• Rappresentazione artistica della Starliner in orbita. Boeing / NASA

Boeing ci prova di nuovo

Sconvolta da un volo di prova fallito nel dicembre del 2019, l’azienda sta puntando le sue ambizioni spaziali commerciali su un secondo tentativo di raggiungere la ISS.

di Neel V. Patel 01-08-21
Il 20 dicembre del 2019 doveva essere un momento fondamentale per il programma e l'industria spaziali statunitensi, Boeing in particolare. L’azienda è partner della NASA sin dall'inizio dell'agenzia nel 1958 e ha contribuito alla costruzione delle capsule che hanno portato gli astronauti dell'Apollo sulla Luna, allo space shuttle e al funzionamento della Stazione Spaziale Internazionale.

Quel giorno, Boeing stava lanciando il suo nuovissimo veicolo spaziale CST-100 Starliner sulla ISS in una missione dimostrativa senza equipaggio. Insieme a Crew Dragon di SpaceX, Starliner era destinata a diventare l'opzione di riferimento della NASA per il trasporto di astronauti da e verso l'orbita terrestre. 

Ma non è andata così. Starliner è arrivata nello spazio, ma un problema tecnico del computer ha ridotto le possibilità della navicella di raggiungere effettivamente l'ISS. Sebbene sia tornata sulla Terra intera un paio di giorni dopo, non era chiaramente pronta per le missioni umane.  Boeing sta per riprovare quella missione ad alto rischio. Il 3 agosto, Orbital Flight Test 2, o OFT-2, invierà nuovamente Starliner alla ISS. L'azienda non può permettersi un altro fallimento.

"C'è in gioco la credibilità dell’azienda", afferma Greg Autry, esperto di politica spaziale presso l'Arizona State University. "Niente è più visibile dei sistemi spaziali che fanno volare gli umani". Il pomeriggio del 30 luglio è stato molto difficile. Dopo che il nuovo modulo Nauka multiuso da 23 tonnellate della Russia è attraccato alla ISS, ha attivato i suoi propulsori inaspettatamente e senza comando, spostando la ISS fuori dalla sua posizione corretta e normale in orbita. 

La NASA e la Russia hanno risolto il problema e le cose si sono stabilizzate in meno di un'ora, ma non sappiamo ancora cosa sia successo ed è snervante pensare a cosa sarebbe potuto succedere. L’incidente è ancora allo studio e ha costretto la NASA a posticipare il lancio dello Starliner dal 31 luglio al 3 agosto. È proprio questo quasi disastro che Boeing vuole evitare, per OFT-2 e qualsiasi futura missione con persone a bordo.

Come Starliner è arrivata a questo punto?

La chiusura del programma dello space shuttle nel 2011 ha dato alla NASA la possibilità di ripensare al suo approccio. Invece di costruire un nuovo veicolo spaziale progettato per viaggiare nell'orbita terrestre bassa, l'agenzia ha scelto di aprire opportunità al settore privato come parte di un nuovo programma commerciale per l'equipaggio. Ha assegnato contratti a Boeing e SpaceX per costruire i propri veicoli con equipaggio: rispettivamente Starliner e Crew Dragon. La NASA comprerebbe voli su questi veicoli e concentrerebbe i propri sforzi sulla costruzione di nuove tecnologie per le missioni sulla Luna, su Marte e altrove. 

Entrambe le aziende hanno subito ritardi nello sviluppo e per nove anni l'unico modo della NASA per raggiungere lo spazio è stato consegnare milioni di dollari alla Russia per i posti nelle missioni Soyuz. SpaceX ha finalmente inviato gli astronauti nello spazio nel maggio 2020 (seguito da altre due missioni con equipaggio da allora), ma Boeing è ancora in ritardo. 

Il suo volo del dicembre del 2019 avrebbe dovuto dimostrare che tutti i suoi sistemi funzionavano e che era in grado di attraccare con la ISS e tornare sulla Terra in sicurezza. Ma un problema tecnico con il suo orologio interno ha  causato l'esecuzione prematura di una accensione critica, rendendo impossibile l'attracco alla ISS.

