• AP / Matt Slocum
Come rendere le prossime elezioni più sicure
Con un'affluenza record nonostante il covid e la disinformazione, le elezioni del 2020 sono state un successo, ma quelle future non andranno altrettanto bene senza qualche modifica.

Negli ultimi giorni, è stata certificata una serie di risultati elettorali da stati contesi come la Pennsylvania e il Michigan, togliendo spazio ai continui tentativi del presidente Trump di bloccare il risultato delle elezioni. Le certificazioni continueranno ad arrivare nei prossimi giorni prima che il Collegio Elettorale, e successivamente il Congresso, rendano ufficiali i risultati.

 

Questo modo di procedere è quello previsto. In effetti, per molti versi le elezioni del 2020 sono state effettivamente un successo. C'è stata una storica affluenza alle urne: il 65,5 per cento degli adulti aventi diritto ha espresso il proprio voto, una percentuale più alta rispetto a qualsiasi elezione presidenziale dal 1900. Ciò è dovuto a una serie di fattori che hanno contribuito, uno dei quali è il maggior uso di schede per corrispondenza per affrontare la pandemia.

 

Per la prima volta in assoluto, milioni di elettori hanno avuto un modo più semplice di votare e la storia mostra che gli americani chiedono di mantenerlo. Il voto per corrispondenza è sicuro, come hanno dimostrato decenni di studi indipendenti, ma non è solo la sicurezza a essere importante: anche l'integrità del voto.

 

Espansione della possibilità di voto

 

La flessibilità è una dimensione chiave dell'integrità delle scadenze elettorali. I cittadini si sentono più liberi quando hanno tempo per esprimere il loro voto senza essere obbligati a farlo tutti lo stesso giorno in luoghi limitati. Idee sostenute da esperti come la registrazione automatica degli elettori e database degli elettori standardizzati portano tutte allo stesso obiettivo: rendere permanentemente più facile il voto per tutti gli americani registrati. La maggior parte dei paesi sviluppati è molto più avanti degli Stati Uniti su questo tema.

 

I percorsi cartacei vanno implementati

 

La sicurezza del voto è migliorata grazie alla possibilità di effettuare controlli incrociati dei risultati. In questo caso, niente batte la carta. Si stima che il 95 per cento dei voti americani abbia avuto una traccia cartacea quest'anno grazie alle schede per posta e alle macchine per il voto di persona: un grande aiuto per la verifica e gli audit. La carta offre tutta una serie di vantaggi per le elezioni. Per esempio, se un hacker mette in crisi importanti database degli elettori il giorno delle elezioni, un backup cartaceo significa garantire la regolarità del voto. 

 

Più spazio agli audit

 

Il cartaceo significa anche che si può verificare che il voto sia stato registrato correttamente. Gli audit (controlli manuali o  audit per la limitazione del rischio che utilizzano modelli statistici per rilevare imprecisioni) sono un modo efficiente e pubblico per confermare che il risultato di una votazione riportato è quello corretto. 

 

I normali audit sono previsti in 24 stati, mentre quelli più articolati per la limitazione del rischio sono attualmente richiesti solo da quattro stati. Tuttavia, sono propagandati dagli esperti di sicurezza elettorale come uno dei segnali più trasparenti che le autorità possono inviare in modo proattivo sulla sicurezza delle elezioni, oltre a essere molto più rapidi e facili di un riconteggio completo. I funzionari dovrebbero adottarli come requisito essenziale e gli elettori dovrebbero richiederli.

 

Deficit di finanziamento da colmare

 

Quindi ci sono almeno tre modi per migliorare il sistema elettorale. Ma i governi statali e locali che gestiscono le elezioni in tutta l'America sono gravemente indietro in termini di tecnologia, budget e personale. Tutto questo si aggiunge al rischio reale per la sicurezza - per non parlare della grave inefficienza - per le future elezioni negli Stati Uniti. Lo State and Local IT Modernization Act prevede di dare agli stati  25 miliardi di dollari per colmare questo divario , un primo passo facile che avrebbe conseguenze positive ben oltre le elezioni.

 

Una delle ragioni principali per cui i governi locali sono stati in grado di fare bene questa volta, nonostante un lungo elenco di problemi tecnologici, è stato un lavoro di squadra a tutti i livelli di governo. Ciò ha incluso la Commissione per l'assistenza elettorale (EAC) e la Cybersecurity and Infrastructure Security Agency, ciascuna delle quali ha contribuito a garantire la sicurezza in alcune aree: dalle macchine per il voto, che l'EAC verifica e certifica, all'ampio mandato della CISA per aiutare a proteggere le infrastrutture elettorali. Entrambe queste agenzie con più finanziamenti potrebbero aiutare ancor più gli stati.

 

La CISA, almeno, persegue questo obiettivo. Sebbene Trump abbia licenziato il direttore dell'agenzia, Chris Krebs, perché ha smascherato la disinformazione elettorale del presidente, l'agenzia stessa è su una  traiettoria ascendente. Budget, profilo e potere della CISA si rafforzeranno con una conseguente maggiore capacità di proteggere le infrastrutture elettorali. Con 13 milioni di dollari nel 2021, l'EAC ha solo una frazione del budget, che il presidente Ben Hovland afferma essere un sintomo preciso del cronico sottofinanziamento dei funzionari elettorali del paese.

 

Le elezioni del 2020 sono state un successo, in particolare considerando la presenza di una pandemia gestita male e di una costante disinformazione. Nonostante tutto, ci sono molte buone notizie che fanno sperare bene per le future elezioni. L'annuncio che Trump sta aderendo al processo di transizione del governo degli Stati Uniti potrebbe essere il più vicino possibile. Ma rimane il fatto che, anche se il presidente continua a fare affermazioni infondate, praticamente ogni funzionario elettorale afferma che il voto è stato libero e esercitato in totale sicurezza.