• Drew Angerer / Getty Images

Ancora un mese per capire Omicron

Il sequenziamento genico ha fornito i primi dati sulla variante, ma sarà necessario osservarne scrupolosamente la diffusione per capirne la pericolosità.

di Antonio Regalado 02-12-21
La scoperta della variante omicron del covid-19 nell'Africa meridionale mostra come il sequenziamento dei geni di un virus possa fornire un avviso precoce sui cambiamenti d'aspetto pericolosi nel suo genoma. Omicron ha più di 30 mutazioni, alcune delle quali sono state precedentemente osservate in altre varianti e si pensa che rendano più veloce la trasmissione virale. Altre sono allarmanti perché i ricercatori non hanno idea di cosa significhino. 

La preoccupazione è che omicron possa contenere un miscela di modifiche a rischio. Ecco perché questa settimana diversi paesi hanno bloccato i viaggi per impedire agli aerei di portare passeggeri dall'Africa. Nonostante questi passaggi, ci vorrà del tempo prima che i ricercatori possano dire se l'omicron è un vero problema. 

"Una cosa davvero importante che si deve tenere a mente in questo momento è che per la comprensione di buona parte della situazione sanitaria non disponiamo ancora di molti dati", afferma Emma Hodcroft, epidemiologa molecolare a Berna che lavora a un database di informazioni genetiche chiamato Nextstrain.

I vaccini funzioneranno ancora?

Il responsabile di Moderna, Stéphane Bancel, ha fatto tremare il mercato azionario quando ha detto al “Financial Time” che i vaccini avrebbero subito un duro colpo dalla variante. Ha anticipa un "calo materiale" nella loro efficacia, aggiungendo che gli scienziati glihanno confidato: "Siamo di fronte a un problema".

Per scoprire effettivamente come funzioneranno gli attuali vaccini, i ricercatori di tutto il mondo sono impegnati a isolare omicron e a far crescere il virus in cellule di laboratorio, esponendolo al plasma sanguigno di persone vaccinate per misurare quanto bene gli anticorpi di quella persona lo bloccano. Altri laboratori utilizzeranno le informazioni genetiche sull'omicron per creare "pseudovirus" che ospitano solo il gene spike della variante, per eseguire test simili.

"Questo modo di procedere è importante per trovare la risposta di cui abbiamo bisogno: gli anticorpi neutralizzano ancora il virus?" afferma Volker Thiel, virologo dell'Università di Berna. "A seconda del livello di difesa, si potrà dire se funziona ancora o no". Questi tipi di test di solito richiedono un paio di settimane per essere eseguiti. Per le varianti passate, come l'alfa, aziende come Moderna e BioNTech hanno pubblicato le risposte dai loro test di laboratorio entro un mese.

Se omicron elude i vaccini, potrebbe significare che aziende come Moderna e BioNTech dovranno riprogettare per la prima volta i loro prodotti di RNA messaggero per riflettere il cambiamento genetico della nuova variante. Potrebbe essere un evento comune con il passare degli anni. In futuro, si avrà probabilmente bisogno di ricevere un richiamo annuale prima dell'arrivo dell'inverno, proprio come accade per l'influenza.

L'omicron si trasmette più facilmente?

La nuova variante si è diffusa ampiamente nella provincia sudafricana di Gauteng, dove si trova Johannesburg, e ormai è comparsa in più di 20 paesi. I ricercatori si chiedono se sia in grado di trasmettersi più velocemente o se ci riesca perché evita l'immunità preesistente, derivante da vaccini o da precedenti infezioni.

E’ difficile testare la trasmissione in laboratorio, quindi questo è un esperimento che avviene nel mondo reale. I ricercatori utilizzeranno i test di sequenziamento per tracciare quale frazione dei casi effettivi di covid-19 che riscontrano è dovuta all'omicron. Se questa percentuale aumenta e se si osserva una crescita simile in paesi diversi, sarà segno che l'omicron viene trasmessa più velocemente.

