Crowdsourcing
L'oscillazione del Web tra il loisir e il mercato.
di Vincesco Susca 22-01-09
Serve un'informazione rispetto a ciò che è realmente accaduto durante una manifestazione? Un consiglio medico? Una fotografia accattivante? La giusta citazione da inserire in un articolo? Un giorno ci saremmo rivolti agli specialisti, spostandoci fisicamente verso i loro uffici e sostenendo il costo della consultazione. Oggi, a partire da una comoda scrivania, un paio di click ci proietta gratuitamente o low cost nel più vasto serbatoio di segni e informazioni mai esistito nella storia: il Web, dove è possibile trovare una risposta ai quesiti più complicati in modo immediato, personalizzato ed economico. è il caso del sito Innocentive.com, un laboratorio americano colossale di problem solving che incrocia una sterminata gamma di offerte e domande mirate a risolvere in modo pertinente problemi di ogni tipo. Craiglist.com ha invece da tempo amplificato e globalizzato il meccanismo degli storici giornali come "Porta Portese" ove, tramite la differenziazione delle categorie, traboccavano fiumi di annunci di richieste o proposte. Un sito come questo, o come Kijiji.com, rende obsoleto tale modello liquidando la mediazione editoriale, semplificando la ricerca e garantendo il collegamento diretto degli utenti in ogni zona del mondo.