• Tecnologia militare Yoshi Sodeoka
AN41
Una storia futuristica sul rapporto tra guerra, persone e robot.
di Jasper Jeffer 18-11-19
Si possono non sentire i colpi che ti passano vicino. Sicuramente, però, si avvertiva lo sbalzo di pressione ogni volta che un proiettile colpiva il lato opposto del muro. Jack tornò a guardare la sua squadra. Erano nervosi e si tenevano stretti al coperto, ma allungavano il collo in cerca di un'opportunità per rispondere al fuoco.

Qualcosa attirò la sua attenzione a destra. AN41 si stava facendo strada. Si avvicinò, si inginocchiò e sollevò la visiera. Non aveva bisogno del display a realtà aumentata. Lei era robotizzat, come tutti gli altri legionari. Aveva scherzato sul fatto che la visiera schermava i raggi solari meglio degli occhiali da sole. La polvere era accumulata all'esterno della sua armatura, forata da più parti: i punti di impatto erano visibili sulla spalla e sul torace, ma lei non sembrava preoccupata.

Una mitragliatrice pesante iniziò a martellare e il suono inconfondibile dei quadrirotori si udiva dall'alto. Sorrise a Jack e alla squadra, alzò lo sguardo verso la cima della collina e disse: "Ecco il piano".

------------------------------------------------------------------

Quella mattina Jack, mentre era seduto con la sua squadra durante la colazione, era stato chiamato dal sergente di plotone dall'altra parte della stanza.

“Ho bisogno che tu prenda la terza squadra. Ti devo affidare un compito di sicurezza per un Legionario che sale a nord".

I legionari della pattuglia aumentavano lo stress di tutti. La pressione cresceva di fronte a qualsiasi operazione in cui la 3a squadra si mescolasse con i membri della Legione.

Venti minuti dopo, la squadra era al palo della bandiera in formazione completa. Era stato "di guardia" per le missioni dei Legionari due volte prima, ma non era mai stato con loro di pattuglia. Questa volta era diverso. Si trattava del loro primo viaggio a nord verso il confine Donoviano.

Jack alzò lo sguardo mentre un giovane maggiore dell'esercito, multiaccessoriato, con le maniche arrotolate ai polsini e un sorriso luminoso sul suo viso, si avvicinò a loro. Succedeva sempre con i legionari: la loro bellezza era travolgente.

"Sergente Adams, io sono AN41". I legionari si presentavano sempre in questo modo, ma ciò non bastava a far dimenticare che erano quasi del tutto robot.

"Ma la maggior parte del mio equipaggio mi chiama Annie". Lei sorrise e allungò la mano. Jack la strinse.
"Il Quarantuno sarà con voi, signora". Voleva mostrare la massima professionalità.

"Grazie sergente, apprezzo il suo aiuto. Non ci aspettiamo difficoltà particolari, ma una volta entrati in Otso, non fa male sapere di avere qualcuno su cui contare".

Jack sapeva che questi super-soldati non avevano bisogno dell’aiuto della sua squadra, ma apprezzava il gesto. Molti anni prima, il fratello di Jack era stato un legionario. Jack stesso aveva superato l’esame, ma non aveva funzionato. Nel reparto si contavano meno di 200 legionari; la selezione era feroce.

Jack aveva una buona idea delle capacità e del tipo di persone che finivano con il chip. Ne stava guardando tre in quel momento. Proprio dietro l'AN41 c'erano gli altri due legionari della squadra. Erano sempre in tre. E ncora più o dietro, poteva vedere le gambe piegate di tre quadrupedi su un rimorchio trainate dal loro veicolo di supporto. Poteva immaginare cosa c'era dentro i contenitori, e dubitava che quei Legionari avessero bisogno di qualcuno che gli guardasse le spalle.

"Tutto a posto, signora ... Siamo pronti a partire".

La squadra si divise e Jack si diresse verso il veicolo principale. Era stato costruito più per la velocità che per scopi difensivi: un miscuglio tra un camion da cinque tonnellate e un dune buggy, con un minimo di protezione. AN41 stava aggiustando la sua armatura e l'elmetto quando alzò lo sguardo, senza sorridere.

