• Il possibile interno della futura stazione spaziale di Axiom. Axiom Space

Chiunque può diventare un astronauta

I requisiti per diventare astronauta sono diventati meno stringenti con l'affermarsi delle missioni spaziali civili. Ma come ci si prepara oggi per andare nello spazio?

di Neel V. Patel 25-03-21
Nel suo libro del 1979, La stoffe giusta, Tom Wolfe ha descritto i "giusti attributi" degli astronauti, ossia la necessità che fossero in ottima forma fisica e mentale per resistere ai rigori e ai pericoli dei viaggi nello spazio. Ai tempi delle missioni Apollo, si doveva essere un pilota esperto per avere possibilità di entrare nel programma. Ma, oggi, lo sviluppo dei viaggi spaziali commerciali offre opportunità anche agli astronauti non professionisti.

I prossimi anni vedranno una serie di missioni  per i non astronauti. Questo autunno SpaceX prevede di lanciare Inspiration 4, la prima missione nello spazio con equipaggio interamente civile, sulla sua navicella spaziale Crew Dragon. A questo seguirà Ax-1, una missione congiunta gestita da SpaceX e Axiom Space, un’azienda che vuole lanciare la prima stazione spaziale privata al mondo. Ax-1 dovrebbe portare quattro persone sulla Stazione Spaziale Internazionale per un periodo di 8-10 giorni all'inizio del 2022.

Nello stesso anno SpaceX prevede di portare altri quattro privati cittadini nello spazio in una missione guidata dall’impresa di turismo spaziale Space Adventures. E poi c'è la missione di alto profilo  #dearMoon, in cui il miliardario Yusaku Maezawa pagherà un veicolo della nave stellare per portare lui e un gruppo di una decina di persone in un viaggio intorno alla luna nel 2023.

Nel frattempo, aziende come Virgin Galactic e Blue Origin pianificano di eseguire viaggi molto meno costosi nello spazio suborbitale, consentendo ai clienti di sperimentare la microgravità e una visione della Terra per alcuni minuti. Alla fine Virgin Galactic prevede di eseguire più di 400 voli all’anno, un mix di viaggi turistici e missioni per scienziati che conducono esperimenti e ricerche in condizioni di microgravità. Tutte queste nuove opportunità ci faranno ripensare a cosa significa l'addestramento degli astronauti. E chiunque potrà andare nello spazio, se è abbastanza ricco. 

Una nuova era

Una volta, preparare un lancio era un processo che richiedeva due anni. I primi astronauti selezionati per il programma Mercury dovevano essere piloti collaudatori militari con titoli di studio universitari e 1.500 ore di volo alle spalle. Dovevano anche avere meno di 40 anni e non superare il metro e 80. I programmi Gemini e Apollo sono stati aperti ai candidati civili, hanno innalzato la barriera di altezza a 1 metro e 83, hanno accolto candidati solo sotto i 35 anni e hanno posto maggiore enfasi sul background educativo. 

Come parte della formazione per questi programmi, le reclute dovevano prendere lezioni di scienza dei missili e ingegneria dei veicoli spaziali, imparare le procedure mediche e seguire corsi per parlare in pubblico e intrattenersi con i media. Inoltre, era previsto addestramento aereo, a terra e sott'acqua progettato per preparare fisicamente e mentalmente gli astronauti per lo stress e le esperienze che stavano per affrontare.

Anche solo un paio di decenni fa, avevi bisogno di una storia clinica "pulita" per essere preso in considerazione per l'addestramento della NASA. "Bastava dire di avere occasionalmente mal di testa per perdere punti", afferma Glenn King, direttore dell'addestramento ai voli spaziali presso il National Aerospace Training and Research (NASTAR), che ha formato oltre 600 persone per missioni orbitali e suborbitali gestite da aziende come Virgin Galactic. 

Le generazioni future di astronauti privati non dovranno dimostrare di possedere tutti questi requisiti. La FAA ha elaborato linee guida di sicurezza non stringenti per l’addestramento degli astronauti. Ora sta davvero alle aziende affrontare le cose come meglio credono. "Siamo di fronte a un cambiamento di paradigma nell'addestramento spaziale", afferma King. "Il settore privato sta guardando a tutti i cittadini che hanno il desiderio e la possibilità economica di volare nello spazio".

"Oggi, per essere un astronauta della NASA, non è necessario essere perfetti", afferma Derek Hassmann, direttore delle operazioni e della formazione per Axiom Space. I requisiti fisici richiesti dall'agenzia sono meno vincolanti di quanto lo siano mai stati in precedenza. Le aziende private hanno preso spunto dalla NASA. King afferma che il Centro NASTAR ha già iniziato ad addestrare alcuni astronauti privati con disabilità (come ha intenzione di fare anche l’Agenzia spaziale europea). 

