BLOCCHETTO DIGITALE DI APPUNTI
di 08-03-04
Per progettare nuovi congegni e programmi, gli ingegneri devono trasferire i loro abbozzi creativi iniziali dalla carta al software di progettazione assistita dal calcolatore, un processo complesso e scomodo. L'informatico Randall Davis, del MIT, è sul punto di eliminare del tutto la fase cartacea con un software in grado di riconoscere e interpretare le forme tratteggiate su una tavoletta digitalizzatrice. Quando un progettista di software disegna, per esempio, un rettangolo, il programma lo individuerà come rappresentante una funzione specifica di programmazione. «Una volta interpretato il disegno, lo si può passare ad altri programmi» che trasformeranno il disegno in un codice schema, spiega Davis. Il vantaggio per i progettisti è che possono rapidamente sperimentare le loro idee per vedere come funzioneranno, prima di trasferire sul computer disegni molto più elaborati. Anche se sta ancora lavorando ai prototipi, Davis guarda già oltre; è impegnato infatti nella costruzione di un tavolo da disegno digitale, la cui superficie appare come quelle delle scrivanie normali, ma è in realtà uno schermo su larga scala di una tavoletta grafica su cui chi disegna può abbozzare i suoi progetti.