• John Hennessy, presidente della Stanford University.
Chi dice no, o quasi, ai MOOC
Proseguiamo la nostra inchiesta sui MOOC con il presidente della Stanford University, John Hennessy, il quale avanza seri dubbi sul fatto che l’apprendimento on-line possa integrarsi alla didattica tradizionale e fornire nuove motivazioni agli studenti. L'inchiesta integrale si può leggere sull'ultimo fascicolo (6/15) di MIT Technology Review Italia.
di MIT Technology Review 13-11-15
John Hennessy, il presidente della Stanford University, ha un background che farebbe pensare a lui come uno dei più convinti sostenitori della educazione on-line. É entrato a Stanford nel 1977 come professore di ingegneria elettrotecnica, ha successivamente fondato un’azienda d’informatica e resta attivo nell’area di Silicon Valley in qualità di membro del consiglio di amministrazione di Google. Invece Hennessy è sorprendentemente prudente sull’educazione on-line e sui MOOC in particolare. L’insegnamento tradizionale ha dei punti di forza difficilmente replicabili, tra cui annovera la capacità dell’insegnante di motivare gli studenti e di valutarne il livello di padronanza dei contenuti.