World Wide Web oncologico
La banca dati di immagini di tumori ai polmoni apre nuove prospettive alla medicina in rete.
di Tom Mashberg 07-05-06
Per diversi anni medici e ricercatori informatici negli Stati Uniti e altrove hanno provato a migliorare le terapie antitumorali, a partire dalla diagnosi, realizzando vasti database interconnessi, ricchi di informazione sui pazienti. Questi depositi vengono chiamati "reti medicali" (medical grids) e sono realizzati nella speranza che un giorno un medico di Strasburgo o di Nuova Delhi possa scoprire, per esempio, che l'indecifrabile immagine di un polmone di un suo paziente è molto simile a quella del polmone di un malato di San Francisco, la cui anamnesi può aiutare a decidere se compiere o no una biopsia. Questi database in via di formazione includono non solo le storie mediche dei pazienti, compresi dati come le scansioni in risonanza magnetica (MRI) o in tomografia computerizzata (CT), ma anche informazioni sulle risposte ai farmaci.