• John Moore / Getty Images

Come riaprire le scuole senza focolai di covid

Lo scorso anno, nonostante il caos provocato dalla pandemia, alcune scuole statunitensi hanno adottato delle strategie vincenti per mantenere bassi i casi di infezione. Il Covid-19 Data Dispatch riporta queste esperienze e offre 11 indicazioni su come fronteggiare il problema.

di Betsy Ladyzhet 25-09-21
È impossibile sopravvalutare quanto sia diventata controversa la riapertura delle scuole negli Stati Uniti lo scorso anno. Dopo una primavera di didattica a distanza, le opinioni divergevano: alcuni amministratori, genitori e scienziati hanno spinto per far tornare i bambini nelle aule, mentre altri hanno fatto pressioni per garantire in primo luogo la prevenzione dal contagio. Le immagini di studenti senza mascherina in Georgia sono diventate virali, per esempio, mentre gli insegnanti hanno messo in mostra bare fatte a mano e una ghigliottina durante una protesta a New York City. 

Ma nonostante i titoli, molti altri distretti sono riusciti a riportare la maggior parte degli studenti nelle aule l'anno scorso senza innescare una temuta epidemia di covid. Come hanno fatto?

Ho condotto una ricerca su cinque di queste comunità per la pubblicazione del COVID-19 Data Dispatch, un resoconto di un progetto supportato dalla Solutions Journalism Network. In ogni luogo, la maggior parte degli studenti è tornata all'apprendimento di persona entro la fine del semestre primaverile e i funzionari hanno identificato casi di covid in meno del 5 per cento della popolazione studentesca. Questa è una misura importante perché, secondo i Centers for Disease Control and Prevention (CDC), circa il 5 per cento dei ragazzi in età scolare negli Stati Uniti ha contratto il covid tra l'inizio della pandemia e i primi di agosto del 2021.

Le cinque comunità che ho studiato sono rispettivamente:

Distretto scolastico 1 della contea di Scott, ad Austin, nell’Indiana: qui nel Midwest, si è affrontata una grave epidemia di HIV/AIDS nel 2015, ponendo le basi per la collaborazione tra scuole e funzionari della sanità pubblica.

Scuole pubbliche della contea di Garrett nel Maryland: in una zona rurale e geograficamente distanziata dell'Appalachia, si sono costruiti forti legami con le famiglie.

Distretto scolastico indipendente di Andrews, in Texas: si è data priorità alla responsabilità personale e si sono tenute lezioni all'aperto per mantenere bassi i casi.

Distretto scolastico di Port Orford-Langlois 2CJ, in Oregon: in due piccole città sulla costa, si sono utilizzate strategie di riapertura cauta e graduale per superare l'anno scolastico 2020-2021 senza casi di covid.

P.S. 705 a Crown Heights, a Brooklyn, New York
questa scuola elementare ha riportato a lezione più della metà degli studenti di persona, ben al di sopra della media di New York City del 40 per cento, in parte utilizzando test di sorveglianza.

1. Collaborare con il dipartimento di sanità pubblica è fondamentale.

Da questa ricerca, ho identificato lezioni per altri distretti scolastici che quest’anno si trovano ad affrontare la sfida della riapertura. Ad Austin, nell’Indiana, una relazione esistente tra il distretto scolastico e il dipartimento di sanità pubblica locale, costruita durante l'epidemia di HIV/AIDS della città nel 2015, ha semplificato la comunicazione rispetto al covid. 

Il distretto e il dipartimento della salute pubblica hanno lavorato insieme per pianificare la riapertura delle scuole, mentre i residenti del distretto, già a conoscenza delle iniziative di prevenzione dell'HIV da parte del dipartimento della salute, hanno rapidamente adottato i protocolli di sicurezza per il covid.

Il distretto scolastico della contea di Garrett, nel Maryland, ha collaborato con il dipartimento di sanità pubblica locale per rendere disponibili i test agli studenti e al personale. Anche il distretto della contea di Andrews, in Texas, ha collaborato con l'agenzia sanitaria della contea per i test e l'identificazione dei casi degli studenti nell'autunno del 2020, anche se il rapporto si è interrotto più avanti nell'anno scolastico a causa delle opinioni divergenti sul livello delle misure di sicurezza richieste nelle scuole.

"Ciò che il CDC ha sostanzialmente affermato è che ogni scuola deve diventare un piccolo dipartimento sanitario a sé stante", ha affermato Katelyn Jetelina, epidemiologa dell'Università del Texas e autrice della newsletter Your Local Epidemiologist, ma "le scuole non hanno le competenze per farlo". Di conseguenza, gli stessi dipartimenti di sanità pubblica possono essere preziose fonti di conoscenza scientifica per i dirigenti scolastici. 