Una successiva indagine ha rivelato che un secondo problema tecnico  avrebbe indotto Starliner ad attivare i suoi propulsori nel momento sbagliato durante la sua discesa sulla Terra, il che avrebbe potuto distruggere la navicella spaziale. Questo problema tecnico è stato risolto poche ore prima che Starliner tornasse a casa. I problemi software non sono insoliti nello sviluppo di veicoli spaziali, ma sono cose che Boeing avrebbe potuto risolvere in anticipo con un migliore controllo della qualità  o una supervisione più accurata della NASA.

Boeing ha avuto 21 mesi per risolvere questi problemi. La NASA non ha mai richiesto un altro test di volo Starliner; Boeing ha deciso di rifarlo e pagare da sola il conto da 410 milioni di dollari. "Mi aspetto che il test vada alla perfezione", afferma Autry. "Questi problemi riguardavano i sistemi software e dovrebbero essere facilmente risolvibili".

Qual è la posta in gioco

Se la navicella dovesse riscontrare un'altra serie di problemi software, il rapporto di Boeing con la NASA diventerebbe molto complicato. Anche un guasto catastrofico per altri motivi sarebbe negativo, ma lo spazio è imprevedibile e anche piccoli problemi difficili da controllare possono portare a risultati esplosivi. Potrebbe essere più perdonabile.

Se il nuovo test non avrà esito positivo, la NASA continuerà a lavorare con Boeing, ma un nuovo volo "potrebbe richiedere un paio di anni di pausa", afferma Roger Handberg, esperto di politica spaziale dell'Università della Florida centrale. “La NASA probabilmente utilizzerà SpaceX per i suoi voli, svantaggiando ulteriormente Boeing”.

L’azienda ha bisogno che OFT-2 vada bene per ragioni che vanno oltre il semplice adempimento del suo contratto con la NASA. Né SpaceX né Boeing hanno costruito i loro nuovi veicoli per svolgere missioni ISS: ognuna di loro aveva ambizioni più grandi. "C'è una domanda per l'accesso allo spazio da parte di  individui facoltosi, che è iniziata dai primi anni 2000, quando molti hanno volato sulla Soyuz russa", afferma Autry. "C'è anche un business molto forte nell’offrire questi servizi ai paesi che non sono pronti a costruire i propri veicoli".

SpaceX si rivelerà una concorrenza molto agguerrita. Prevede missioni private in proprio e con Axiom Space per i prossimi anni. Ne arriveranno sicuramente altre, soprattutto perché  Axiom, Sierra Nevada e altre aziende hanno in programma di costruire stazioni spaziali private per i visitatori paganti. 

Il problema più grande di Boeing è il costo. La NASA sta pagando all’azienda 90 milioni di dollari per posto per far volare gli astronauti sulla ISS, contro i 55 milioni di dollari per posto su SpaceX. "La NASA può permetterseli perché dopo i problemi con lo shuttle, l'agenzia non voleva diventare dipendente da un singolo sistema di volo: se si rompe, si ferma tutto", afferma Handberg. Ma è probabile che i privati cittadini e altri paesi preferiscano l'opzione più economica e più esperta.

Boeing potrebbe puntare sulla sua buona rete di relazioni. Sta costruendo il booster principale per il sistema di lancio spaziale da 20 miliardi di dollari e oltre, destinato a diventare il razzo più potente al mondo. Ma i costi elevati e gli enormi ritardi lo hanno trasformato in un parafulmine per le critiche. Nel frattempo, alternative come Falcon Heavy e Super Heavy di SpaceX, New Glenn di Blue Origin e Vulcan Centaur di ULA sono emerse o dovrebbero debuttare nei prossimi anni. 

Nel 2019, l'ispettore generale della NASA ha esaminati potenziali frodi nei contratti Boeing per un valore di 661 milioni di dollari. Inoltre, l’azienda è al centro di un’indagine criminale che  coinvolge una precedente offerta per un contratto per un lander lunare. Se c'è mai stato un momento in cui Boeing può dimostrare il suo valore per il programma spaziale degli Stati Uniti, è la prossima settimana.

(rp)