• Abhishek Chinnappa / Getty Images

Come può uscire l'India dalla crisi sanitaria?

La lotta alla seconda ondata indiana richiederà misure di salute pubblica aggressive, aiuti di emergenza e un importante aumento globale della produzione di vaccini.

In una situazione paradossale, l'India, il maggior produttore mondiale di vaccini, è ora paralizzata da un virus per il quale sono stati sviluppati numerosi vaccini sicuri ed efficaci a tempo di record. I rapporti ufficiali di oltre 400.000 nuovi casi e 3.400 morti al giorno, sebbene sconcertanti, probabilmente sottostimano il bilancio effettivo. Mentre i sistemi sanitari in tutta l'India cedono alla pressione di una seconda ondata di infezioni da covid-19, gravi carenze di ossigeno, attrezzature mediche, farmaci e letti ospedalieri minacciano di peggiorare la situazione.

Nonostante un importante programma interno di sviluppo e produzione di vaccini che è stato storicamente la spina dorsale dell'offerta per i paesi a basso e medio reddito, l'India sta lottando per migliorare la sua campagna di vaccinazione di massa per il covid. E a un anno dall'inizio della pandemia, il paese non è riuscito ad affrontare le crescenti disuguaglianze. Come è successo e cosa si può fare ora per evitare che la situazione peggiori ulteriormente?

Troppo poco e troppo tardi

La leadership è importante, soprattutto durante una crisi. Dopo che la prima ondata di infezioni ha raggiunto il picco a settembre, i leader politici in tutta l'India hanno dichiarato prematuramente la vittoria e allentato le misure di salute pubblica. Il primo ministro Narendra Modi ha annunciato al Forum economico mondiale nel gennaio 2021 che l'India "ha salvato l'umanità da un grande disastro contenendo il virus in modo efficace". Ma nelle ultime settimane i comizi elettorali pubblici e i grandi raduni religiosi sono diventati eventi di super diffusione del virus.

Con l'aumento delle infezioni, il ritmo delle vaccinazioni non è stato abbastanza veloce da mitigare questa seconda ondata. L'India ha somministrato 150 milioni di dosi, vale a dire un numero che la pone nella terza posizione mondiale. Tuttavia, l'enorme dimensione della popolazione indiana significa che solo il 9,1 per cento degli indiani ha ricevuto almeno una dose e meno del 2 per cento è completamente vaccinato.

A differenza di molti paesi ad alto reddito, inclusi gli Stati Uniti, l'India ha esportato volumi significativi di vaccino per il covid-19: ha inviato più di 66 milioni di dosi a 95 paesi dall'inizio della pandemia. L'attuale capacità di produzione di vaccini interna dell'India, compresa tra 70 e 80 milioni di dosi al mese, non sarà sufficiente per raggiungere il suo obiettivo di vaccinare completamente 300 milioni di persone entro luglio, a prescindere dai suoi impegni contrattuali con COVAX, l’iniziativa internazionale intesa a fornire un equo accesso al vaccino ai paesi più poveri del mondo.

Pur partendo da una posizione invidiabile, la crescita della R&S e della produzione di vaccini nelle aziende farmaceutiche del settore privato indiano non ha ricevuto il sostegno rapido e deciso del governo di cui hanno goduto i fornitori nazionali di altri paesi. Mentre gli Stati Uniti, attraverso l'operazione Warp Speed, hanno investito 18 miliardi di dollari in ricerca e sviluppo sui vaccini e hanno effettuato ordini anticipati per i vaccini a partire da maggio 2020, il governo indiano non ha effettuato il suo primo acquisto ufficiale di vaccini prodotti dall'India fino a gennaio del 2021, contando invece sulle dichiarazioni delle aziende secondo cui i vaccini prodotti internamente sarebbero stati resi disponibili per le necessità domestiche.

Questa situazione ha lasciato i produttori di vaccini indiani come il Serum Institute of India nella difficile posizione di cercare di accedere a finanziamenti da altre fonti, come la Bill and Melinda Gates Foundation, bilanciando le crescenti esigenze interne con le vendite ad altri paesi a basso e medio reddito e all'iniziativa di COVAX per la distribuzione globale di vaccini. 

All'inizio di aprile, Adar Poonawalla, CEO del Serum Institute, ha pubblicamente richiesto un investimento governativo di oltre 400 milioni di dollari per aumentare ulteriormente la capacità di produzione (il governo centrale ha successivamente approvato pagamenti anticipati per l'acquisto di vaccini per oltre 600 milioni di dollari per il Serum Institute e Bharat Biotech).

A complicare ulteriormente le cose è la complessità delle catene di approvvigionamento di vaccini globali, che sono fragili e suscettibili di restrizioni all'esportazione. I produttori di vaccini indiani non sono stati in grado di ottenere materie prime e forniture per la produzione di vaccini come filtri specializzati e sacche per bioreattori. 

Secondo quanto riferito, la decisione del governo degli Stati Uniti di invocare il Defence Production Act per aumentare la produzione di vaccini con sede negli Stati Uniti ha limitato l’esportazione di queste forniture critiche in India (la Casa Bianca ha negato che l'uso del DPA si traduca in divieti di esportazione). Poonawalla si è nuovamente rivolto a Twitter per evidenziare questa sfida e ha chiesto il sostegno del presidente Joe Biden per revocare le restrizioni alle esportazioni statunitensi.

