Biopark in Africa
Il concetto di Hub tecnologico in Africa si è evoluto in un'operazione di networking internazionale.
di Alessandro Ovi 29-11-20
In Africa il concetto tradizionale di hub per le scienze della vita è oggi superato dalla difficoltà di reperire nella stessa località le risorse necessarie a realizzarne uno. Distanze, economie sotto critiche degli stati, rendono più conveniente il concetto di Networking Hub.

La filosofia vincente pare quindi quella di attivare e gestire una rete di scambio di informazioni ed esperienze tra i migliori centri esistenti, a loro volta spesso parte di un progetto di ‘networking internazionale’. Oggi, l'unico esempio di vero e proprio Hub è il Mauritius Biopark.

Al centro di questa rete, la responsabilità di garantire il livello qualitativo delle conoscenze spetta, in una modalità unica al mondo, all'Accademia Africana delle e scienze AAS e, in particolare, a Isayvani Naicher, suo direttore generale con i compiti specifici di Strategie e Rapporti Internazionali.

Di seguito, alcuni esempi degli esempi più significativi.

The African Academy of Sciences (AAS)
L'organizzazione panafricana con sede a Nairobi, in Kenya, riconosce gli specialisti che hanno raggiunto il più alto livello di eccellenza nel loro campo di competenza e hanno contribuito al progresso del campo nel continente.

Questi individui sono riconosciuti in base al merito e designati come Fellows of the Academy. Esistono attualmente circa 340 Fellows AAS e Associate Fellow, leader comprovati in scienza, tecnologia e innovazione, consulenti politici e di pensiero, la maggior parte dei quali vive e lavora in tutto il continente.

L'Accademia offre premi, finanzia ricerche rilevanti per le sfide dell'Africa e lavora con i responsabili politici per sviluppare strategie scientifiche in linea con le sue tre aree focali: riconoscimento dell'eccellenza; implementare programmi di scienza, tecnologia e innovazione e fornire funzioni di think tank.

Le sei aree prioritarie di scienza, tecnologia e innovazione dell'AAS sono il cambiamento climatico; salute e benessere; STEM (scienza, tecnologia, ingegneria e matematica); acqua e servizi igienici; sicurezza alimentare e benessere nutrizionale ed energia sostenibile.

Il suo ruolo Istituzionale in Africa e il livello di Eccellenza dei suoi Fellows consentono alla AAS di svolere il ruolo di Networking che veste l'organizzazione delle funzioni di un Hub in cui sono raccolti centri molto distanti tra loro.

The Uganda Biosciences Information Center (UBIC)
Il centro UBIC è dedicato alla diffusione di informazioni sulle innovazioni biotecnologiche e sui progressi nel settore agricolo.
Il recente progresso della biotecnologia ha portato molti paesi con abbondanti risorse a promuovere servizi sanitari e agricoli.

Abbracciare questo movimento di innovazione ha portato l'Uganda a migliorare in modo significativo la sua crescita economica e lo sviluppo del paese. In tal modo, l'Uganda progredisce per avere un vantaggio nella crescita di un'economia di bio-risorse grazie alle ricche risorse del paese.

Il progresso costante della biotecnologia in Uganda ha portato a un miglioramento dell'agricoltura, della gestione dei rifiuti tossici e della diagnostica e dei trattamenti medici. Il miglioramento continuo dipende dal sostegno del governo al campo della scienza e della tecnologia.

Institute of Biotech University of Addis Abeba
La formazione universitaria in scienze della vita è iniziata presso l'Università di Addis Abeba nel Dipartimento di Biologia nell'anno accademico 1978/79, con il lancio di due programmi di Master, in Botanica ed in Zoologia.

Dall'avvio iniziale dei programmi, la capacità di insegnamento e ricerca del Dipartimento è gradualmente aumentata, consentendo così un espansione dei suoi programmi di laurea su sette aree di specializzazione a livello di Master e quattro aree di specializzazione a livello di dottorato.