“Jack, mi scuso ... La MENTE mi ha appena trasmesso il suo passato. Volevo farle sapere che suo fratello era una persona fantastica. E’ stato lui a farmi seguire il corso. È davvero un onore conoscere il fratello di un eroe”.

------------------------------------------------------------------

Si era abituato alle macchine senza conducente. Le prime erano una novità, ma era la capacità di collegarle in rete e la conseguente riduzione degli incidenti, che le aveva rese di uso comune. Chi non vuole che i figli siano più sicuri? E se girano un milione di veicoli autonomi e semi-autonomi, chi non vorrebbe un'intelligenza artificiale potente per aiutarli a coordinarli? I sistemi di IA semplici ma su larga scala, decisi dai governi come misura di sicurezza pubblica, caratterizzavano l’ambiente sociale e politico.

Ma le ben intenzionate normative dei governi occidentali avevano creato anche una spinta a "democratizzare" lo sviluppo dell'IA, per ridurre il rischio di un qualsiasi potere politico che la potesse utilizzare come arma. E la democratizzazione l'aveva resa gratuito e disponibile per chiunque.

Ciò aveva creato le condizioni perfette per quelle che tutti chiamano le Guerre Continentali tra Donovia e Otso. Con intelligenze artificiali potenti e disponibili, probabilità e strategie verificabibili all’istante, variabili infinite di piani d'azione avrebbero potuto portare a decisioni azzardate e dalle conseguenze disastrose. Era solo questione di tempo prima che una nazione bellicosa non fosse "indotta" dal suo sistema di IA a fare ricorso alla violenza.

La guerra era arrivata a una situazione di stallo: una lunga zona demilitarizzata era stata creata lungo il "nuovo" confine di Donovia. Nel frattempo, entrambe le parti si scontravano in una zona cuscinetto. Non era una guerra totale, ma coinvolgeva numerose unità.

Durante la fase decisiva del conflitto, gli Stati Uniti avevano imparato a capire i punti di forza e di debolezza dei sistemi collegati alla IA. L'entità IA più potente del mondo, MIND, era la loro. La MENTE doveva rappresentare il meglio dei valori della Repubblica americana. Gli Stati Uniti sapevano che gli umani erano sempre la catena debole del processo decisionale, ma non potevano trasferire del tutto il potere alle macchine. Quindi avevano creato la Legione.

L'idea era semplice. Il modo migliore per garantire che la MENTE non diventasse uno strumento incompatibile con i valori umani era quello di incorporare e fondere la MENTE con gli umani stessi. I soldati costituirono i primi candidati ideali per l'incorporazione della MENTE. Il popolo americano in genere aveva più fiducia nell'esercito che in altre istituzioni politiche.

Alcune persone appositamente selezionate si sarebbe dovuta assumere questa responsabilità e garantire che il potere della MENTE non cadesse in mano alle persone sbagliate. Doveva trattarsi di un'organizzazione militare composta da leader, da individui con un carattere eccezionale. I candidati potevano provenire da qualsiasi luogo - college, dipartimento di stato, organizzazioni no profit o servizi segreti - e venivano scelti sulla base di un delicato processo di selezione che costringeva a decisioni difficili sotto stress.

Il sistema era stato progettato per consentire di valutare i valori morali. I legionari avevano innestato dei dispositivi in rete e le due forze - uomo e macchina - si bilanciavano. Una miscela dell’onniscienza della MENTE e del codice etico della persona che impediva un processo decisionale puramente matematico: questa era la Legione.

L’inserimento dei chip aveva richiesto mesi di chirurgia. Piccole cicatrici attorno alle orecchie di tutti i legionari indicavano un udito aumentato; Jack aveva sentito che adesso avevano anche un miglior senso dell'olfatto. Ma il punto di svolta tecnologico era stata l'integrazione diretta con il cervello umano.

