Attribuiti alla chirurgia robotizzata 144 decessi a partire dall'anno 2000
Secondo un nuovo studio sul tasso di mortalità durante procedure mediche che coinvolgono strumentazioni e tecniche robotiche, l’impiego di robot nella chirurgia è ben lontano dalla perfezione.
econdo registri tenuti dalla U.S. Food and Drug Administration, chirurghi robotici sarebbero coinvolti nel decesso di 144 persone dal 2000 al 2013. Alcune pratiche di chirurgia robotica sono poi più pericolose di altre: il tasso di mortalità in caso di operazioni alla testa, al collo o cardiotoraciche è di 10 volte superiore rispetto ad altre forme di chirurgia.