Competenze e Competitività
Il Rapporto 2007 di Fondirigenti traccia un identikit delle piccole e media imprese italiane, che appaiono non più arroccate nella difesa delle identità, ma aperte alla prospettiva del cambiamento e del passaggio generazionale.
di Massimiliano Cannata 13-05-08
"L'Italia si trova agli ultimi posti nella classifica dei paesi dell'UE a 15 per capacità innovativa delle imprese industriali, seguita solo da Portogallo e dalla Grecia. Si tratta di una debolezza strutturale che appare ancora più grave se mettiamo in relazione la performance del sistema economico dei diversi contesti geografici con gli indici di innovatività del settore industriale. In un mercato straordinariamente dinamico questo è un problema particolarmente grave. Non esistono rendite di posizione o mercati che potremmo definire statici. Praticare l'innovazione è una regola aurea che vale per tutte le imprese, non solo per quelle hi-tech, ma anche le imprese tradizionali del comparto manifatturiero. Guardiamo a cosa hanno fatto i fondatori di Google: hanno cominciato per gioco, oggi la loro azienda è quotata 200 miliardi di dollari. L'intelligenza creativa unita all'innovazione può fare cose straordinarie".