La priorità è limitare i danni

Con l'aggravarsi della crisi umanitaria in India, sono necessarie misure immediate e aggressive per stabilizzare la situazione e guadagnare tempo per accelerare la produzione di vaccini. La crisi si sta già diffondendo oltre i confini dell'India e richiederà un'azione globale coordinata. La velocità è fondamentale. 

Come ha osservato Michael Ryan dell'Organizzazione mondiale della sanità nel marzo 2020: "L'errore più grande è non muoversi ... la rapidità prevale sulla perfezione". Nell'ultima settimana, i governi di paesi come il Regno Unito, l'UE, la Russia e gli Stati Uniti hanno promesso aiuto, ma rischiano di arrivare troppo poco, troppo tardi.

L'ossigeno medicale è estremamente limitato in India, con un fabbisogno giornaliero stimato di 2 milioni di bombole di ossigeno che supera di gran lunga la capacità di produzione nazionale. L'India ha anche bisogno di farmaci, letti d'ospedale, ventilatori, dispositivi di protezione individuale, forniture per test covid e altri beni medici di base. Presto potrebbe essere necessario un maggior numero di operatori sanitari, che attualmente lavorano sotto un'enorme pressione.

Gli Stati Uniti hanno promesso bombole e concentratori di ossigeno, unità di generazione, farmaci antivirali, kit di test e accesso alle forniture per la produzione di vaccini. I voli di primo soccorso sono arrivati in India venerdì 30 aprile. La UE ha attivato il suo meccanismo di protezione civile per la spedizione di ossigeno e farmaci. Gli aiuti di pronto soccorso dal Regno Unito sono giunti martedì 27 aprile e includevano concentratori di ossigeno e ventilatori.

Anche questa risposta globale non eviterà una tragedia storica. Le proiezioni mostrano che probabilmente assisteremo a oltre 12.000 decessi giornalieri in India entro metà maggio e quasi 1 milione di decessi totali entro agosto. Ecco perché i governi centrali e locali indiani devono adottare immediatamente misure di salute pubblica emergenziali per tenere a bada il virus. 

Queste potrebbero includere restrizioni di viaggio, chiusure di luoghi di lavoro e scuole e disposizioni rigorose per il distanziamento sociale e l'uso di mascherine, insieme al sostegno sociale ed economico per le popolazioni più vulnerabili.

Tali misure sono state dispiegate in modo incoerente in tutta l'India e in alcuni casi sono state indebolite dai leader politici. Diverse regioni indiane, tra cui Delhi, Karnataka e Maharashtra, hanno recentemente imposto severe restrizioni di viaggio e movimento, ma non esiste ancora una linea nazionale.

Anche aumentare la capacità di produzione di vaccini sarà la chiave per tenere sotto controllo il virus in India a lungo termine e rallentarne la diffusione in tutto il mondo. Ciò richiederà iniziative globali coordinate tra aziende e governi. Lentamente, il governo indiano sta iniziando a rendersi conto della situazione. 

I recenti pagamenti anticipati consentiranno a Bharat Biotech di raddoppiare la propria capacità produttiva, fino a 20 milioni di dosi al mese entro giugno e 60 milioni al mese entro agosto. Allo stesso modo, il Serum Institute spera di produrre 100 milioni di dosi al mese entro la metà dell'anno. Ma questa non è una soluzione a breve termine. 

Sfortunatamente, i vaccini non risolveranno la crisi acuta e attualmente non sono disponibili scorte di vaccini importanti per l'importazione in India. Anche la promessa degli Stati Uniti di condividere 60 milioni di dosi di vaccino AstraZeneca a livello globale richiederà mesi per essere soddisfatta.

Un approccio globale per affrontare questo problema includerebbe significativi investimenti di capitale in aziende manifatturiere del settore privato in India, come il Serum Institute, Bharat Biotech e Biological E,  tentare di liberare le catene di approvvigionamento globali dalle restrizioni all'esportazione e concentrare gli sforzi per aumentare la produzione di materiali e ingredienti critici attraverso le catene di fornitura dei vaccini.

Approcci paralleli in altre regioni, come l'America Latina e l'Africa, potrebbero rafforzare la capacità di produzione globale di vaccini e la resilienza, consentendo alle aziende indiane di concentrarsi sui bisogni interni piuttosto che su quelli globali. Infine, mentre l'offerta di vaccini sarà il collo di bottiglia per qualche tempo, anche la domanda sarà fondamentale per ottenere l'immunità di gregge mediata dai vaccini. Il governo indiano dovrebbe finanziare e attuare da subito politiche per rafforzare la fiducia nei vaccini e combattere la disinformazione su di essi.

La straziante tragedia in India purtroppo continuerà per molte settimane. Ma mobilitando le risorse globali più rapidamente, adottando misure di salute pubblica che terranno sotto controllo il virus e aumentando la produzione di vaccini, l'India e la comunità globale possono almeno offrire qualche speranza di giorni migliori a venire.

Krishna Udayakumar è direttore fondatore del Duke Global Health Innovation Center, direttore esecutivo di Innovations in Healthcare  e direttore associato per l'innovazione del Duke Global Health Institute. Andrea Taylor è vice direttore dei programmi presso il Duke Global Health Innovation Center e responsabile della ricerca sui vaccini per il covid-19, le partnership e le terapie del progetto Launch and Scale Speedometer

(rp)
  • Fariha Farooqui /Getty Images
  • Reuters / Amit Dave