Per rafforzare ulteriormente la sua formazione post-laurea e le attività di ricerca fino a raggiungere il campo della biotecnologia, il Dipartimento ha avviato, negli anni '80 e '90, programmi di ricerca e formazione congiunti in biotecnologia con le università svedesi. Attraverso questi programmi congiunti, i membri della facoltà hanno approfondito la propria formaizone nel campo della biotecnologia agricola e industriale. Ciò ha permesso l'apertura della Biotechnology Program Unit (BTPU), che ha iniziato offrendo una formazione di livello MSc nel 2006 come unità indipendente dal Dipartimento di Biologia.

Per fornire biotecnologi di talento e competenti alle istituzioni e ai programmi di nuova costituzione, l'Università di Addis Abeba ha ritenuto necessario istituire l'Istituto di biotecnologia, che conduce ricerche di alto livello e gestisce programmi di master e dottorato. La proposta si è rivelata fondamentale sia di fronte alla crescente domanda delle parti interessate nel settore della biotecnologia, sia per rispondere al crescente interesse e tra le diverse istituzioni nazionali.

Si ritiene inoltre che la biotecnologia sia un importante campo di studio scientifico che offre un immenso potenziale per padroneggiare le problematiche relative ad agricoltura, industria, salute e ambiente del paese e risolvere i suoi problemi endogeni. Inoltre, consente il trasferimento di tecnologie collaudate in vari settori della biotecnologia e fornisce un terreno fertile per la biotecnologia del settore privato come motore per capitalizzare le grandi risorse genetiche che il paese ospita.

The International Centre for Genetic Engineering and Biotechnology (ICGEB)
Istituito sotto l'egida dell'UNIDO nel 1983, l'ICGEB è un'organizzazione intergovernativa unica, autonoma, con laboratori biotecnologici in Italia, India e Sud Africa (Cape Town). Si propone di operare come centro di eccellenza per la ricerca, la formazione e il trasferimento tecnologico all'industria per promuovere lo sviluppo globale sostenibile. Fornisce un ambiente scientifico di alto livello internazionale per la ricerca avanzata e l'istruzione e per lo sviluppo di prodotti biotecnologici per oltre 60 Stati membri.

In collaborazione altre organizzazioni multilaterali, il ICGEB diffonde in tutto ilm mondo informazioni relative a biosicurezza e bioetica, promuove la sensibilizzazione e l'impegno pubblico per sostenere l'informazione scientifica e migliorare la qualità della vita.

Il centro privilegia la ricerca nel campo di: malattie infettive, malattie non infettive, biotecnologia medica, industriale e vegetale.

Il centro ICGEB di Trieste è stato uno dei protagonisti del La Notte dei Ricercatori italiana tenutasi il 27 Novembre 2020, un evento organizzato in 13 città in tutta Italia per la Notte Europea dei Ricercatori. I centro ha aperto online i laboratori della sede di Trieste, offrendo la possibilità di interagire anche con il proprio staff.

The Institute for Biotechnology Research (IBR),
presso la Jomo Kenyatta University of Agriculture and Technology (JKUAT) in Kenya.
L'istituto sta attualmente ammettendo studenti da tutta l’Africa con le qualifiche necessarie a perseguire Master in Corsi di Biotecnologie e Dottorato di Ricerca in Biotecnologie. Gli argomenti trattati approfondiscono la ricerca nel campo delle risorse idriche, energetiche ed ambientali, nonché agricole.

The Kenya Biotechnology Information Center (KEBIC)
Il centro del KC raccoglie i centri di informazione sulla biotecnologia o BIC. Rispondono a specifiche esigenze di informazione, promuovono una più ampia comprensione da parte del pubblico della biotecnologia delle colture e monitorano l'ambiente agri-biotech locale. Ci sono 19 nodi nazionali/regionali pienamente operativi in tre continenti

(lo)