È quello che è successo con la variante alfa, che è apparsa nel Regno Unito nel 2020. A dicembre di quell'anno, rappresentava una quota crescente di casi britannici e in pochi mesi è arrivata anche a dominare il numero di casi nel resto d'Europa e negli Stati Uniti. Successivamente, l'alfa è stata sostituita dalla delta. Con entrambi questi ceppi, alfa e delta, ci sono voluti circa quattro mesi dal momento in cui è stata rilevata per spiegare la maggior parte dei casi. Se omicron seguirà l'esempio, sarà il ceppo dominante entro marzo o aprile del 2022.

"Quando vediamo un fenomeno di sostituzione, è fortemente indicativo di un vantaggio di trasmissione", afferma Thiel. "Ma se accade solo in un posto, potrebbe essere dovuto al caso. La maggiore diffusione dell'omicron in Sud Africa, da sola, non prova che la variante sia più trasmissibile.

L’acquisizione di prove concrete di una maggiore trasmissibilità potrebbe richiedere un mese o più. Questo perché ci vogliono dai cinque ai sei giorni prima che una persona appena infetta sviluppi abbastanza virus da infettare gli altri. E per capire se l'omicron viene trasmessa più velocemente, i ricercatori dovranno osservare più cicli di infezione e diffusione.

Tale ricerca può essere accelerata se i ricercatori estendono la linea temporale a ritroso sequenziando vecchi campioni. I medici in Nigeria hanno affermato di aver già trovato omicron in un campione di covid-19 conservato in quel paese. Anche le autorità olandesi hanno riscontrato casi di omicron a partire da metà novembre. Questi potrebbero offrire preziosi dati raccolti in precedenza.

Non è solo il virus SARS-CoV-2 che sta cambiando; lo stesso vale per il palcoscenico umano in cui si sta svolgendo la pandemia. Omicron dovrà affrontare condizioni diverse rispetto a qualsiasi altra variante, compresi i paesi in cui quasi tutti sono vaccinati, i paesi che utilizzano vaccini diversi, i luoghi in cui la maggior parte delle persone ha già avuto il covid-19 e le nazioni "zero covid" come la Cina e la Nuova Zelanda. Ciò significa che l'omicron potrebbe prendere piede in alcune aree, ma essere assente in altre.

L' omicron causa malattie più gravi?

Inizialmente, alcuni medici sudafricani hanno affermato che i sintomi causati dalla nuova variante sembravano più lievi, ma poi sono arrivate segnalazioni di più casi in ospedale. In questo momento, nessuno sa se l'omicron causi sintomi peggiori o meno. Il problema è che omicron è così nuova che la maggior parte dei casi ha solo una o due settimane, mentre spesso occorrono diverse settimane perché il covid-19 causi gravi problemi o addirittura decessi. “È troppo presto per dire qualcosa sulla gravità della malattia. Finora, non possiamo davvero dire nulla", afferma Christian Althaus, epidemiologo di Berna.

Per misurare la gravità della malattia, i ricercatori possono esporre animali da laboratorio come topi o scimmie all'omicron, ma le risposte finali arriveranno da dati reali sulle persone, comprese le osservazioni del medico, i registri ospedalieri e il conteggio dei decessi. Se l'omicron provoca una malattia più grave o sintomi diversi, è probabilmente la domanda a cui ci vorrà più tempo per rispondere, probabilmente un paio di mesi.

Con tutta l'incertezza intorno all'omicron e la possibilità che i vaccini siano “bucati”, i ricercatori stanno ribadendo ai cittadini l’adozione di comportamenti che aiutano a contrastare la diffusione di qualsiasi variante: isolamento, distanziamento sociale e l'uso di mascherine. "Non esiste una variante contro la quale questi interventi non funzionano", afferma Thiel. Aggiunge anche che l'omicron è un segno delle cose a venire. “Nei prossimi mesi o anni, la situazione sarà sempre impegnativa a causa delle nuove varianti", spiega, “ma si spera che i mercati azionari non risponderanno con il panico a tutte le varianti. Questo è il futuro e dovremo affrontarlo”.

(rp)