Log In
Non hai un account? Registrati
I dati inseriti non sono corretti.
Usa un account esistente:
TR35 10 giovani innovatori
Il progetto, dedicato a progetti innovativi di ricerca applicata, è organizzato da Technology Review Italia in collaborazione con il Forum Ricerca Innovazione Imprenditorialità.
Di il 01-01-70
L'innovazione è inefficiente, è indisciplinata, si contraddice, è iconoclasta e si nutre di confusione e di contraddizioni. Essere innovativo è l'opposto di quello che quasi tutti i genitori si aspettano dai loro figli, quasi tutti i dirigenti dalle loro aziende e i capi di stato dai loro paesi. Le persone innovative sono certamente scomode. Eppure senza l'innovazione siamo condannati, tra noia e monotonia, alla decadenza. Uno dei fondamentali di un buon sistema dell'innovazione è la diversità. Si può dire che più è forte una cultura (nazionale, generazionale, istituzionale) e meno si presta ad accogliere il pensiero innovativo. Credenze condivise e ben radicate, norme largamente diffuse, standard di comportamento sono tutti nemici delle nuove idee. E una società che si vanta della propria armonia interna sarà molto restia ad accettare al suo interno un pensiero poco ortodosso.

Una cultura molto eterogenea, all'opposto, incoraggia l'innovazione per merito di chi ha la capacità di guardare ogni cosa da punti di vista differenti. Questa capacità è uno degli stimoli più importanti della creatività. Fare grandi salti col pensiero è una dote comune a chi concepisce per primo grandi idee destinate al successo. Di solito questa dote si accompagna a una vasta cultura e a un ampio spettro di esperienze.
Gentile utente per visualizzare l'articolo completo, accedi o registrati per far parte degli insider di Technology Review Italia.
Advertisement