Log In
Non hai un account? Registrati
I dati inseriti non sono corretti.
Usa un account esistente:
Giulia Dell’Omo è candidata all’edizione 2017 del premio Giovani Innovatori
Dell’Omo ha scoperto nella fase iniziale della trasformazione neoplastica un meccanismo in cui si combinano la iperproliferazione cellulare e la soppressione delle funzioni delle cellule immunitarie.
Di MIT Technology Review Italia il 22-05-17
La candidata

Nata il 22 gennaio 1990, nel 2015, ha conseguito il Master in Pharmaceutical Biotechnology presso la Università di Milano.

Research fellow, per giovani studenti promettenti.

PhD fellow in Farmacologia sperimentale, Dipartimento di Scienze Farmacologiche e Biomolecolari, Università di Milano.

Supervisore Progetto Master: prof. Paolo Ciana, Dipartimento di  Scienze Farmacologiche e Biomolecolari, Università di Milano.

Il progetto

Nel 2012, il prof. Harold Varmus, direttore del National Cancer Institute, ha aggiunto alla sua lista di “domande provocatorie” i meccanismi con cui i farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) proteggono dal cancro.

Durante il suo dottorato di ricerca, Giulia Dell’Omo ha affrontato questa importante domanda e ha scoperto nella fase iniziale della trasformazione neoplastica un meccanismo in cui si combinano la iniziale iperproliferazione cellulare e la soppressione delle funzioni delle cellule immunitarie.

Il suo studio tende a identificare un nuovo obiettivo comune dei FANS, disaccoppiando le proprietà anti-cancro e le proprietà anti-infiammatorie di questi farmaci, allo scopo di indicare una nuova strategia per una chemio-prevenzione neoplasica sicura ed efficace.

Dall’inizio della carriera scientifica, la sua attenzione si è rivolta alla gestione dei pazienti oncologici, per cui ha intrapreso un progetto rischioso e molto competitivo nella ricerca sul cancro. I risultati di questo progetto stanno mettendo in luce la possibilità di trattamenti nuovi, semplici ed economici, che mirano a ridurre l’incidenza del tumore e il rischio di ricaduta.

Questa nuova strategia farmacologica, che deve ancora venire dimostrata negli studi clinici, prefigura un significativo passo avanti nella giusta direzione per rispondere alla domanda fondamentale del prof. Varmus concernente la lotta contro il cancro.
 
 
 
  • Giulia Dell'Omo
Advertisement