Ovviamente, si doveva sperare che il processo di selezione scegliesse le persone con i giusti valori fondamentali. La possibilità di sbagliare era sempre presente. Si decise quindi di costruire un sistema di sicurezza: solo tre legionari, che agivano di concerto, potevano accedere alle risorse della MIND. Questa forma di controllo riduceva teoricamente il rischio che ogni singolo legionario inseguisse il potere personale o diventasse un servitore inconsapevole della MENTE.

-------------------------------------------------------------------

I veicoli rimbalzarono lungo la strada, ma le sospensioni attive eliminarono il disagio. Tutti istintivamente si inclinavano ancora a destra ea sinistra quando il veicolo si trovava su un terreno difficile, anche se non si sentiva nulla all’interno.

AN41 si voltò a guardare Jack. Non aveva bisogno di guidare, o almeno non guardava la strada. Jack non capiva come, ma sapeva che la MENTE guidava il veicolo e avvertiva l'AN41 di alcuni parametri o cambiamenti ambientali che le richiedevano di riportare gli occhi sulla strada. In realtà, Jack non era nemmeno sicuro di quanto avesse bisogno dei suoi occhi umani. Il veicolo era pieno di sensori di tutte le varietà: visivo, elettromagnetico, radar a corto raggio. Tutti costantemente analizzati e integrati attraverso la MENTE, che allertava l'attenzione umana rispetto a qualsiasi cosa fosse al di sopra di una certa soglia di sospetto.

"Sergente Adams, esaminiamo il piano", disse AN41. "Siamo diretti a nord, appena all'interno dell'area contesa di Otso". Si avvicinò a una mappa e mise in evidenza una posizione nella valle.

“Sappiamo che è in atto un tentativo di interrompere l'attuale cessate il fuoco da parte del nostro avversario. Sappiamo anche che in qualche modo questa valle, questa città in particolare è l’obiettivo principale delle loro ricognizioni”.

I legionari ripetevano spesso: "Lo sappiamo". Significava che la MENTE aveva identificato il posto sulla mappa; in questo caso una città, strategicamente vitale, con una popolazione di meno di 7.500 persone.

"Pattuglieremo con attenzione, identificheremo i metodi che l'avversario sta usando per influenzare la popolazione, per fermarli se possibile, ma cercheremo di rafforzare la fiducia nella comunità che la coalizione può proteggerli e garantire controllo e sicurezza".

Jack annuì e prese appunti per trasmetterli alla squadra. Tutto ciò che veniva detto, era convogliato nell'elmetto dei suoi soldati nei veicoli che seguivano, anche se non c'era soluzione tecnologica per impedire ai soldati di addormentarsi subito dopo essersi seduti all'interno di un veicolo.

"L'area circostante è al centro del conflitto", ribadì AN41.

La Guerra Continentale era stata incredibilmente letale: nuove armi, nuove tecnologie, impiegate con una velocità mai vista prima. Tutto era successo in poco tempo. Nell'attuale situazione di stallo politico, le aree "fortemente contestate" potevano diventare terreno di scontro sanguinoso quasi all'istante. AN41 voleva dire che la situazione poteva degenerare, con lo spiegamento di razzi e quadrirotori letali.

"Seguiremo questo percorso fino a poco fuori dal principale centro abitato della valle. Quindi smonteremo i q-ped e ci sposteremo sulle alture, lontani dal convoglio. Poi scenderemo giù in città".

Jack annuì e la guardò per avere maggiori indicazioni, ma qualcosa lo distrasse. Jack spostò il suo schermo in modalità posteriore e osservò il resto della pattuglia. Tre veicoli dell'equipaggio, quello più arretrato portava il rimorchiocon il q-ped. Notò i quadrirotori che atterravano sul veicolo centrale, caricando una batteria e poi ripartendo per riprendere la posizione a una certa distanza dal convoglio. In qualsiasi momento, quattro quadrirotori erano in aria con una formazione a rombo. Almeno due erano armati di sistemi a fuoco diretto o missili a corto raggio.

