Le biotecnologie si affidano alla nanoelettronica
Le proteine diventano una versatile piattaforma per la produzione di cavi sottili
di Erika Jonietz 08-12-03
Per acquisire sempre maggiore velocità, l'elettronica deve rimpicciolirsi a livelli di nanoscala. Ma produrre fili e commutatori così piccoli non è un'impresa facile. Le molecole biologiche, con la loro capacità di autoassemblarsi, offrono un approccio promettente. In una ricerca condotta all'Università di Chicago, gli scienziati hanno manipolato delle proteine per formare nuclei di fili dorati della dimensione di solo 80 nanometri.