"L'ideale - e l'ho visto accadere solo poche volte - è che ci sia letteralmente qualcuno del dipartimento della salute all’interno del distretto scolastico", ha aggiunto Robin Cogan, copresidente legislativo per la New Jersey State School Nurses Association e autore del blog Relentless School Nurse.

2. Colmare le lacune nei servizi scolastici con i partenariati comunitari.

La collaborazione per rispondere alle esigenze di spazio e tecnologia è stato un tema particolare in questo progetto. Come dimostra l’esperienza, oltre ai dipartimenti di sanità pubblica, ci sono altre aree in cui le partnership al di fuori di una scuola possono essere vantaggiose. In Oregon, il distretto scolastico di Port Orford-Langlois ha fatto affidamento sulla biblioteca pubblica locale per fornire servizi tecnologici, un luogo per l'aiuto per i compiti dopo la scuola, Wi-Fi al di fuori dell'orario scolastico e persino attività extrascolastiche. 

Nel frattempo, nella contea di Garrett, nel Maryland, il distretto scolastico ha collaborato con chiese, centri comunitari e altre istituzioni situate in posizione centrale per fornire Wi-Fi e cibo alle famiglie del distretto.

Entrambi questi distretti rurali hanno affrontato sfide con l'apprendimento online, poiché molte famiglie non avevano il Wi-Fi a casa. Espandendo l'accesso a Internet attraverso le partnership della comunità, i distretti hanno permesso alle famiglie di garantire l'apprendimento online dei bambini, mostrando ai genitori che il personale scolastico era in grado di soddisfare le loro esigenze e di creare fiducia per i futuri semestri in presenza.

3. Comunicare con i genitori in via preventiva.

Una comunicazione efficace è stato un tema che ha risuonato in tutti e cinque i profili. In un tumultuoso anno scolastico pandemico, i genitori volevano sapere esattamente cosa stavano facendo le loro scuole e perché. I distretti che ho studiato hanno offerto ampie opportunità ai genitori di ricevere rapidamente aggiornamenti e porre domande.

Per esempio, al P.S. 705 di Brooklyn, gli amministratori hanno tenuto riunioni settimanali del municipio, suddivise per livello scolastico, e hanno gestito un "ufficio virtuale aperto", disponibile su base giornaliera per consentire ai genitori di accedere e porre domande. Jetelina ha affermato che tali forum sono un'opportunità ideale per la "comunicazione bidirezionale", in cui gli amministratori possono sia parlare con i genitori sia ascoltare i feedback.

La contea di Andrews ha anche aperto un servizio municipale per le domande dei genitori prima dell'inizio dell'anno scolastico 2020. Nella contea di Garrett, gli amministratori hanno aggiornato un enorme documento di FAQ (attualmente 22 pagine) ogni volta che un genitore ha contattato con una domanda. Questo distretto, P.S. 705 e Port Orford–Langlois hanno dato ai genitori l'opportunità di parlare con il personale della scuola con telefonate individuali. Sono stati utilizzati anche Facebook e Google Classroom, offrendo ai genitori più opzioni per interloquire.

4. Richiedere l’obbligatorietà delle mascherine per i bambini.

Il requisito della mascherina nelle scuole suscita molte controversie, con alcuni genitori che sostengono con entusiasmo l’obbligo mentre altri si rifiutano di mandare i propri figli a scuola con qualsiasi copertura per il viso. Ma la mascherina per tutti rimane una delle protezioni più sicure contro la diffusione del covid, soprattutto per i bambini troppo piccoli per essere vaccinati.

Le prove dimostrano che i bambini piccoli possono abituarsi a indossare una mascherina tutto il giorno. Nel distretto scolastico di Port Orford-Langlois, la preside Krista Nieraeth affida ai genitori la responsabilità di adottare la mascherina per i ragazzi. Sebbene la comunità sia conservatrice, ha detto, i genitori hanno accettato l'uso della mascherina per i loro figli, comprendendo l'importanza di questa misura per prevenire la diffusione del coronavirus a scuola. Alcuni genitori hanno persino donato al distretto mascherine fatte in casa per studenti e insegnanti.

Man mano che la variante delta si diffonde, ha affermato Cogan, è importante che i distretti richiedano di indossare la mascherine correttamente per garantire che gli studenti siano completamente protetti.

5. Effettuare test regolari per evitare epidemie.

Il P.S. 705 di Brooklyn si è appoggiato al programma di test di monitoraggio del covid organizzato dal Dipartimento dell'Istruzione di New York City. La città ha richiesto alle scuole di testare il 20 per cento degli studenti e del personale in loco una volta alla settimana, da dicembre 2020 fino alla fine del semestre primaverile. P.S. 705 è andato oltre questa percentuale durante i mesi invernali, quando i casi erano alti a Brooklyn. I test hanno permesso a questa scuola di identificare positivi tra studenti asintomatici, mettere classi in quarantena e impedire la diffusione dell’epidemia.