Uno dei membri confermati dell'equipaggio di Inspiration 4 è Hayley Arceneaux, un assistente medico di 29 anni all'ospedale di St. Jude che è sopravvissuto al cancro osseo da bambino. L sua terapia includeva una dozzina di cicli di chemioterapia e il posizionamento di un'asta in titanio nel suo femore sinistro, ma tutto questo non le impedirà di andare nello spazio quest'autunno.

Gli altri due viaggiatori di Inspiration 4 saranno selezionati attraverso una lotteria e un concorso imprenditoriale. Le persone che si sono iscritte alla lotteria hanno dovuto attestare di essere alte meno di 1 metro e 84 e di pesare meno di 115 kg. Il CEO di SpaceX Elon Musk ha paragonato un viaggio in orbita a "un'intensa corsa sulle montagne russe" e afferma che chiunque sia in grado di sostenerla "dovrebbe andare bene per volare su Dragon". 

L’affermazione sembra decisamente disinvolta. Quando un razzo gigante ti spinge fuori dall'atmosfera terrestre, si sperimentano forze G elevate per diversi minuti che faranno vibrare il tuo corpo senza sosta, e probabilmente non sarai in grado di fare altro che rimanere legato con i denti serrati. Ma per la maggior parte, ciò che aziende come la NASA, Axiom e altre considerano pericolose sono situazioni come l'aritmia che potrebbe causare insufficienza cardiaca o l'ipertensione che mette a rischio elevato di aneurisma cerebrale. 

Questi non sono problemi che si possono affrontare nello spazio, il che potrebbe significare gravi complicazioni o morte. "Se c'è qualche tipo di condizione medica che potrebbe causare la malattia o l'incapacità di un membro dell'equipaggio in orbita, è meglio prevenire situazioni pericolose", dice Hassmann, “ma se i medici di volo ritengono che tali rischi possano essere adeguatamente affrontati prima del volo, non c’è ragione di opporsi”. 

L'allenamento di oggi 

Nel giugno 2019, la NASA e i suoi partner hanno annunciato che la ISS sarebbe stata aperta alle visite di privati cittadini. Per Axiom, è stata l'occasione per i suoi astronauti di imparare cosa vuol dire viaggiare nello spazio e vivere e lavorare in una stazione spaziale orbitale, simile a quella che lancerà nel 2024.  

"Queste missioni ci consentiranno di capire di cosa avremo bisogno per la stazione di Axiom", afferma Hassmann. La missione Ax-1 sarà guidata dall'ex astronauta della NASA Michael López-Alegría. Al suo seguito ci saranno tre uomini d'affari: l’israeliano Eytan Stibbe, lo statunitense Larry Connor e il canadese Mark Pathy. 

López-Alegría farà il suo quinto viaggio nello spazio. Ha fatto anni di addestramento professionale per astronauti sotto la NASA. Gli altri tre, che stanno pagando 55 milioni di dollari per il biglietto, sono dei neofiti dello spazio, anche se Stibbe è un ex pilota di caccia e Connor (che ha 71 anni) si è addestrato come pilota privato.  Tutti e tre inizieranno l'addestramento da sei a sette mesi prima del lancio. Gli appaltatori della NASA insegneranno loro come vivere e lavorare sulla ISS, eseguendo esercitazioni su come rispondere alle emergenze come una perdita di pressione in cabina. 

Alcune strutture della NASA e altrove possono simulare come cosa avviene in una camera decompressa, ma gran parte di questa formazione è per assicurarsi che gli astronauti siano abituati alle normali attività nel loro nuovo habitat. Si imparerà a preparare i pasti, lavarsi i denti, usare il bagno e prepararsi per andare a letto. Ci vorrà ancora del tempo per adattarsi alla microgravità, ma la transizione sarà più agevole.

"Si tratta di cose semplici che sono molto diverse quando si è in condizioni di microgravità", afferma Hassmann. “Ho lavorato con molti astronauti della NASA nel corso degli anni e tutti parlano di questo periodo di adattamento, fisicamente ed emotivamente, quando arrivano per la prima volta nello spazio. Il nostro equipaggio è impegnato solo in una missione di 10 giorni. Quindi è nell'interesse di tutti prepararli il più possibile sul campo, in modo che si adattino rapidamente e apprendano cose che sono importanti per loro".

L'equipaggio dell'Ax-1 sarà addestrato per questo ambiente al Johnson Space Center, dove la NASA ha un modello completo degli interni della ISS. Andranno anche su voli parabolici che simulano l'assenza di gravità. In futuro, Axiom vuole spostare questo tipo di formazione internamente e centrarlo specificamente sull'ambiente della stazione spaziale dell’azienda. Altri centri di formazione, come NASTAR, gestiscono strutture per centrifughe umane che espongono i tirocinanti alle elevate forze g che si sperimentanoe durante il lancio e il rientro.

La seconda parte dell'addestramento dell'Ax-1 mirerà a familiarizzare gli astronauti con la navicella spaziale Crew Dragon, che li porterà sulla ISS. Si abitueranno a cosa vuol dire sedersi all'interno, interagire con i pannelli che controllano la funzionalità e monitorano i dati e così via. Questi aspetti sono gestiti da SpaceX principalmente nelle sue strutture a Hawthorne, in California. 

