ENERGIA - Una batteria ai confini della realtà
di Tyler Hamilton 26-04-07
Ma è proprio vero quello che dicono alla EEStor di Cedar Park, in Texas? La misteriosa azienda ha annunciato all'inizio di quest'anno di voler produrre commercialmente un sistema di accumulo elettrico da 15 chilowattora, in grado di far muovere una piccola auto elettrica per 322 chilometri e che richiede solo pochi minuti per ricaricarsi. Il loro primo cliente sarà Zenn Motor di Toronto, un produttore di veicoli elettrici. EEStor afferma che la sua tecnologia è un mix fra una classica batteria e un ultracondensatore (che immagazzina e rilascia velocemente l'energia) ed è basata su una misteriosa polvere di titanato di bario. Alcuni documenti della società affermano che il nuovo sistema di accumulo elettrico ha una densità energetica migliore di quella delle batterie al litio e di quelle a nickel metallo-idruro, che si ricarica più rapidamente e che è più sicuro ed economico. Le implicazioni di queste affermazioni sono enormi e, secondo molti esperti, poco credibili. Ma l'azienda afferma che è tutto vero «Siamo a buon punto nel realizzare quanto abbiamo affermato», dice Richard Weir, cofondatore e direttore esecutivo della EEStor.