Stava vedendo le immagini sui suoi schermi e nella sua visiera AR, ma sapeva che AN41 poteva usare il suo chip per vedere i feed nel suo cervello. Sapeva anche che lei gli avrebbe dedicato molto tempo, perché MIND avrebbe monitorato l'alimentazione e individuato i problemi nei dati del sensore integrato dei quad.

Il fulcro robotico delle operazioni del legionario era il q-ped. Erano grandi quanto un cavallo Clydesdale o un cammello di taglia media. Ciascuno portava sul retro una scatola simile a una bara con grandi porte a battente. All’interno una varietà di carichi utili: dai quadrirotori aggiuntivi ai rack per missili a corto raggio, ai materiali medici. Jack non aveva idea di quante varianti esistessero, ma sapeva che si diceva che avrebbero dispiegato armi nucleari durante la fase decisiva dell’attacco contro Donovia.

Si appisolò, cullato dall'oscillazione quasi impercettibile dell’abitacolo, ma si svegliò quando sentì il suono delle campane.

"Jack, passa al feed QC-1", disse AN41. Stava fissando in avanti, persa in tutte le informazioni che la MENTE le ttrasmetteva. Passò al feed del quadricottero in modo da poter vedere quello che lei stava guardando.

La scena davanti a loro sembrava piuttosto cruda. Jack contò i resti di diverse case e almeno tre veicoli che erano stati colpiti con un’arma esplosiva. Una station wagon apparentemente dell'Europa orientale era in fiamme. Molteplici corpi di Otsoiani erano a terra carbonizzati.

"Ci sono dei movimenti sul lato nord del camion bruciato. Hai contatti con il mio puntatore? ”Jack vide il punto a infrarossi che stava irradiando da QC-1. Era sul suo schermo, sospeso su un essere umano in movimento appena a nord del camion.

"Puntatore di contatto", rispose Jack.

"Prendi la tua squadra e andiamo ... qui." Spostò il punto rosso più a nord lungo un'area boscosa che rappresentava la via di fuga naturale.

"Muoversi”. Jack pronunciò le parole nel microfono del suo elmetto mentre saltava da un lato del veicolo e correva verso il resto della squadra. Fece un rapido controllo della sua pistola e fece segno alla sua squadra di radunarsi e seguirlo. Si diresse verso nord.

Il sibilo dei quadrirotori si spense mentre tracciavano un'orbita più grande attorno alla pattuglia. AN41 li aveva mandati lontano. Era esperta e sentiva che c’erano problemi seri. Scese a terra e uno dei q-Ped si spostò immediatamente dal rimorchio e si diresse verso la sua spalla sinistra. AN41 era alta poco più di un metro. Il q-ped alto un metro e ottanta torreggiava su di lei.

Gli altri due legionari non si vedevano da nessuna parte, ma gli altri due q-ped erano scomparsi dal rimorchio.

AN41 non sembrava prendere alcuna precauzione tattica mentre saliva verso l’ultima posizione nota della persona che avevano visto dall’alto. Una porta si spalancò da una delle case e un bambino si gettò a terra ai suoi piedi.

Sembrava avere circa nove anni e provare una tremenda angoscia. AN41 si accovacciò accanto a lui, e gli attuatori del ginocchio del suo esoscheletro emisero un debole gemito. Il ragazzo era coperto di sudiciume. Sollevò il braccio sinistro come a difendersi mentre AN41 gli parlava piano.

Jack notò che i vestiti e i capelli del ragazzo erano opacizzati dalla polvere fine che ricade a terra dopo che gli edifici sono stati polverizzati con esplosivi o dopo un forte terremoto.

Il ragazzo rabbrividì e parlò in una lingua irriconoscibile per Jack, ma comprensibile al chip dell'AN41.

La sua connessione con la MENTE le permetteva di accedere a un'applicazione di alto livello per la traduzione e la comprensione della gestualità. La MENTE avrebbe fornito all'AN41 la risposta più appropriata, sulla base di ciò che giudicava il miglior modo di agire per la missione. AN41 era comunque un essere umano e poteva scegliere di adeguare la strategia basandosi sul suo istinto, e la MENTE si sarebbe adattata.

