferma Justin Lehmiller, ricercatore presso il Kinsey Institute. Anche se il coronavirus e il conseguente distanziamento sociale sono ancora troppo recenti per consentire un'analisi approfondita, è evidente che i nostri comportamenti stanno cambiando. 

Le persone stanno provando i più recenti gadget sessuali, visitando strip club di realtà virtuale, partecipando a sex parties con Zoom e persino collegandosi a PornHub per filmati specifici, vale a dire video amatoriali che feticizzano il coronavirus.

Polly Rodriguez, fondatrice del rivenditore di giocattoli sessuali Unbound Babes, afferma che quando è arrivato il coronavirus, le aziende di tecnologia legate al sesso hanno vissuto momenti difficili. Molti giocattoli sessuali sono fabbricati in Cina, il che significa che la catena di fornitura è stata gravemente colpita.

Ma la domanda rimane alta. Una volta che i primi pazienti hanno iniziato ad ammalarsi di coronavirus negli Stati Uniti, Unbound Babes ha dovuto fronteggiare un rialzo di ordini di vibratori e multipack di preservativi, nell’ordine del 30 per cento nella prima settimana di marzo e poi di un altro 40 per cento nella seconda settimana. "Questo era di solito il nostro periodo dell'anno meno favorevole", afferma Rodriguez. 

Lehmiller afferma che ciò può essere attribuito alla composizione demografica. "La percentuale di persone single è oggi più elevata quanto non sia mai stata", egli afferma. "Molte persone non vivono con un partner o un coniuge".

Ma non sono solo i single a essere interessati ai giocattoli sessuali; Lehmiller prevede che i prossimi mesi di distanziamento sociale vedranno i partner impegnati a sperimentare. "Si assisterà a un aumento dei giocattoli sessuali telecomandati in cui le persone possono interagire sessualmente con un partner attraverso la tecnologia a distanza", egli sostiene. "Si avranno incontri a sfondo sessuale senza scambio interpersonale", una caratteristica interessante quando ancora non si sa per quanto tempo saremo isolati nelle nostre case.

La pandemia "porrà le basi per la rivoluzione della tecnologia legata al sesso che tutti prevedevano, prima di quanto pensassimo", afferma Lehmiller. Ma non tutti sono in grado di trarne vantaggio, in particolare quelli che stanno affrontando il peso di quelli che sembrano essere i primi giorni di una recessione economica globale. I vibratori e i cosiddetti teledildonici, vale a dire qualsiasi dispositivo sessuale controllato da o attraverso un computer,. sono ancora beni di lusso e possono costare cifre non alla portata di tutti.

Step Tranovich della startup del settore Cute Little Fuckers afferma che, contrariamente al boom di Unbound Babes, le vendite della sua azienda sono in calo. Anche i suoi clienti si trovano ad affrontare tempi incerti. "La mia clientela è in gran parte formata da transgender e persone con tendenze particolari", afferma Tranovich. "In genere sono già ai margini della società e hanno un flusso di reddito meno stabile. Sfortunatamente, quando accadono eventi così gravi, sono i primi a essere licenziati e a entrare in crisi".

Tuttavia, Lehmiller afferma che la pandemia e la relativa quarantena porteranno a relazione molto diverse. E questo vale anche per le app di appuntamenti. "L'unica cosa di cui sono certo è che più a lungo si prolunga questo periodo, più il cambiamento sarà stabile", conclude Kang. "Le persone andranno alla ricerca dei rapporti virtuali".

(rp)
  • Figura 1
  • Figura 2
  • Figura 3
  • Figura 4