Questi programmi di test dovrebbero esser effettuati frequentemente sugli studenti, ha affermato Jetelina: "Ma ciò che è ancora più importante dei test regolari è che non si tratta di test su un campione", ma di controlli da effettuare su tutti gli studenti di persona. I test volontari, ha detto, avrebbero maggiori probabilità di includere solo le famiglie che già seguono altri protocolli di sicurezza.

Alcuni distretti stanno ora lavorando per impostare programmi di test regolari per l'autunno 2021, utilizzando i finanziamenti dell’American Rescue Plan, ha affermato Cogan. Se non è possibile eseguire test regolari, è comunque fondamentale per un distretto rendere i test facilmente disponibili, con risultati tempestivi, in meno di 24 ore, ai contatti stretti di uno studente quando viene identificato un caso a scuola. Sia i distretti scolastici della contea di Garrett sia quelli della contea di Andrews hanno lavorato con i loro dipartimenti di sanità pubblica locali per rendere possibili tali test.

6. Migliorare la ventilazione e tenere le lezioni all'aperto ove possibile.

Oltre ai finanziamenti per i test covid, l'American Rescue Plan ha messo a disposizione miliardi di dollari per migliorare i sistemi di ventilazione delle scuole. I distretti scolastici della contea di Garrett e di Austin, nell'Indiana, hanno entrambi approfittato di questo finanziamento per aggiornare i sistemi HVAC nei loro edifici e acquistare unità portatili di filtrazione dell'aria.

Nella contea di Andrews, dove fa caldo per gran parte dell'anno, il distretto scolastico ha optato per una ventilazione più naturale: aprendo porte e finestre e tenendo le lezioni all'aperto quando possibile. Il tempo extra all'aperto ha avuto anche effetti benefici per la salute mentale degli studenti che erano stati rinchiusi in casa nella primavera del 2020, hanno affermato gli amministratori.

Tuttavia, la lezione all'aperto potrebbe non essere possibile per i distretti nelle aree urbane, ha affermato Cogan. In queste scuole, finestre e porte devono essere chiuse per proteggersi da un'altra emergenza: la minaccia della violenza armata.

7. Non dare la priorità alla pulizia degli ambienti.

Nel luglio 2020, Derek Thompson, un collaboratore di "The Atlantic", ha coniato l’espressione hygiene theater per definire una situazione in cui molte aziende e istituzioni pubbliche dedicano tempo e risorse alla pulizia profonda, anche se numerosi studi scientifici hanno dimostrato che il virus si diffonde principalmente attraverso l'aria, non per contatto con la superficie.

Più di un anno dopo, il teatrino dell'igiene è vivo e vegeto in molti distretti scolastici, hanno rivelato le mie interviste con i dirigenti scolastici. Alla domanda "Quali sono i vostri protocolli di sicurezza?" gli amministratori spesso sono passati alla pulizia profonda e ai disinfettanti per le mani. La ventilazione è sempre arrivata più tardi, dopo ulteriori domande. Nel distretto della contea di Andrews, per esempio, i collaboratori scolastici pulivano un'aula una volta identificato un caso, ma non era obbligatorio mettere in quarantena i contatti stretti dello studente contagiato.

"La pulizia delle aree ad alto contatto è molto importante nelle scuole", ha affermato Cogan. Ma l'uso della mascherina, il distanziamento fisico, le vaccinazioni e altre misure sono "fattori protettivi più elevati".

8. Avere più fiducia nelle capacità di osservazione di genitori e insegnanti.

Lo scorso anno scolastico, molti distretti hanno utilizzato controlli della temperatura e screening dei sintomi come tentativo di individuare studenti contagiati prima che trasmettessero il coronavirus ad altri. Ma ad Austin, nell’Indiana, tali protezioni ufficiali si sono rivelate meno utili dell'intuizione di insegnanti e genitori. Gli insegnanti potevano identificare quando uno studente non si sentiva bene e chiedergli di andare dall'infermiera, anche se lo studente aveva superato il controllo della temperatura.

Jetelina ha affermato che insegnanti e genitori possono entrambi fungere da strato di protezione, impedendo a un bambino malato di entrare in classe. "I genitori sono abbastanza bravi a comprendere i sintomi dei loro figli e lo stato di salute", ha detto.

Ad Andrew, in Texas, gli amministratori distrettuali hanno fornito ai genitori informazioni sui sintomi del covid e hanno chiesto loro di determinare quando un bambino potrebbe aver bisogno di stare a casa da scuola. Il distretto del Texas potrebbe aver "esagerato con la delega ai genitori", ha detto Cogan, nel consentire agli studenti di rinunciare alla quarantena e all'uso di mascherine, riecheggiando le preoccupazioni del dipartimento di salute pubblica della contea di Andrews.