Crew Dragon lavora per lo più in modo autonomo, quindi i membri dell'equipaggio dovranno intraprendere da soli poche azioni dirette. Ma se qualcosa va storto, devono essere preparati a intervenire. Sull'Ax-1, López-Alegría e Connor fungeranno rispettivamente da comandante e pilota per la missione e guideranno il volo verso la ISS. Avranno bisogno di avere più familiarità con il funzionamento di Crew Dragon.

Circa un mese prima del lancio, l'addestramento si sposterà in Florida, più vicino alla rampa di lancio. L'equipaggio eseguirà una serie di prove per quello che sarà il giorno del lancio, oltre a prepararsi a cosa li aspetterà al rientro di Crew Dragon nell’oceano terrestre.

Infine, c'è l'addestramento specifico per la missione, condotto da Axiom. Ogni membro dell'equipaggio avrà diversi compiti da svolgere mentre si trova sulla ISS: esperimenti scientifici, interventi sui social media, attività pubblicitarie e altro ancora. "Abbiamo un gruppo qui in Axiom che lavora con ciascuno dei membri dell'equipaggio per progettare il proprio piano orbitale", afferma Hassmann. "Molte volte queste persone non sanno cosa possono fare lassù".

Questo non differisce molto da ciò che fa la stessa NASA, ma è compresso in un lasso di tempo molto più breve, senza un'istruzione globale sul volo spaziale. E alla fine, Axiom spera di eseguire la maggior parte di questa formazione da sola, senza alcuna assistenza da parte della NASA.

Cambiamenti all'orizzonte

Il regime di addestramento a cui saranno sottoposti gli astronauti di Axiom è meno intenso di quello per gli astronauti della NASA, ma rimane piuttosto impegnativo. Ma poiché il volo spaziale privato diventa più comune, l'addestramento degli astronauti dovrebbe essere portato avanti in un clima più rilassato. Questo sarà in gran parte grazie a veicoli spaziali  che fondamentalmente volano da soli, nel senso che non ci sono tanti sistemi con cui deve interagire chi è a bordo. "Mi aspetto che la formazione continui a evolversi e diventare più efficiente", afferma Hassmann.

Ciò significa anche dedicare più tempo alla formazione delle persone per attività e obiettivi molto specifici durante la missione, come l'esecuzione di un certo esperimento scientifico o la registrazione di un video. "I programmi di formazione si sono evoluti per coprire le esigenze che non erano precedentemente presenti nell'addestramento degli astronauti", afferma Beth Moses, l'istruttore capo astronauta di Virgin Galactic. 

Questi presupposti dovrebbero incoraggiare un'altra tendenza importante: il periodo di formazione sempre più breve. "In questo momento stiamo iniziando ad abbandonare il vecchio paradigma dei due anni di addestramento in stile NASA per qualificarci come astronauta", dice King. “Penso che il settore commerciale possa ridurlo a giorni di formazione". La situazione sarà questa, se aziende come Virgin Galactic e SpaceX si impegnano seriamente a condurre decine o centinaia di missioni con equipaggio nello spazio ogni anno.

6 passaggi per gli astronauti privati:

1. Ottenere un biglietto per lo spazio: con  ogni probabilità questo significherà spendere decine di milioni di dollari per un posto in una missione, ma con un po’ di fortuna si potrebbe essere selezionati per qualcosa come la missione SpaceX Inspiration 4.
2. Superare lo screening sanitario:  non c’è più la condizione fisica perfetta, ma ogni azienda continuerà a testare i candidati per verificare un'adeguata salute fisica e mentale. Se si soffre di un disturbo cardiaco, probabilmente non si verrà accettati. 
3. Abituarsi allo spazio:  ciò può includere viaggiare su voli parabolici che simulano l'assenza di gravità, essere esposti alle forze g attraverso le strutture di centrifughe umane e capire come svolgere semplici attività quotidiane nello spazio, come dormire, mangiare e usare il bagno. 
4. Simulare situazioni di emergenza:  molte cose possono andare storte nello spazio, come una perdita di pressione nella cabina o essere costretti ad interrompere la missione e tornare sulla Terra con breve preavviso. Tutti hanno bisogno di imparare quali sono i loro ruoli in caso di crisi.
5. Approfondire cosa si va a fare nello spazio: i  centri di formazione lavoreranno con i clienti per capire che tipo di attività potrebbero svolgere e fornire istruzioni su come portare avanti tali attività. Uno scienziato potrebbe voler imparare a eseguire un esperimento. Un turista può imparare a trasmettere video in streaming in diretta ai follower sulla Terra. 
6. Prepararsi per il grande giorno: infine, gli astronauti privati devono provare come è il giorno del lancio e assicurarsi di essere pienamente consapevoli di ciò che accade e di ciò che devono fare se i piani cambiano. 

(rp)