E proprio ora, il suo linguaggio del corpo diceva che qualcosa non andava.

Il ragazzo continuò a parlare e indicò il pendio, verso un'altra serie di ville e complessi a circa mezzo chilometro di distanza, costruiti direttamente sul fianco della montagna. Alzò due dita, indicò se stesso e loro. Genitori? Sorelle? Indicò di nuovo il composto centrale sul pendio e si alzò in piedi. Si appoggiò sull'avambraccio destro dell'armatura esoscheletrica della AN41, che conteneva la sua arma da combattimento ravvicinato e di supporto, un sistema a fuoco diretto a canna singola calibro 40. Il ragazzo iniziò a camminare su per il pendio.

“Squadra, vi sta parlando AN41. Pronti al contatto. Saliremo per un controllo”.

Anche mentre si muoveva, Jack lo sapeva, la sua connessione con la MENTE stava adattando la strategia e inserendo nuove raccomandazioni nel suo chip.

------------------------------------------------------------------

“Jack, possiamo eseguire un overwatch sui due complessi più piccoli ad est?". La voce di AN41 arrivò dalle comunicazioni del casco, ma la stava guardando in faccia. Stava "parlando", ma la sua bocca non si era mai mossa; la voce era generata da un computer esattamente come lei. Jack chiamò il comandante della squadra B e li mandò su un muretto basso a poca distanza dal pendio che offriva una copertura frontale e buone linee di vista su tutto il lato orientale del complesso.

Gli altri due legionari erano riapparsi e ora avevano iniziato a risalire il pendio da lati opposti. Ognuno aveva un q-ped nelle immediate vicinanze. Nessuno dei due stava guardando AN41 mentre si faceva strada nel mezzo, dietro il ragazzo.

Jack stava cercando di capire perché i Legionari avessero scelto di fare questa deviazione quando sentì un avviso generato dal computer nelle sue comunicazioni. “Mettiti al riparo. Mettiti al riparo".

In un'era di sensori e sistemi di armamenti collegati in rete, tutto accadde a una velocità che gli umani non hanno la capacità di gestire. Non c'era la luce calda e intensa dall’esplosivo ad alto potenziale. Non c'erano i sibili dei quadrirotori e la rapida successione dei colpi delle mitragliatrici. C'era solo una sensazione di sospensione del tempo e la presenza sonora in aria di un proiettile.

Dietro di loro, uno dei loro veicoli esplose. Jack si stava tuffando verso una grande roccia alla sua destra mentre tutto cominciò a turbinare intorno a lui. Ognuno degli alloggiamenti sul retro dei q-ped si era aperto. Il q-ped di AN41 aveva iniziato a rispondere al fuoco. Erano trascorsi meno di tre secondi.

Il q-ped più a est lanciò in aria tre missili a corto raggio, mentre quello più a ovest dispiegò un gigantesco sistema di fuoco diretto da 25 mm sotto il suo alloggiamento e iniziò a sparare a più di 300 metri lungo il pendio con incredibile precisione.

Jack toccò terra. Sette secondi dopo.

La pressione era sempre più forte. Il q-ped di AN41 esplose.

Jack credeva di conoscere cosa si trovavano dinanzi. Era eccezionalmente raro imbattersi in una bocca da fuoco mobile così precisa, così piccola e con quella velocità di fuoco. Stavano nei guai.

Erano passati altri cinque secondi. Si sentivano i colpi delle mitragliatrici e si vedeva la scia dei missili a corto raggio. Jack non sapeva se provenissero dalla sua parte o dal nemico.

Il q-ped più a ovest si diresse verso il basso per coprire AN41 mentre si muoveva verso la muraglia dove la squadra B di Jack stava nascosta. Strisciò per unirsi a loro e si tirò su dietro il muro mentre lei arrivava e si metteva in ginocchio accanto a lui. I colpi di mitragliatrice colpivano ripetutamente il q-ped.