9. Rilevare dati più granulari per indirizzare le politiche scolastiche.

Durante tutta la pandemia, ho costantemente denunciato la carenza di dati pubblici dettagliati sui casi di covid nelle scuole. Il governo federale non fornisce ancora tali informazioni e la maggior parte degli stati offre numeri sparsi che non permettono di ricostruire un contesto cruciale per i casi. Senza questi numeri, è difficile confrontare i distretti scolastici e identificare le storie di successo.

La mia ricerca sulle riaperture delle scuole ha messo in luce un altro problema relativo ai dati: la maggior parte degli stati non fornisce numeri sulla presenza del covid nel singolo distretto, rendendo difficile per i dirigenti scolastici sapere quando devono inasprire o allentare i protocolli di sicurezza. Nel minuscolo distretto di Port Orford-Langlois in Oregon, per esempio, gli amministratori hanno dovuto fare affidamento sui numeri di covid complessivi per la loro contea. 

Anche se il distretto ha avuto zero casi nell'autunno 2020, non ha potuto riportare gli studenti in presenza fino alla primavera perché i focolai in un'altra parte della contea hanno aumentato il numero dei casi. Cogan ha osservato problemi simili nel New Jersey.

A livello locale, i distretti scolastici possono collaborare con i loro dipartimenti di sanità pubblica per ottenere i dati di cui hanno bisogno per un processo decisionale più informato, ha affermato Jetelina. Ma a un livello più ampio e sistemico, ottenere dati granulari sul covid è più difficile. Servirebbe l’intervento del governo federale.

10. Investire nel personale scolastico e coinvolgerlo nella elaborazione dei piani di sicurezza.

L'insegnamento è in genere un lavoro impegnativo, ma negli ultimi 18 mesi è diventato eroico, anche se molte persone al di fuori degli ambienti scolastici danno per scontato questo lavoro, ha detto Jetelina. A parte i ringraziamenti, i distretti dovrebbero dare al loro personale voce in capitolo nelle decisioni riguardanti la sicurezza della scuola, ha raccomandato Cogan

11. Offrire agli studenti e al personale tempo e spazio per elaborare i traumi legati alla pandemia.

Secondo una ricerca dell’Imperial College di Londra, circa 117.000 bambini negli Stati Uniti hanno perso uno o entrambi i genitori durante la pandemia. Altre migliaia hanno perso altri parenti, mentori e amici, mentre milioni di bambini hanno dovuto affrontare la perdita del lavoro nelle loro famiglie, l'insicurezza alimentare e abitativa e altre difficoltà. Anche se un distretto scolastico dispone della giusta logistica per la sicurezza, il personale scolastico non può veramente supportare gli studenti a meno che non venga concesso loro tempo e spazio per elaborare il trauma che hanno dovuto affrontare.

P.S. 705 a Brooklyn può servire da modello per questa pratica. Il personale scolastico ha contattato preventivamente le famiglie quando uno studente saltava la lezione, offrendo supporto: "705 è il tipo di posto che ti fa sentire il suo sostegno", ha detto un genitore. Il primo giorno di scuola a settembre del 2021, quando molti studenti sono tornati di persona per la prima volta dalla primavera del 2020, la scuola ha tenuto un minuto di silenzio in ricordo delle persone che la comunità scolastica aveva perso.

Nuove sfide in vista

Queste indicazioni vengono dalle comunità scolastiche che hanno avuto successo nell'anno scolastico 2020-2021, prima che la variante delta colpisse gli Stati Uniti. Questo ceppo altamente trasmissibile del virus pone nuove sfide per il semestre autunnale del 2021. L'analisi dei dati alla base di questo progetto mi ha portato a profilare principalmente le comunità rurali, che potrebbero essere state fortunate con un basso numero di casi di covid nelle fasi precedenti della pandemia, ma che ora non sono in grado di sfuggire al delta. Per esempio, la contea dell'Oregon, inclusa Port Orford-Langlois, ha registrato i suoi tassi più alti di casi nell'agosto del 2021.

La sfida delle varianti si moltiplica aumentando la polarizzazione su mascherine, vaccini e altre misure di sicurezza. Tuttavia, Jetelina ha sottolineato che ci sono anche "tante persone là fuori", riferendosi a genitori, insegnanti, esperti di salute pubblica e altri che continuano a imparare dalle precedenti esperienze di riapertura delle scuole , “che agiscono per il bene comune”.

Il Solutions Journalism Network ha sostenuto questo progetto con una borsa di studio, oltre a corsi di formazione e altre linee guida. Per saperne di più sulle cinque comunità scolastiche che ho profilato in questo progetto si può cliccare sul link.

(rp)