OSSA SONORE
di 21-09-04
Un nuovo apparecchio potrebbe semplificare e migliorare le diagnosi di osteoporosi, consentendo ai medici di diagnosticare e curare anticipatamente questa malattia invalidante. Circa 10 milioni di americani soffrono di osteoporosi, che porta a una fragilità delle ossa. Tuttavia, se riconosciuto nella fase iniziale, il deterioramento causato dalla malattia può essere bloccato in molti pazienti, aiutando a prevenire le fratture. Le attuali tecniche diagnostiche permettono ai medici solamente di misurare la densità ossea, che si correla in modo imperfetto con la reale resistenza dell'osso. Creato da un gruppo di bioingegneri della Rice University, il nuovo esame determina direttamente la resistenza e l'integrità strutturale dell'osso. Poggiato sulla pelle, l'apparecchio OsteoSonic emette un'ampia serie di frequenze acustiche e poi analizza le onde riflesse dall'osso. Le singole risposte acustiche sono indice di diverse proprietà dell'osso e ne mostrano la resistenza o la presenza di fratture. Modificazioni nell'integrità ossea "si possono cogliere anticipatamente", dice Michael Liebschner, che è alla guida del gruppo della Rice. Il nuovo esame dovrebbe essere anche più economico di quelli attuali a scansione, che costano centinaia di dollari e devono essere effettuati in laboratori specialistici. "Un medico di famiglia può esaminare un paziente nel suo studio, quando vuole", aggiunge Liebschner, che ha già compiuto i primi test dell'apparecchio in numerosi ospedali e cliniche nel Texas Medical Center. Insieme al suo gruppo di lavoro Liebschner sta dando vita a un'azienda per commercializzarlo; egli spera di ottenere l'approvazione regolamentatrice entro 3-5 anni.