Seguici
Iscriviti alla nostra newsletter

    30. L’esplorazione continua

    Nelle sue orbite attorno alla cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko, Rosetta continua a scattare foto che stanno permettendo di costruire un mosaico fotografico della sua superficie.

    di MIT Technology Review Italia

    Questa immagine non è altro che un mosaico composto da quattro immagini che sono state scattate il 14 dicembre scorso ad una distanza di 19.4 km dal centro della Cometa 67P/ Churyumov-Gerasimenko. La risoluzione dell’immagine è di 1.66 m/pixel, e il mosaico misura 3.0 x 3.1 km. Fonte: ESA/Rosetta/NAVCAM

    Il mosaico pubblicato ieri sul blog di Rosetta mostra il lato inferiore del lobo più grande della Cometa 67P/C-G ed offre un’altra vista della regione che ospita il masso Cheops e le sue pietre vicine.

    In linea con lo schema di denominazione – basato sull’antico Egitto – che è stato scelto dagli scienziati della missione Rosetta per descrivere elementi caratteristici della cometa, questa regione piatta ed il terreno più accidentato che si denota in alto a destra sono stati chiamati Imhotep, ispirandosi al famoso architetto delle piramidi egiziane del 27° secolo a.C.

    Il nome di questa regione è stato presentato ieri in occasione di un incontro tenutosi all’AGU. L’immagine evidenzia anche la differenza fra la regione liscia, all’interno della quale si trova il masso Cheops, e le aree circostanti, ricche di crateri, fossati e colli

    Come nelle altre occasioni, la rotazione e lo spostamento della cometa durante gli scatti rendono difficoltosa la realizzazione di un mosaico accurato. Potete però fare riferimento allo spaccato qui sotto (per un’immagine ad alta risoluzione potete anche visitare il seguente link).

    Oltretutto, vale la pena precisare che il masso Cheops (visibile nelle immagini in alto e in basso a sinistra del montaggio, oltre che in questealtreimmagini) è ora divenuto un elemento fondamentale per la definizione di uno schema di riferimento per le coordinate scientifiche sulla cometa. Infatti, uno degli assi di questa griglia di riferimento corre dal baricentro della Cometa 67P/C-G e passa attraverso il masso Cheops.

    (MO)

    Related Posts
    Continua

    Gli orologi atomici di domani

    Misurando con precisione le vibrazioni quantistiche negli atomi e la loro evoluzione nel tempo, i ricercatori possono affinare la precisione dei sensori quantistici per ottenere un mondo in miniatura di informazioni non accessibili nei normali scenari
    Total
    0
    Share