Le mappe della censura
di Clark Boyd 30-10-07
La censura on line è cresciuta in questi ultimi anni sia in diffusione, sia in ampiezza e in sofisticazione. Queste mappe, basate su uno studio compiuto da un consorzio accademico, descrivono fino a che punto le nazioni bloccano o limitano l'accesso a contenuti Internet che spaziano dal dissenso politico alla pornografia. «Nel corso degli ultimi cinque anni, siamo passati da pochi luoghi dove esistevano sistemi di filtraggio gestiti dagli stati, a più di due dozzine» dice John Palfrey, direttore esecutivo del Berkman Center for Internet and Society alla Harvard Law School.