AN41 spostò la visiera. La sua armatura era crivellata. Lei sorrise. "Ecco il piano".

Fu interrotta, in mezzo al frastuono di missili e colpi di mitragliatrice, da un urlo molto umano. Il ragazzo, quasi dimenticato, era un po 'più in alto sul pendio e sembrava che fosse stato colpito. Mentre le sue urla continuavano, AN41 saltò il muro e si mosse verso di lui. Esitò mentre si chinava sul ragazzo. Quel ritardo fu fatale.

AN41 cadde come se qualcuno avesse spento il suo interruttore della luce. Gli altri due legionari reagirono istintivamente ed entrambi caddero colpiti a loro volta. Improvvisamente, tutto il fuoco dalla cima della collina si spostò sulla muraglia.

"Jack. Sono Annie".

"Rimani lì, 41". Fece segno alla squadra B di coprirlo mentre si preparava a lasciare il riparo del muretto.

"Jack". La sua voce nel suo audio interno era calma e costante, ma insistente. "Voglio che tu mantenga la tua posizione".

Jack respirava affannosamente; lo stress di essere sotto il fuoco, combinato con lo sforzo, gli pompava nelle orecchie e nel cuore.

“Jack, sai cosa sta succedendo. Vogliono prenderci vivi tutti e tre. Ucciderà il resto della tua squadra e poi verrà quaggiù e ci raccoglierà".

Altri tre quadrirotori nemici iniziarono a muoversi più in basso all'orizzonte. Un altro q-ped esplose. L'ultimo q-ped stava impazzendo, lanciando piccoli proiettili in aria a un ritmo insostenibile.

"Jack. Non posso comunicare con la mia squadra. Potrebbero essere privi di sensi. 

Sono anche paralizzata", lei continuò.

"Jack, abbiamo ancora circa 90 secondi. I quadrirotori avranno vita facile, una volta che il q-pad verrà colpito. Questa era una dannata trappola. E ci sono caduta in pieno”.

"Jack, continua a tenere duro. Gli aiuti arriveranno tra 20 minuti. Non abbiamo molto tempo per discutere. Ho bisogno che tu faccia quello che devi fare, come è già successo con tuo fratello".

Jack si ricordò per un attimo dell’uomo in uniforme che porgeva una bandiera americana a sua madre. Aveva sentito delle storie che circolavano, ma non voleva credere che Ben fosse finito in quel modo. Era un eroe.

Adesso i quadrirotori erano vicinissimi.

Annie si tolse l'elmetto e chiuse gli occhi. La sua bocca non si muoveva, ma Jack la sentiva ancora nelle orecchie.

"Jack. Trenta secondi. Sbrigati!".

"Non posso farlo, 41. Non è da me".

“Non c'è tempo per le paure, Jack, è qualcosa di più grande di te. Ecco perché le tue squadre vengono con noi. La MENTE non può farlo per noi, ma tu puoi".

Gli ultimi due quadrirotori stavano sputando fuoco adesso, ma Jack non sentiva più nulla. Il tempo stava rallentando.

Jack rotolò verso un'apertura vicina nella parete bassa, sparò due volte e rotolò all'indietro, ma non prima di intravedere il ragazzo, chiaramente illeso, correre su per il pendio verso il complesso. Doveva essere in parte robotizzato, realizzò Jack, per aver potuto recitare così perfettamente la sua parte in un agguato, per il resto completamente automatizzato.

Immediatamente dopo che Jack ebbe sparato ad Annie, il fuoco si fermò. Lo sciame di missili cadde sulla terra, ormai grumi morti di metallo. I quadrirotri si voltarono e volarono via; il loro ronzio echeggiò nella valle fino a svanire.


L'autore, il colonnello Jasper Jeffers è un ufficiale di fanteria schierato in Iraq, Afghanistan e altrove. Questa storia ha vinto lo Science Fiction Writing Contest del 2019 organizzato dall'Army Mad Scientist Laboratory. Una versione più lunga è stata pubblicata dal Modern War Institute sul suo sito web.

(rp)



  • Yoshi Sodeoka